Entra in chiesa e spara. Ma i fedeli lo fanno arrestare

Ancora sparatorie negli Stati Uniti. Un uomo armato ha fatto irruzione una chiesa a Laguna Woods e ha ferito alcuni fedeli che assistevano alla funzione religiosa

Entra in chiesa e spara. Ma i fedeli lo fanno arrestare

Il giorno dopo la strage di Buffalo che ha causato la morte di 10 persone, un altro grave episodio ha sconvolto la comunità americana.

Un uomo, durante una funzione domenicale, è entrato armato in una chiesa di Laguna Woods a 80 km a sud di Los Angeles, in California, e lì ha cominciato a sparare contro i fedeli che stavano assistendo all'attività religiosa. I fatti si sono svolti intorno alle 2.00 americane del pomeriggio, che corrispondono alle 23 in Italia. Un gruppo di religiosi formato da circa 60 persone, non appena finita la celebrazione della messa, stava iniziando a festeggiare. La festa era in onore di un ex pastore di una congregazione taiwanese, così si erano riuniti nella chiesa di Geneva Presbyterian Church di El Toro Road. L'aggressore, un asiatico di 60 anni, a quel punto è entrato e ha aperto il fuoco uccidendo un fedele e ferendone altri cinque: quattro di loro sono molto gravi, il quinto è in condizioni stabili.

Il 60enne è stato bloccato e disarmato dai fedeli e, dopo aver allertato gli agenti, è stato arrestato e portato in caserma per essere interrogato. Al momento non è chiaro quale sia il motivo di tale gesto, pare invece che l'asiatico non fosse un cittadino di Laguna Woods.

Il dipartimento dello sceriffo della contea di Orange con un tweet ha espresso cordoglio nei confronti delle vittime dichiarando che presto verranno forniti ulteriori dettagli sull'indagine.

Commenti