Famiglia in quarantena: bimba di 11 anni trova in camera i cadaveri dei genitori

Non si conosce ancora l’identità della bambina e neanche quella delle vittime, ma, da indiscrezioni, è emerso che queste sarebbero sulla quarantina

Famiglia in quarantena: bimba di 11 anni trova in camera i cadaveri dei genitori

Negli Stati Uniti, una bambina di 11 anni ha trovato in casa i cadaveri dei suoi genitori, che stavano trascorrendo in camera da letto la quarantena per contagio da Covid. La macabra scoperta sarebbe stata fatta dalla piccola, e dalla polizia lì intervenuta, il 18 febbraio, ma solo ultimamente sono stati comunicati dagli agenti maggiori dettagli sulla vicenda. Le forze dell’ordine non hanno ancora svelato l’identità della bambina e dei suoi genitori, ma, da indiscrezioni, è emerso che gli adulti deceduti sarebbero due individui sulla quarantina. L’episodio di cronaca è avvenuto nello Stato del Missouri, nella città di Mehlville. In tale Stato, le infezioni da coronavirus accertate sono state finora quasi 520mila, mentre le morti dovute alla malattia in questione sono state 8,404.

Secondo la versione della polizia, al commissariato sarebbe arrivata in quel giorno di febbraio, intorno alle 10:30, una chiamata d’emergenza relativa a una situazione sospetta nei pressi dell’abitazione della coppia. Sarebbero stati dei vicini di casa della famiglia in questione a informare gli agenti del fatto che la bambina aveva trovato i corpi senza vita dei genitori. Giunti sul posto, i poliziotti non hanno potuto fare altro che accertare il decesso in casa dei due adulti. Gli investigatori avrebbero quindi raccolto diverse informazioni sulle vittime grazie alla collaborazione di vicini e parenti dei malcapitati. Tra queste informazioni, ha evidenziato la stampa locale, vi sarebbe il dato per cui la coppia era stata messa in quarantena dopo avere presentato i sintomi del Covid ed essere risultata positiva. Un portavoce della polizia ha quindi ultimamente chiarito: “Gli agenti non hanno osservato alcun segno di morte violenta nella residenza. Non abbiamo motivo di credere in questo momento che la loro morte sia stata causata da qualcosa di diverso dal Covid-19”.

Alcuni familiari della coppia e della bambina stanno esprimendo alle emittenti del posto tutta la loro costernazione per quanto accaduto a Mehlville, parlando di “vicenda terribile e tragica”. Gli stessi hanno poi manifestato tutta la loro preoccupazione per quella 11enne, trovatasi all’improvviso davanti a una scena macabra e sconvolgente. Dai racconti fatti dai residenti della zona è anche emerso che la stessa coppia era assolutamente benvoluta dal vicinato e che, a Natale, aveva regalato dei biscotti alla famiglia della casa affianco.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento