Francia, proposta choc del sindaco dell'Ump: "Vietare l'islam per legge"

Robert Chardon scatena una bufera in tutto il Paese. Lui non molla. "Chi non è d'accordo prenda e la barca o l'aereo e torni in Maghreb". Imbarazzo di Sarko

Il sindaco di Venelles Robert Chardon
Il sindaco di Venelles Robert Chardon

Se fosse per lui, l'islam andrebbe vietato per legge. Con questa proposta-choc il sindaco di Venelles, in Costa Azzurra, Robert Chardon, ha suscitato una furibonda polemica politica in tutta la Francia.

"Chi contravviene a questa disposizione prende la barca o l'aereo... L'islam torni in Maghreb, bene così", ha aggiunto.

Come riporta Le Figaro, il primo cittadino ha lanciato su Twitter l'idea di "vietare il culto musulmano in tutta la Francia". Immediatamente si è scatenata una vera e propria bufera, con il partito di Chardon, l'Ump di Nicolas Sarkozy, che si è dissociato dalle dichiarazioni del proprio amministratore ed ora, per esplicita ammissione del diretto interessato, potrebbe valutarne l'espulsione. Nel frattempo il sindaco di Nizza Christian Estrosi, anch'egli dell'Ump, ha annunciato l'avvio di una procedura di esclusione.

Di fronte alle polemiche, però, Chardon non sembra inquietarsi: incalzato da altri utenti di Twitter, ha spiegato di volere una revisione della legge del 1905 sulla separazione tra Chiesa e Stato: il sindaco auspica che la Fede cristiana sia "favorita" dalla repubblica, poiché la cultura francese è giudaico-cristiana. Non pago, il sindaco non esita a paragonarsi a Luigi XIV, a cui riconosce il merito della revoca dell'editto di Nantes del 1598 sulla libertà religiosa.

Non è la prima volta che Robert Chardon finisce al centro delle polemiche per la sua islamofobia. In passato, aveva pubblicato l'invito ad "adottare un maiale" in tutte le case di Francia per "proteggersi" dai musulmani.

Commenti