Da un anno in ospedale: quando il Covid non passa

A Leeds un insegnante è ricoverato da aprile del 2020. Il Covid gli ha lasciato gravi danni allo stomaco, nebbia cerebrale e dolori muscolari

Da un anno in ospedale: quando il Covid non passa

Sta destando stupore nel Regno Unito il caso unico di Jason Kelk, 49enne insegnante di Leeds che sta lottando da un anno contro il Covid. Questo professore di informatica presso una scuola primaria è stato infatti colpito dall'infezione nell'aprile del 2020 e da allora non è più uscito dall'ospedale, poiché i sintomi della malattia, malgrado egli si sia negativizzato, non sono cessati. La rara sindrome che ha colpito il 49enne del West Yorkshire è stata denominata dagli esperti "Long Covid" e riguarderebbe nel mondo circa una persona contagiata su 10.

Quello dell'insegnante citato è ormai il caso di Long Covid più duraturo di tutto il Regno Unito, con Kelk messo sempre più a dura prova nel corpo e nell'equilibrio mentale. Egli era stato ricoverato d'urgenza lo scorso aprile per un’infezione al torace causata dal coronavirus e le sue condizioni di salute si erano aggravate giorno dopo giorno. Il docente era stato quindi ricoverato in terapia intensiva presso il St James' Hospital di Leeds, trovandosi letteralmente in bilico tra la vita e la morte. Una volta stabilizzatosi il suo quadro clinico e dopo essersi negativizzato, il paziente era stato trasferito nel reparto delle riabilitazioni, ma l'infezione gli avrebbe lasciato strascichi che ancora lo tormentano.

Il Covid ha infatti procurato al professore danni persistenti allo stomaco, in particolare una gastroparesi, facendolo soffrire di regolari attacchi di vomito. Kelk, inoltre, non è ad oggi capace di camminare da solo ed è tormentato da dispnea, nebbia cerebrale e dolori muscolari. Secondo i medici, a favorire l'impressionante aggressività del contagio e a fare sprofondare il 49enne nell'incubo del Long Covid sarebbe stato soprattutto il fatto che tale soggetto era già affetto da patologie croniche, quali diabete e asma.

Commenti