Così il governo ucraino glorifica il nazista che schiacciò Varsavia

A partire dal prossimo 30 gennaio, l'Ucraina renderà omaggio a Petro Dyachenko, che durante la Seconda guerra mondiale combattè come volontario al fianco dei nazisti

Così il governo ucraino glorifica il nazista che schiacciò Varsavia

Che tra le fila dei combattenti pro Kiev ci fossero dei nazionalsocialisti più o meno dichiarati è cosa nota. Il battaglione Azov ne è un esempio. Pravy Sektor, il partito nazionalista e paramilitare ucraino, ne è un altro.

Ora però sembra che l'Ucraina stia per glorificare con pubblici onori Petro Dyachenko, che durante la Prima guerra mondiale combattè con la Russia zarista, mentre durante la Seconda guerra mondiale come volontario al fianco dei nazisti. Entrò prima nel 31esimo Schutzmannschafts Battalion del quale poi, nell'agosto del 1944, divenne comandante.

Sempre nel 1944, Dyachenko fu tra coloro che comandarono le truppe nazionalsocialiste nella repressione della Rivolta di Varsavia. Grazie a questa "prodezza", Dyachenko fu insignito della Croce di ferro dal tenente della Wehrmacht Wilhelm Schmalz.

A partire dall'anno prossimo, grazie all'iniziativa del presidente del parlamento ucraino Volodymyr Groysman, Dyachenko verrà commemorato ufficialmente nel giorno della sua data di nascita: il 30 gennaio.

Commenti