Forze inglesi a Kiev per addestrare gli ucraini

Il Times rivela come alcuni reparti delle forze speciali britanniche avrebbero formato truppe ucraine all'utilizzo di missili destinati a distruggere i carri armati russi

Forze inglesi a Kiev per addestrare gli ucraini

Le forze speciali inglesi avrebbero addestrato gli ucraini. Lo scoop è del Times. Secondo il quotidiano inglese è la prima volta dallo scoppio del conflitto che dei battaglioni di Zelensky ricevono un addestramento militare dai britannici. A rivelarlo sono alcuni ufficiali, che avrebbero ricevuto delle importanti dritte, negli ultimi giorni, su come portare avanti i combattimenti.

La principale missione è stata addestrare le nuove reclute e quelle già in campo all'utilizzo dei Nlaw (Next Generation Light Anti-Tank Weapons), i missili anti carro armato già dati a quelle popolazioni quando erano iniziati i primi bombardamenti. Il Regno Unito, già nei primi giorni dall'invasione, aveva fornito questa sorta di bazooka, leggeri da trasportare ma allo stesso precisi ed efficaci nel centrare i bersagli. La formazione sarebbe avvenuta a Obolon, a pochi chilometri dalla capitale, dove dall'alba fino alla sera si sono tenute esercitazioni basate sulla specializzazione in armi per le quali i militari ucraini non avrebbero avuto, prima d'ora, alcuna pratica. L'addestramento è stato fatto dagli uomini dello Special air services, tra le migliori forze speciali al mondo, conosciute con l'acronimo Sas.

Il capitano Yuriy Myronenko rivela come "erano bravi ragazzi gli inglesi" quelli con cui sono confrontati. Tanto che gli stessi soldati li hanno invitati a far loro visita quando la guerra sarà terminata.

L'assistenza da parte dei soldati di Sua maestà per certi versi evidenzia come ormai si sia sempre più vicini al punto di non ritorno. Putin, infatti, minaccia l'Occidente, preannunciando "conseguenze imprevedibili" e soprattutto impedisce al premier Boris Johnson e ai suoi ministri di entrare in Russia. Tra i non desiderati anche l'ex primo ministro Theresa May.

Commenti