La caccia a Salah è una farsa: lo vedono ma non lo prendono

Il jihadista sarebbe stato avvistato a Liegi dalle unità speciali. Ora sarebbe in la Germania. Ma niente è certo

La caccia a Salah è una farsa: lo vedono ma non lo prendono

Continua la fuga di Salah Abdeslam, il terrorista legato allo Stato islamico ricercato per gli attacchi del 13 novembre scorso a Parigi. Salah, che non figura fra i 21 arrestati di ieri in Belgio, potrebbe essere, come riportano i quotidiani belgi Le Soir e La Libre Belgique, l'uomo sospetto avvistato ieri intorno alle 19.30 dalle unità speciali nei pressi di Liegi.

Secondo quanto riportano i media belgi, l'uomo era a bordo di una Bmw serie 3 o 5 e si trovava lungo l'autostrada E40 in direzione della Germania. Nel primo pomeriggio, la Procura belga ha chiarito che è risultata estranea alle indagini la Bmw coinvolta nella notte in un incidente e il cui conducente non si è fermato a un controllo di routine.

Il 26enne francese è stato avvistato con certezza sabato 14 novembre, il giorno dopo la strage, mentre passava la frontiera franco-belga a Cambrai. Viaggiava su una Golf in compagnia di altri due uomini. Il gruppo però non è stato fermato perché non era ancora arrivato l'allarme da Parigi. Poi su Salah solo voci, tra cui almeno 60 avvistamenti a Molenbeek. Secondo i media spagnoli, invece, Salah avrebbe attraversato i Pirenei. Giovedì scorso sarebbe stato visto ad Anderlecht, a sud di Bruxelles, mentre ora sarebbe diretto in Germania.

Nel frattempo, Bruxelles è ancora in stato di allerta massima per il terrorismo. Rimangono ancora chiuse le scuole, le metropolitane e diversi grandi centri commerciali.