Unite contro il virus: il documentario sulla lotta al Covid-19 di Cina e Italia

Il documentario ''Insieme: Cina e Italia unite contro l'epidemia'' ripercorre la battaglia combattuta dai due Paesi contro il Covid-19

Durante le fasi più critiche della pandemia di Covid-19 la Cina ha rafforzato la collaborazione con molti Paesi del mondo, affrontando questa inedita sfida insieme a loro. L'Italia, una delle nazioni più colpite dal virus, ha trovato nel gigante asiatico un solido alleato.

Se oggi Roma è riuscita a rialzare la testa dopo settimane complicate, una parte del merito va sicuramente a Pechino che, grazie all'invio di materiali sanitari e team di medici specialisti, non ha mai fatto mancare il suo appoggio, soprattutto all'inizio dell'emergenza.

Per ripercorrere la lotta congiunta di Italia e Cina, unite per contrastare la diffusione del nuovo coronavirus, lo scorso 17 maggio sul canale asiatico di CCTV4, nel corso della rubrica ''Bond with China'', è andato in onda, in prima visione, il documentario ''Insieme: Cina e Italia unite contro l'epidemia''. Nello stesso giorno lo speciale è stato trasmesso anche dal canale europeo di CCTV4, a conferma dell'importanza dell'importanza della collaborazione sanitaria tra Pechino e Roma.

Il documentario ''Insieme''

Il documentario (visibile in streaming a questo link) è stato ideato e prodotto da China International Television Corporation, in collaborazione con la sezione italiana del Centro programmi linguistici per l’Europa e l’America latina di China Media Group. L'approfondimento ripercorre le tappe principali della battaglia congiunta di Italia e Cina contro il nuovo coronavirus ripercorrendo la sequenza temporale della diffusione dell’epidemia di Covid-19 nel nostro Paese e nel mondo.

Attraverso materiale fotografico e audiovisivo capace di toccare il cuore del pubblico, senza ricorrere a spiegazioni o didascalie, vengono raccontati fatti e storie di persone che in Cina e in Italia hanno lottato contro il virus. Questo documentario mostra inoltre la forza che il Dragone ha saputo diffondere durante questa battaglia globale contro il nuovo coronavirus, e le soluzioni da essa proposte. Bisogna infatti ricordare che la Cina, in qualità di grande Paese responsabile, ha offerto il suo contributo alla collaborazione internazionale contro l’epidemia e alla creazione di una “Via della Seta della Salute”.

Il team che ha girato questo documentario, in mezzo a mille comprensibili difficoltà, ha intervistato, nel bel mezzo della pandemia, molte figure importanti provenienti da Cina e Italia: esperti, studiosi, personalità nel campo della cultura, dell’arte, della diplomazia, dell’economia e dell’istruzione. Tra gli intervistati troviamo anche cittadini comuni - italiani e cinesi residenti in Italia - personale dell’Istituto Confucio, membri del team di esperti medici cinesi in Italia, e parte del personale del CNPC, del China National Museum, della Central National Orchestra e del Gruppo Haier. Nel documentario sono stati raccolti materiali forniti da Cina e da Tgcom24.

Un'amicizia millenaria

Il 2020 non è un anno come gli altri per le relazioni tra Italia e Cina. Già, perché in questo anno ricorre il 50esimo anniversario dell'allacciamento delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi oltre all'anno della cultura e del turismo sino-italiano. La lotta combattuta contro il Covid-19 spalla a spalla da Roma e Pechino ha lasciato al mondo il ricordo di momenti emozionanti, pur all'interno di una tragica cornice per l'umanità intera.

La storia della civiltà cinese e italiana ha radici profonde, si è sviluppata grazie agli scambi amichevoli intrattenuti lungo l'antica Via della Seta e si è ulteriormente rafforzata con la recente iniziativa della ''Nuova Via della Seta'', alla quale l'Italia (primo tra i Paesi del G7) ha scelto di aderire. Ora, nel corso dell'epidemia, il legame tra Cina e Italia si è rafforzato ulteriormente nel segno della solidarietà e nella speranza di un futuro sempre più condiviso.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.