Ankara, attentato al corteo pacifista. Il ministero: sono 97 le vittime

Più di 100 i feriti in un attentato nella capitale turca, dove i sindacati manifestavano per chiedere la pace

Sono quasi cento le vittime accertate in Turchia, in un attacco ad Ankara, dove i sindacati erano pronti a mettersi in marcia per chiedere la pace, in un Paese scosso dagli scontri che, soprattutto nel meridione, oppongono l'esercito ai militanti curdi del Pkk, dopo la rottura del cessate il fuoco.

Il bilancio delle vittime è salito costantemente dalle prime notizie questa mattina e in questo momento il ministero dell'Interno turco parla di 97 vittime e 48 feriti gravi, su un totale di 246.

In piazza c'erano le sigle dei lavoratori, gruppi della società civile e membri del Partito democratico del popolo (Hdp) di Selahattin Demirtaş, i cui ministri si sono dimessi da poco dall'esecutivo, in polemica con le politiche di Erdoğan.

Sessantadue i morti sul colpo, gli altri sono deceduti dopo essere stati trasportati in ospedale, in quella che viene già definita come la strage più cruenta della storia moderna del Paese.

Ieri sera il Hdp aveva detto di attendersi a breve una proposta del Pkk per un nuovo cessate il fuoco. Parole a cui ha fatto seguito oggi una dichiarazione unilaterale da parte del Partito dei lavoratori, che ha assicurato una tregua fino alle elezioni di novembre.

Al momento non sono molte le certezze sulle esplosioni di oggi. Il governo parla di un attentato terroristico e una fonte della sicurezza parla di un attentato suicida. Manca comunque ancora una rivendicazione, mentre il presidente chiede "solidarietà e determinazione come la risposta più giusta al terrorismo".

Il premier Ahmet Davutoğlu ha convocato una riunione d'emergenza e i repubblicani di centrosinistra del Chp, come anche il presidente Erdoğan, hanno annullato per oggi gli impegni politici.

Demirtaş intanto attacca l'Akp, parlando di un partito con "le mani sporche di sangue", che accusa di "sostenere il terrorismo". "Se non si sostiene il governo - punta il dito - si viene privati dei diritti umani fondamentali".

Commenti

epc

Sab, 10/10/2015 - 10:27

E' stato Putin!!!!!!! Anzi, no è stato BERLUSCONI!!!!!!!

Nonlisopporto

Sab, 10/10/2015 - 10:30

voglio una Turchia estremista islamica

Massimo25

Sab, 10/10/2015 - 11:21

Signori é presto per esporsi..ma la logica é semplice.A chi interessa una Turchia in stato di guerra??Alla Russia??stanno realizzando lavoroi e progetti insieme importanti..Forse c'é qualcuno che ha bisogno che la Turchia si senta attaccato ed ecco che arrivano i nostri della NATO e il mago di colore di Washington...a dettare i tempi..se fosse veramente un attentato tutto é chiaro...PKK contro ISIS,PKK accusato dell'attentato Erdogan contro PKK...chiaro.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 10/10/2015 - 11:22

Se e' stato un attacco suicida e' una lurida faccenda islamica. Si scannano tra loro.

tormalinaner

Sab, 10/10/2015 - 11:40

La solita tecnica, attentati poi leggi speciali da parte di Erdogan per contrastare la "minaccia" e il potere stringe sempre di più il cappio sul popolo.

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 10/10/2015 - 11:42

epc - Non e` stato Berlusconi, ma Berlusconi e` amicone di Erdogan, e la matrice di stato/servizi deviati, come ai "bei tempi" in italia, e` abbastanza evidente.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Sab, 10/10/2015 - 11:44

In un qualche modo c'è dietro Erdogan,questi perde consensi all'interno del paese e come tutti sanno (vedi l'Italia con le Brigate Rosse ai tempi dell'entrata nel governo del PCI) con l'emergenza c'è la necessità di compattare il paese e di leggi straordinarie.Erdogan comprende che sta perdendo consensi e potere e non vuole che questo accada.

agosvac

Sab, 10/10/2015 - 11:57

La domanda è: chi ha compiuto questo attentato? i curdi non sembrano avere interesse ad agitare acque di per sé agitate, mentre i servizi segreti di erdogan questo interesse lo avrebbero visto che la colpa sarà data ai curdi che, ormai si sa, sono le uniche milizie di terra a dare fastidio all'isis ed allo stesso erdogan che non si sa bene "quanto" sia amico dell'isis!!!

