Germania, allarme della polizia: "Con gli arrivi di immigrati stanno nascendo nuovi clan criminali"

I nuovi immigrati starebbero tentando di scalzare dalle posizioni di potere criminale gli storici clan malavitosi stranieri della Germania

La polizia tedesca ha in questi giorni lanciato l’allarme, ai microfoni dei media locali, circa la nascita nel Paese di nuovi clan criminali per effetto dei recenti flussi migratori verso la Germania.

Deutsche Welle ha infatti diffuso l’amara constatazione di Holger Münch, capo dell’agenzia nazionale di pubblica sicurezza Bka, basata sulla messa in evidenza dei legami tra nuova immigrazione e criminalità.

Secondo l’alto funzionario, gli stranieri in arrivo ultimamente in Germania starebbero ingrossando sempre più le file della malavita organizzata. Nelle indagini sulle attività illegali, spiega l’emittente, sarebbe appunto coinvolto un numero crescente di immigrati, tanto che “in almeno un terzo dei procedimenti penali sono risultati implicati soggetti di origini straniere”. Di conseguenza, a detta di Münch, le forze dell’ordine devono “tenere gli occhi aperti” circa le connessioni tra flussi migratori e sviluppo di nuovi clan criminali.

Individui giunti in Germania in seguito alle ultime ondate migratorie, principalmente di nazionalità siriana e irachena, starebbero infatti tentando di subentrare alle storiche famiglie malavitose straniere radicate nel Paese, soprattutto a quelle con radici libanesi. Anche se finora i siriani e gli iracheni non sarebbero riusciti a costituire dei veri e propri clan, Münch, citato sempre dal network in questione, ha comunque esortato le autorità a non sottovalutare la fame di predominio criminale nutrita dalle nuove generazioni di immigrati.

Un altro dirigente della polizia tedesca interpellato dalle televisioni nazionali, e quindi anche da Deutsche Welle, in merito alla comparsa di nuovi fenomeni di illegalità in conseguenza dei recenti arrivi di stranieri è stato Frank Richter, capo delle forze dell’ordine nella città di Essen. Secondo lui, in tale città, e in tutto l’ovest della Germania, la situazione sarebbe già critica, poiché siriani e iracheni starebbero mettendo in seria difficoltà le famiglie malavitose finora dominanti, con l’obiettivo di “rilevare il business della droga” dai clan storici.

Lo scontro tra vecchie e nuove generazioni di immigrati dediti al malaffare, ipotizza Richter, potrebbe presto “esplodere”, in quanto molti dei soggetti arrivati in questi anni nel Paese provenendo dal Medio Oriente avrebbero esperienza di combattimento, sviluppata vivendo nei teatri di guerra di Siria e Iraq.

Una soluzione proposta dalle autorità per fermare la proliferazione di nuovi clan dovuta alla crescita del fenomeno migratorio è l’introduzione dell’“inversione dell’onere della prova”. Andreas Geisel, ministro dell’Interno del Land di Berlino, ha infatti avanzato l’idea, citata da Deutsche Welle, di introdurre nell’ordinamento tedesco, quale deterrente contro l’aumento della criminalità, tale rimedio giuridico, già da anni applicato in Italia nelle indagini antimafia. Secondo il principio in questione, è sempre il soggetto sospettato dalle autorità di essere coinvolto in attività criminali a dovere dimostrare di essere innocente.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di tox-23

tox-23

Mar, 26/11/2019 - 09:25

Almeno in Germania riconoscono pubblicamente il fenomeno. Qui invece nessuno ne parla.

steacanessa

Mar, 26/11/2019 - 09:26

Ma guarda un po’, anche i crucchi hanno scoperto l’acqua calda.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 26/11/2019 - 09:38

No! Chi l'avrebbe mai detto!

aswini

Mar, 26/11/2019 - 10:39

quelli che arrivano in italia, sono santi, stanno occupando interi rioni, spacciano e altre nefandezze ma per gli staliniani va bene

Ritratto di computerinside

computerinside

Mar, 26/11/2019 - 11:09

Tutti a casa! Senza se o ma. Europa diventerà peggio dei paesi sudamericani altrimenti!

ItaliaSvegliati

Mar, 26/11/2019 - 11:41

Che poi li spediscono sedati in Italia...vero ministro dell'interno?

