Florida, rilasciati dopo 43 anni di carcere: "Non hanno commesso omicidio"

Zio e nipote erano in carcere dal 1976 per l'omicidio di una donna. Dopo quasi 43 anni sono tornati liberi

In una sera di maggio del 1976, sono a una festa a Jacksonville, in Florida. In un appartamento poco distante, nelle stesse ore, una donna viene uccisa e un'altra ferita gravemente. Dopo poco Clifford Williams Jr. e suo nipote Hubert Nathan Myers finiscono in carcere. La donna sopravvissuta alla sparatoria li identifica come gli assassini.

Clifford e Hubert si difendono, ma nessuno crede in loro e controlla il loro alibi. Così i due vengono condannati all'ergastolo. Secondo il giudice, avrebbero ucciso per motivi legati ad alcuni debiti di droga. Come riporta il Corriere, la decisione del tribunale si basa però solo sulla testimonianza della donna sopravvissuta.

Quando, nel 2001, la testimone viene a mancare, zio e nipote si rivolgono alla Conviction Integrity Review Unit per cercare i possibili errori giudiziari. "Non crediamo nella correttezza di questa condanne", ha detto il procuratore Melissa W. Nelson dopo aver analizzato il caso.

Ora, dopo quasi 43 anni da quella terribbile notte che li ha visti finire in prigione, i due sono liberi di tornare a casa.

Secondo quanto prevede la legge della Florida, chi è stato ingiustamente incarcerato (e non ha precedenti penali) ha diritto a un risarcimento da 50mila dollari l'anno fino a due milioni. Oggi Clifford e Hubert hanno 76 e 61 anni e possono finalmente godersi la loro libertà.

Commenti

kennedy99

Dom, 31/03/2019 - 19:12

specifichiamo che è successo in florida. dopo 43 anni di carcere. perchè non hanno commesso nessun omicidio. in italia invece anche sei hai commesso un omicidio vieni rilasciato ugualmente. non occorre fare 43 anni di carcere.