Gaeta Agostino

Sab, 10/10/2015 - 11:59

Non so, mi sa tanto di strategia del terrore messa in atto da chi non vuole che l'area sia normalizzata. Quando si stava trattando di una tregua tra turchi e curdi, tack, arriva l'attentato in una manifestazione pacifista. Chi è che non vuole che quell'area ritorni alla pace e che ha interessi che i turchi abbiano bisogno dell'aiuto della NATO (USA)?

Ritratto di SAXO

SAXO

Sab, 10/10/2015 - 12:55

Dopo il no, del presidente Erdogan(pagliaccio smisurato e criminale) di non fare entrare forze Nato in Turchia per difendere la sua sovranita territoriale del paese, da ipotetici sconfinamenti nei cieli di aerei russi adoperati per il conflitto in corso con i terroristi dell ISIS ,guarda guarda un bell attentato di matrice terrorista,gatta ci cova.Forse un avvertimento della confraternita?

acam

Sab, 10/10/2015 - 13:00

non vi siete accorti che la situazione sociopolitica mondiale stia precipitando in concomitanza con la fine del mandato del cioccolatino? un papa amico dell'islam, gli ebrei che si staccano dagli stati uniti, la fine dell' embargo a cuba, i movimenti etnici fuori controllo, e un presupposto "yes we cann" ma che cosa non fu detto

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Sab, 10/10/2015 - 13:00

Non c'è niente da fare, l'islamismo con le sue guerre interne tra sunniti e sciiti o tra le varie sfumature degli stessi sunniti o sciiti e l'odio verso i cristiani e gli occidentali porta solo morte e dolore. Un islam di pace non esiste. Dove vuole imporsi usa solo prepotenza e violenza, riducendo a zero il valore della vita umana. Non ama integrarsi ad altre culture e impone a forza l'integrazione altrui, persino nelle loro case. In Turchia, paese laico a maggioranza sunnita, si vuole imporre a prepotenza il potere islamico, combattono la minoranza curda che è suddivisa un po più equamente tra sunniti, sciiti e cristiani. Nell'invasione dell'UE avviene lo stesso, pian piano impongono la nostra integrazione. Difficile pensare ad un Islam di pace, non esiste.

soldellavvenire

Sab, 10/10/2015 - 13:37

O-O bomba sui pacifisti... saranno i guerristi? che strano! proprio quando il dittatore turco è in crisi elettorale qualcuno (certamente i comunisti) gli dà un buon pretesto per incolpare i curdi... accidenti c'è qualcosa che non torna: i curdi SONO "i comunisti "

giseppe48

Sab, 10/10/2015 - 13:38

Se rimanevano a casa sarebbero ancora vivi

disturbatore

Sab, 10/10/2015 - 13:41

La Turchia come zona di frontiera in tutti i sensi,un Paese in crescita anche in tema di tensioni interne ed esterne.Tensioni che saranno destinate a rimanere vista la complessita´dei problemi sul terreno e di altri che Erdogan si va´a cercare.La linea destabilizzante tenuta contro la Siria non ha sicuramente giovato alla soluzione,una parte dei curdi ha vissuto e convissuto bene in Siria,il fatto che oggi i gruppi IS,che operano logisticamente spesso da territori turchi,combattano proprio contro i Curdi,disegna un ulteriore quadro esplosivo della situazione.Dalle esperienze italiane degli anni della strategia del terrore,abbiamo imparato a non credere alle prime supposizioni ,spesso la verita´impiega molto tempo a raggiungere il cervello della gente,tutto dipende spesso dalla lunghezza del nervo ottico,e questo organo dipende spesso da gruppi che operano a cavalcioni fra grandi gruppi della geofinanza apparentati alla politica,che quasi mai ci mettono la faccia.

steacanessa

Sab, 10/10/2015 - 13:49

Comunisti contro islamici. Lotta fra assassini. Purtroppo chi paga è chi non ha colpe.

