"Le parole di Obama? Da infarto". Castro frena sull'amicizia con gli Usa

Il Lider cubano invita a non dimenticare 60 anni di "aggressioni" dopo la recente apertura con Washington

Fidel Castro in uno scatto del 2013
Fidel Castro in uno scatto del 2013

"Regali dall'impero" a Cuba non ne hanno bisogno. È questa la convinzione di Fidel Castro, che in un articolo pubblicato di recente e intitolato "Fratello Obama" ha rispedito al mittente le offerte di amicizia da parte degli Stati Uniti, senza rinnegare l'apertura tra i due Paesi ma ricordando che dopo sessant'anni di rapporti più che complicati non si può pensare di dare un colpo di spugna al passato.

I cubani "non rinunceranno alla gloria, ai diritti e alla ricchezza spirituale che hanno conquistato con lo sviluppo dell'educazione, con la scienza e con la cultura", sostiene Castro, parlando di parole "da infarto" in riferimento a quanto detto da Obama, che ha invitato a "dimenticare il passato e guardare al futuro".

"E coloro che sono morti negli attacchi mercenari a navi e porti cubani, un aereo di linea fatto esplodere in volo, invasioni di mercenari, attacchi multipli di violenza e prove di forza?", chiede retoricamente il Lider Maximo. Almeno per la propaganda ufficiale, tra Cuba e Stati Uniti è ancora gelo.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti