"Aleppo è senza ospedali"

Continuano i bombardamenti sulla città. L'Oms accusa: "Tutte le strutture sono fuori servizio"

"Aleppo è senza ospedali"

La città di Aleppo sta vivendo ore dolorosissime. Missili e bombe vengono lanciati sia da una parte che dall'altra. Nella parte orientale della città gli ospedali hanno subito forti danni. Secondo la direzione sanitaria della città e l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), tutte le strutture sono fuori servizio, mentre l'Osservatorio siriano per i diritti umani fa sapere che alcune strutture sono ancora funzionanti, anche se molti residenti hanno paura a utilizzarle a causa dei bombardamenti.

"Questa distruzione di infrastrutture essenziali per la vita lascia il popolo assediato, compresi tutti i bambini, gli anziani e le donne, senza alcuna struttura sanitaria che offra cure in grado di salvare vite evitando loro di morire", afferma la direzione sanitaria di Aleppo in una dichiarazione inviata a Reuters da un funzionario dell'opposizione. La rappresentante dell'Oms in Siria, inoltre, Elizabeth Hoff, ha riferito che un gruppo di agenzie umanitarie guidate dall'Onu che ha base in Turchia oltre il confine "ha confermato oggi che tutti gli ospedali di Aleppo est sono fuori servizio".

L'avanzata dei russi e dei governativi è iniziata martedì, proprio quando la tv di Stato siriana ha riferito che l'aviazione aveva preso di mira "roccaforti e depositi di rifornimento di terroristi" ad Aleppo. Mosca sostiene di avere compiuto raid aerei solo in altre parti della Siria.

Nel frattempo, l'America ha condannato i raid aerei che hanno colpito ospedali ad Aleppo est e ha invitato la Russia a procedere a una de-escalation. "Gli Stati Uniti condannano nei termini più forti questi orribili attacchi contro infrastrutture mediche e lavoratori umanitari", afferma la consigliera per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, Susan Rice, aggiungendo che "non ci sono scuse per queste azioni efferate". Rice chiede anche "l'immediata cessazione dei bombardamenti".

Commenti