Gianni11

Sab, 10/10/2015 - 13:50

Sta a vedere che mo' la strategia di destablizzazione degli USA e' passata alla Turchia?

Un idealista

Sab, 10/10/2015 - 13:53

La follia in azione.

soldellavvenire

Sab, 10/10/2015 - 13:57

epc - ahahahahahaha no, mi sa che i comunisti che citi stavolta non c'entrano

Ritratto di Civis

Civis

Sab, 10/10/2015 - 14:06

Erdogan sta rapidamente diventando un sanguinario dittatore. E per di più islamico. E la Nato? Dovrebbe metterlo formalmente in discussione e abbandonarlo a sé stesso. Certo che l'ex islamico abbronzato non sarebbe d'accordo e forse anche i repubblicani USA, ma all'Europa non conviene far finta di niente, come al solito, pur osservando quel che avviene in Turchia.

FRANZJOSEFVONOS...

Sab, 10/10/2015 - 14:34

MAGARI QUALCHE GIORNALE O TELEVISIONE DI SINISTRA DICONO CHE CI SONO I SERVIZI SEGRETI ITALIANI DEVIATI PER NON FRA ARRIVARE I CLANDESTINI. SCHERZI A PARTE SONO LOTTE INTESTINE TRA CULI IN ARIA PER L'EGEMONIA DI SOLDI E RICCHEZZE CHE PUO' DARE LA TURCHIA. C'E' ANCHE LA POSIZIONE STRATEGICA MILITARE.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 10/10/2015 - 14:45

Il nemico del tuo amico è il tuo peggior nemico.

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Sab, 10/10/2015 - 14:51

La pervicacia dell'aspirante califfo nel combattere e trascinare per le vie della città i corpi dei curdi porta a questo stato di cose. Inutile nascondersi dietro al dito o dietro la incapace NATO o ancora peggio dietro l'abbronzato.Dovrebbe smetterla di fare il triplo gioco,lasciare in pace i Curdi,smetterla di farci invadere dai clandestini,restituire la metà di Cipro ai legittimi proprietari,smetterebbe tutto d'incanto.Ma da convinto musulmano deve obbligatoriamente bleffare,altrimenti,che islamico sarebbe.

Mobius

Sab, 10/10/2015 - 15:40

E' presto per trarre conclusioni, salvo una, amara e beffarda: questa gente voleva la pace, ed ecco la risposta. E' inutile che tu desideri la pace totale e assoluta, se poi la tua controparte non la vuole. L'unica pace su cui si può fare un (relativo) affidamento è quella armata, vigile e pronta alla reazione; e non la si ottiene di certo con le pacifiche manifestazioni.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 10/10/2015 - 15:53

IL NUOVO ORDINE MONDIALE AL LAVORO, LI CHIAMA DANNI COLLATERALI, CERCA DI IMPAURIRE LE MASSE PER RENDERLE SCHIAVE AL TIRANNO DI TURNO CHE METTERA' O HA GIA' MESSO IL QUEL TERRITORIO, QUI AVETE RENZI E MATTARELLA CHE NON AVETE VOTATO INFATTI

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 10/10/2015 - 15:58

Questi sono gli "amici" degli americani. Siamo messi bene! Era meglio il buon vecchio Gheddafi di questo sanguinario dittatore che risponde al nome di erdoğan. Ma quello lo abbiamo dovuto ammazzare, mentre con questo ci facciamo lingua in bocca...

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 10/10/2015 - 16:01

acam condivido in pieno la sua analisi. E gli hanno anche dato il premio Nobel per la pace a questo delinquente della casa bianca!

