La Cina svela il caccia J-20, la sfida "invisibile" agli Usa

La Cina dovrebbe aver completato quattro J-20, ma tale numero potrebbe triplicarsi entro i prossimi sei mesi. Il primo impiego operativo sarà nel Mar Cinese Meridionale nel 2018.

Svelato per la prima volta al pubblico, durante la cerimonia di apertura dell’Air Show China, nella città meridionale di Zhuhai, il caccia di quinta generazione Chengdu J-20. Due i velivoli con livrea aria-aria, probabilmente la medesima svelata due settimane e scelta per il basso tasso di produzione iniziale, che hanno attraversato il campo di volo della mostra aeronautica di Zhuhai, in Cina. Quelli mostrati al pubblico dovrebbero essere i prototipi operativi con numero di serie 2011 e 2017 in configurazione di pre-produzione. I primi due J-20, numero di serie 2001 e 2002, sono stati utilizzati come dimostratori tecnologici.

Il Chengdu J-20

Il progetto Chengdu J-20, caccia di quinta generazione decollato per la prima volta nel gennaio del 2011, è definito dal Pentagono come una piattaforma a lungo raggio, in grado di penetrare ambienti pesantemente difesi. La Cina dovrebbe aver completato quattro J-20, ma tale numero potrebbe triplicarsi entro i prossimi sei mesi considerando che la piattaforma, lo scorso giugno, è entrata ufficialmente in Low Rate Initial Production (LRIP). E’ attualmente equipaggiato con due turboreattori di fabbricazione russa. Per il Chengdu J-20 si prevedono sei varianti: intercettore a lungo raggio, dogfight e scorta, attacco al suolo, ricognizione a lungo raggio, attacco elettronico e piattaforma di lancio per missili anti-satellite. Fin dalla prima presentazione ufficiale, i cinesi hanno sempre affermato che la piattaforma di quinta generazione Chengdu J-20, avrebbe avuto prestazioni simili all’F-22, ma con i costi operativi dell’F-35. Impossibile, al momento, verificare tali affermazioni in modo indipendente. L’entrata in servizio con Capacità Operativa Iniziale è fissata per il 2018. Il J-20 dovrebbe trasportare internamente fino ad un massimo di quattro missili BVRAAM, beyond-visual-range air-to-air missiles e due a corto raggio, probabilmente PL-10. Dovrebbe raggiungere una velocità massima di 2,100KMH secondo una stima effettuata con i due Saturn AL-31. Il primo impiego operativo per il J-20 sarà nel Mar Cinese Meridionale.

Il problema dei motori

Il J-20 tra ispirazione da diversi progetti. Evidenti le similitudini nel design con il dimostratore tecnologico MiG 1.44 e con l’EFA 2000. Il Pentagono, ha sempre pensato si trattasse di una versione derivata dal Northrop YF-23, unico prototipo proposto insieme all’YF-22 per il progetto Advanced Tactical Fighter. Così come i russi per il T-50, anche i cinesi non saranno in grado di raggiungere il pieno potenziale della piattaforma fino a quando non avranno sviluppato dei motori con un rapporto spinta-peso di dieci a uno e che possano esaltare le caratteristiche di un profilo aerodinamico di quinta generazione. I cinesi starebbero sfruttando la tecnologia dei turbofan russi NPO Saturn AL-41F1 che equipaggiano i Su-35E per sviluppare un nuovo sistema propulsivo.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Albius50

Mar, 01/11/2016 - 12:42

NON E' GRANCHE' se si tratta DI QUELLO VERO.

ernestorebolledo

Mar, 01/11/2016 - 12:56

La Cina dominerà il pianeta terra nel prossimo futuro

agosvac

Mar, 01/11/2016 - 13:08

Vuoi vedere che copiando, copiando, i cinesi riescono a fare qualcosa di addirittura superiore a ciò che hanno copiato??? Anche i giapponesi hanno cominciato a fare auto copiando i progetti europei ed americani. Oggi fanno macchine di livello decisamente ottimo. La serie Toyota Lexus non ha niente da invidiare alle Mercedes, se non il nome!!!

