California, passeggero apre il fuoco sul bus: un morto e cinque feriti

L'uomo ha estratto la sua pistola e iniziato a sparare all'impazzata uccidendo una donna. L'aggressore è stato subito bloccato e preso in custodia dalla polizia

Ha aperto il fuoco all'improvviso uccidendo una donna e ferendo altre cinque persone. Un passeggero di un autobus diretto a San Francisco e partito da Los Angeles, in California, ha estratto la sua pistola e iniziato a sparare all'impazzata. Una donna è morta sul colpo, mentre altre cinque persone sono rimaste ferite.

L'episodio è avvenuto nella notte mentre il pullman della compagnia Greyhound con 43 persone a bordo si trovava sull'Interstate 5, a circa 80 miglia a nord-ovest da Los Angeles nella contea di Kern. A dare l'allarme sono stati gli stessi passeggeri.

Secondo quanto riportano i media locali, alcuni passeggeri, spaventati, hanno cercato rifugio nella parte posteriore dell'autobus. L'autista è riuscito a convincere l'aggressore a scendere dal mezzo e a lasciare la pistola a bordo del pullman. Poi ha ripreso la corsa, fermando il bus in una stazione di servizio in attesa dei soccorsi che sono subito giunti sul posto e hanno trasportato i feriti in ospedale. Le loro condizioni di salute non sono ancora state rese note, ma due persone sarebbero ferite in modo grave. L'autista del bus "ha gestito la situazione in modo professionale e appropriato per ridurre al minimo qualsiasi altra possibile vittima", ha dichiarato la polizia.

Le forze dell'ordine hanno precisato che l'aggressore, non ancora identificato, è stato rintracciato e si trova ora in custodia della polizia. Non sono ancora chiari i motivi che hanno spinto l'uomo ad aprire il fuoco sull'autobus: cinque i passeggeri feriti, di cui due in gravi condizioni, e una donna morta. Secondo le prime indiscrezioni, la vittima sarebbe una 51enne di origine colombiana. "I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a tutte le famiglie colpite dall'incidente di oggi", si legge in una nota dell'azienda di trasporti Greyhound Lines che ha spiegato anche di voler collaborare con le autorità nelle indagini.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.