Ritratto di pravda99

pravda99

Sab, 10/10/2015 - 16:10

Con un bilancio ora cosi` pesante, e quindi una potenza esplosiva da guerra, e` piuttosto probabile l'attentato di stato, dei servizi turchi o esteri, per mettere in essere quella strategia della tensione che tanto si addice a Paesi strategicamente chiave, ma democraticamente immaturi, per di piu` in balia di torbidi interessi stranieri. L'Italia c'e` passata 40 anni fa. E` inquietante che la Turchia sia nella NATO (anche se per ovvi motivi), e ancor di piu` che sia in lista di attesa per entrare nell'UE.

VittorioMar

Sab, 10/10/2015 - 16:10

...si sta innescando una catastrofe Mondiale con conseguenze terribili di distruzione dell'UMANITA'...si conteranno solo VITTIME e nessun VINCITORE...

nalegior63

Sab, 10/10/2015 - 16:42

eccola la mossa dei figli di satana delo nuovo disordine mondiale

gianni.g699

Sab, 10/10/2015 - 16:44

Da noi alluvioni e tempeste, da loro bombe e attacchi suicidi, la regia è sempre dello stesso regista !!!

Ritratto di mina2612

mina2612

Sab, 10/10/2015 - 17:48

L'islamico Erdogan nega che ci sia stato il genocidio dei curdi. Erdogan sostiene i terroristi dello Stato Islamico dell'Isis. Ergogan vuole entrare prepotentemente a far parte dell'UE... quindi non si può non pensare che sia il veicolo legale per l'attuazione del nuovo continente chiamato Eurasia, la cui nuova etnia sostituirà la vecchia popolazione europea.

baio57

Sab, 10/10/2015 - 17:59

Siria,Libia,Turchia,Isis,Kurdistan,Cecenia,Ucraina-Crimea,Afghanistan,ecc.ecc.ecc...... Leggendo i vari commenti non mi sono fatto ancora un'idea di cosa caXXo stia succedendo .Mah !

Ritratto di GIANCAGIO

GIANCAGIO

Sab, 10/10/2015 - 18:06

In Italia e, più in generale, in Europa, episodi di questo genere saranno sicuramente in cantiere e avverranno quando avremo accolto un numero di immigrati ritenuto adeguato dai programmatori / panificatori di attentati...

blackbird

Sab, 10/10/2015 - 18:31

@ epc: Concordo. Qui ci vuole una bella inchiesta. Potrebbe iniziarla la procura di Milano, poi si vedrà la competenza chi ce l'ha.

Ritratto di michageo

michageo

Sab, 10/10/2015 - 19:32

...cui prodest???.....tra meno di un mese ci sono le elezioni e qualcuno (chissà chi.....) ha difficoltà sempre più solide

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Sab, 10/10/2015 - 20:06

Questo é Il risultato degli imbecilli occidentali che hanno preteso la fine dei militari kemalisti e annullare l'ordine di Ataturk che Ben sapeva con che mostro aveva a che fare, l'islam politico. La fratellanza.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Sab, 10/10/2015 - 21:05

Il problema sarà convincersi che i mandanti dell'esecutore di questo fatto sono quelli che si sospettavano fin da sempre.

vinvince

Dom, 11/10/2015 - 09:05

Osservo da tempo che le nazioni che avevano una economia sana o in crescita vengono ridimensionate o rallentate in un modo o in un altro . È stata la volta della Turchia ma possiamo scrivere anche Germania, ( del resto dell' Europa sappiamo ) , Cina, Brasile , Russia, aggiungiamo poi Iraq, Libia e Siria ... Palestina e Israele sono su una brutta strada . Ho dimenticato qualcosa ? Strano, non ho scritto USA ...

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 11/10/2015 - 23:11

In Turchia si accende l'aggressione degli islamici divenuta ormai globale. I brutali nipotini di maometto massacrano chi combatte l'ISIS. I curdi sono gli unici a contrastare con determinazione le belve assassine dell'ISIS e per questo ogni loro sostenitore va eliminato. LE ISTRUZIONI PER ELIMINARE GLI INFEDELI SONO DESCRITTE MINUZIOSAMENTE NEL CORANO CHE PROMETTE ANCHE IL PREMIO AGLI ASSASSINI. E la sinistra degli stolti continua ciecamente a parlare di integrazione.