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 01/11/2016 - 13:25

RUSSIA + CINA + ISRAELE = LA MORTE DELL'AQUILA E LA DISTRUZIONE DELLA PIRAMIDE CON L'OCCHIO SATANICO DI LUCIFERO.

Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Mar, 01/11/2016 - 14:21

@Dragon_Lord: purtroppo ho la sensazione che Israele stia dalla parte dei giusti, anzi...

antipifferaio

Mar, 01/11/2016 - 16:16

Da un po' vedo un proliferare di armi volanti e non solo...il che mi fa pensar male. Comunque, seppur validi i cinesi, quelli russi sono tecnologicamente più avanzati persino degli ultimi americani. Non che la cosa entusiasmi molto in quanto non parliamo di videogames ma di armi reali e letali. Spero ci si limiti solo ad una manifestazione propagandistica per il popolo più che altro...e Dio voglia che la vittoria di TRUMP disinneschi il detonatore messo da Obama e che potrebbe esplodere con la vittoria della Clinton. Dio ci salvi...dai partiti democratici...

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 01/11/2016 - 17:55

VORREI SENTIRE IL PARERE DEL ITALO TEDESCO NAPOLETANO DI COLONIA SIMPATIZZANTE DEGLI USA COSA NE PENSA..

Linucs

Mar, 01/11/2016 - 19:37

La conclusione possibile è soltanto una: la Cina vuole distruggere Israele. (mano sul portafogli)

Ritratto di Shard

Shard

Mar, 01/11/2016 - 19:57

Questi americani, e tutti gli occidentali, sono arrivati alla fine. Hanno portato le loro imprese in Cina, hanno lasciato che cinesi si impossessare della loro tecnologia ... era inevitabile che quelli, zitti zitti, pensassero di applicare ciò che avevano copiato alla tecnologia militare, e domineranno il mondo. A volte chi copia riesce a fare meglio dei ciò che copia. Io a scuola copiavo, e il mio compito era sempre migliore di quello da cui avevo copiato

Algenor

Mar, 01/11/2016 - 23:33

A differenza della Russia, la Cina é una superpotenza economica in grado di sostenere una competizione militare simmetrica contro l'America: se una volta eguagliati gli Stati Uniti sul piano qualitativo (tecnologico), decidessero di eguagliarli anche sul piano quantitativo (numerico), allora verrebbe messo in crisi il dominio statunitense in Asia Orientale ed anche il loro deterrente nucleare, costretto a fronteggiare contemporanemente l'enorme arsenale nucleare russo ed un analogo arsenale cinese.

ArturoRollo

Mer, 02/11/2016 - 06:04

Il cinese J20, che ricorda gli F22 americani (perche' figlio di quello che I Cinesi sanno fare meglio e - cioe' - spionaggio industrial e militare !), è in volo dal 2011, anche se non è ancora entrato in servizio. Un anno dopo Pechino ha avviato i test dell’FC31, sosia dell’F35 americano. Il ministero della Difesa dell’ex Celeste Impero a maggio ha replicato al rapporto del Pentagono che parlava di “forte insoddisfazione e decisa opposizione”, accusando gli Stati Uniti di “commento improprio” su questioni tra cui lo sviluppo di armi.Washington ha tuttora un vantaggio: i suoi aerei anti-radar sono operativi, mentre Russia e Cina sono impegnate anche nello sviluppo di sistemi antiaerei più sofisticati. Mosca afferma che il nuovo S-400 può abbattere aerei a una distanza massima di 236 miglia, pari a circa il doppio del missile predecessore.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 02/11/2016 - 16:22

I cinesi hanno un vantaggio immenso: sono cinesi. Ossia sarebbero capaci di vivere sotto terra in gallerie per decenni se ciò servisse. Il Vietnam ha dimostrato che la tecnologia non è tutto in guerra.... la Cina è Cina.