Covid-19, Svezia ora ci ripensa: "Basta con il 'tutto aperto'"

Le statistiche impongono alla Svezia un cambio di strategia contro il Covid-19. Ora il governo pensa di procedere con le chiusure

Immunità di gregge o chiusura quasi totale delle attività pubbliche e lavorative? La Svezia, almeno per ora, ha scelto la via meno battuta. Quella che in un primo momento sembrava voler perseguire anche Boris Johnson.

Londra, in realtà, sta ancora riflettendo sul da farsi. Se non altro perché qualcuno inizia a pensare che quello imboccato sia un sentiero senza troppe vie d'uscita. È la domanda delle domande dei nostri tempi: prediligere la salvezza del sistema economico o provare a tutelare più vite possibili? In termini semplicistici, ci si potrebbe chiedere se esista una differenza tra la ricetta basata sulla "etica protestante" e quella centrata sulla dottrina cattolica.

Sia come sia, le strategie dei politici, degli epidemiologi e degli immunologi devono badare alla casistica ed alle cifre. A volte i due piani coincidono, altre no. Stoccolma, in queste ultime ore, è stata costretta ad assistere ad una progressione rilevante in termini numerici.

Le statistiche non mentono: 6.443 contagi e 373 morti. Nelle nazioni limitrofe a quella svedese, come sottolineato dall'agenzia Nova, il quadro non è simile ma migliore. E allora persino l'ultra-progressista esecutivo svedese pare intenzionato a modificare l'impostazione di base, adottando le più classiche tra le contromisure anti Covid-19. E anche in questo caso gli analisti prevedono che il governo possa e debba voler fare in fretta e furia, senza passare troppo dalla dialettica parlamentare. Un'altra costante di questa fase politologica.

Un retroscena emerso in queste ore racconta di come i vertici di Stoccolma abbiano già scritto una proposta calata dall'alto. Un disegno legislativo che ora però necessita almeno del vaglio della opposizione. Poi, con buone probabilità, la quarantena, l'isolamento, il distanziamento sociale e le altre forme di tutela con cui abbiamo imparato ad avere a che fare entreranno a far parte del vocabolario quotidiano degli svedesi.

Il nuovo coronavirus sembra in grado di far allineare le decisioni dei governi. La Svezia aveva individuato un numero: 50. Quello è tuttora il limite previsto in relazione ad un altro dei termini più in voga questo periodo: l'assembramento. Ma ora la "curva" suggerisce l'urgenza di un adeguamento con le disposizioni degli Stati che hanno deciso di chiudere tutto o quasi.

"Ognuno decide come procedere per il distanziamento sociale e per rafforzare il sistema sanitario. Noi lo facciamo in un modo diverso", ha dichiarato al Dagens Nyheter il premier Stefan Löfven, che è un socialdemocratico di ferro. A quella messa a punto era seguito un coro di giubilo da parte progressista.

La stessa elegia che non si è palesata quando a parlare, più o meno per mezzo di argomentazioni associabili, era stato Boris Johnson. Pazienza. Ora in Svezia si parla di dividere la pandemia per fasi. Quella del "tutto aperto" potrebbe presto volgere al termine.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ROUTE66

Dom, 05/04/2020 - 14:44

CHE MORBIDEZZA DI TONI,PER LE DECISIONI PRESE DAL GOVERNO SVEDESE. Chissà perchè il guanto di velluto lo si usa a fasi alterne. PER LE STESSE DECISIONI A QUALCUNO MAZZATE TREMENDE,AD ALTRI UN BUFFETTO,(è la nuova democrazia che avanza)

rasiera

Dom, 05/04/2020 - 15:00

prima di commentare bisogna vedere che misure adotteranno, l'articolo non dice niente, c'è solo il titolo.

Frankdav

Dom, 05/04/2020 - 16:01

Per quanto mi riguarda possono tenere tutto aperto, sarebbero gli unici in Europa a non adottare il lockdown, poi vediamo come va a finire mi sembra che altri ci abbiano provato salvo poi recedere

Ritratto di asimon

asimon

Dom, 05/04/2020 - 16:01

svezia e olanda hanno in comune la stessa strategia nei confronti del virus e cioè l'immunità di gregge ma non sento i nostri "esperti sinistroidi" strillare contro di loro, assolutamente no ma sono fissati sempre e solo contro Boris Johnson Trump Putin e Orban

bernardo47

Dom, 05/04/2020 - 16:03

Sarà meglio che si sbrighino,anziché cicncischiare! Oramai sono traboccanti di virus e sta per esplodere epidemia nelle città e negli ospedali!

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Dom, 05/04/2020 - 16:20

conteranno i morti con la calcolatrice. forse pensano che l'alcool basti ad evitare il virus

Klotz1960

Dom, 05/04/2020 - 16:24

La Svezia e' un Paese nella piu' buia decadenza grazie all' immigrazione, ed anche ora non si smentisce. Se non chiude come tutti, bisogna reintrodurre il visto per l' entrata degli Svedesi in Italia.

Gianca59

Dom, 05/04/2020 - 17:20

Ma che razza di governanti ci sono in giro per il mondo ? Dei ganassoni e basta !

Lugar

Dom, 05/04/2020 - 17:24

Abbiamo capito che paesi come la Svezia, Germania, GB, e altri che ora non mi vengono in mente, hanno parlato con toni da super popolo per le loro difese contro il virus, per poi sconfessarsi completamente di queste loro convinzioni. Ma è così difficile parlare con meno boria e più realtà?

sparviero51

Dom, 05/04/2020 - 17:58

HANNO SMALTITO LA SBRONZA !!!

killkoms

Lun, 06/04/2020 - 17:54

suprematisti nordici!