Cambridge Analytica, anche 200mila italiani contagiati dalla società

Sono 57 gli italiani che avevano scaricato l'app thisisyourdigitallife. Da loro è partito il contagio anche degli amici su Facebook. In totale sono 214mila i profili violati

Anche gli italiani nel vortice Cambridge Analytica. Sono poco più di 214mila gli utenti di Facebook a cui la società ha avuto accesso. Il contagio è partito da 57 profili che hanno installato l'app thisisyourdigitallife, creato dal matematico Alexander Kogan per Cambridge Analytica.

È a partire da questi profili che la società si è infiltrata nei profili Facebook degli amici, fino a raggiungere un totale di 214.123 profili. Tra gli altri profili violati ( in tutto sono 87 milioni) , la maggioranza appartiene a utenti statunitensi. Seguono poi Filippine, Indonesiae e Gran Bretagna.

Nuove misure per la privacy

Facebook ha comunicato che saranno ulteriormente rafforzati gli strumenti a tutela della privacy a disposizione degli utenti. Il social network cancellerà i registri delle telefonate e i testi in Messenger e Facebook Lite che hanno più di un anno.

Dal 9 aprile inoltre nella "News Feed", gli utenti avranno un link per vedere facilmente "quali applicazioni utilizzano e quali informazioni hanno condiviso con queste app". Inoltre Facebook ha disabilitato la possibilità di cercare un utente inserendo il suo numero di telefono o indirizzo e-mail, un meccanismo che ha consentito - ha riconosciuto il social network- abusi ad "attori maligni"

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.