Baviera, parroco suicida per dipendenza da pornografia

Prima di toglirsi la vita, era stato lui stesso in una lettera d'addio a chiedere che durante i funerali fosse reso noto il motivo del gesto

Baviera, parroco suicida per dipendenza da pornografia

Una insopportabile dipendenza dalla pornografia che ha portato un parroco della comunità di Grattersdorf, un paesino in Baviera a pochi chilometri da Passau, a toglersi la vita.

Josef S., questo il nome del 59enne parroco, era stato trovato morto la settimana scorsa. Era stato lui stesso, nella lettera d'addio, a chiedere che durante i funerali fosse reso noto il motivo del suicidio.

Il parroco ha raccontato nella sua ultima lettera il suo lento scivolare nel mondo della pornografia: le lunghe ore trascorse sui siti internet vietati ai minori, lo scarico sulla memoria del computer di video e foto, l'incapacità di staccarsi da quella che lentamente si era trasformata in una vera e propria dipendenza.

Per il 59enne, che si era formato su studi giuridici e teologici, la vita si era trasformata in un peccato che contraddiceva il voto di castità. Una contraddizione che l'uomo religioso non è riuscito a sciogliere, fino alla fine.

Come ha riportato il tabloid bavarese "Abendzeitung", la polizia non ha ravvisato nell'azione del parroco alcun reato, nè erano mai state sporte denunce per molestie.

Commenti