Ritratto di primulanonrossa

primulanonrossa

Mar, 26/11/2019 - 12:30

^(*@*)^ Qua da noi hanno già attecchito da un bel po’ di tempo e, hanno già radici profondissime, tutte le organizzazioni criminali del mondo in Italia trovano l’eden, il paradiso, il santo Graal. Ci dovrebbero spiegare perché tutti delinquenti del mondo non dovrebbero venire in Italia per primo non li beccano mai per secondo se li beccano non gli fanno niente , solo nei casi più gravi un buffetto sulla guancia non glielo leva nessuno. Stanno attecchendo perfino le baby gang che scorrazzano e delinquono impunemente a destra e a manca già considerate invincibili.. Tutto questo non si deve sapere acqua in bocca per non creare allarme sociale dicono, ma pensa te!!!!

martinsvensk

Mar, 26/11/2019 - 12:49

Anche qui in Svezia è la stessa cosa, soprattutto nelle grandi città. Malmö ad esempio ha livelli altissimi di criminalità con sparatorie tra gangs rivali di stranieri mediorientali per spartirsi il ricco business della droga arrivata in poco tempo grazie a loro a consumi impensabili. A Stoccolma ci sono sobborghi dove l'immigrazione arriva al 90% con relativi problemi. Il governo non sa che fare stretto, tra il buonismo imperante tra i sinistri e la crescita esponenziale di Sverigedemocrater il partito fratello di AFD che, malgrado l'ostracismo dei radical chic della cuultura e dello spettacolo, è oggi il primo partito di Svezia.Questo anche grazie alla stolida e folle apertura del 2015 della Merkel a tutto il Medioriente.

giancristi

Mar, 26/11/2019 - 13:06

Bisogna ringraziare la Merkel. E' stata lei a spalancare la porta agli immigrati. Anche se di loro non si sa niente! E poi si meravigliano dei successi di Afd!

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 26/11/2019 - 13:20

Ma dove???? Arrivano o per pagare la pensione agli europei ahahahah rispetto x le risorse

Angelo664

Mar, 26/11/2019 - 13:29

Ma va ? Chi l'avrebbe mai detto che dai laboriosi migranti di cui tutti hanno bisogno ( ma per produrre che cosa visto che la manodopera serve solo in cina ) formassero dei clan per delinquere. Strano, stranissimo .

Ritratto di Walhall

Walhall

Mar, 26/11/2019 - 13:37

@martinsvenk: nel 2017 sono andato con la mia barca durante le ferie a Stockholm per trovare e soggiornare da un vecchio amico e cliente svedese, dopo 3 anni che non ci andavo più. Confermo quanto da lei scritto, mi mostrò una città divisa tra benessere e degrado, non dissimile dalle nostre città tedesche. Ma vedere la Svezia, un Paese considerato da sempre efficiente e ordinato, con cui lavoro molto nel settore dell'eolico e del fotovoltaico, e che ho visitato da nord a sud, ridotto così male, fa venire le lacrime. Auspico per voi una virata politica, sociale e culturale. A Greta Thunberg non le hanno ancora insegnato a pronunciarsi dove vive e nemmeno che se le cose continueranno così, non dovrà vivere ma sopravvivere non ai cambiamenti climatici, ma a quelli etnici.

kennedy99

Mar, 26/11/2019 - 14:12

il governo farlocco che sta governando adesso sta dormendo sogni d'oro pensa solo ha far sbarcare clandestini e hai ricollocamenti.

agosvac

Mar, 26/11/2019 - 14:18

Che l'immigrazione favorisca la delinquenza è risaputo. Ma che in Germania esista solo delinquenza da parte di immigrati mi sembra alquanto strano. Come se i tedeschi fossero tutti angioletti dediti all'osservazione delle leggi. Francamente mi sembra del tutto anomalo. Forse sono proprio i delinquenti tedeschi che non sopportano di essere defraudati dei loro facili guadagni.

Iacobellig

Mar, 26/11/2019 - 15:30

Date la notizia alla Boldrina e a tutta la sinistra italiana e europea che vogliono porti aperti, compresa l’indagata Rachete e la magistratura che sostiene tali aperture!!! E Mattarella continua a guardare!

ulio1974

Mar, 26/11/2019 - 15:59

balle! i profughi sono tutti dei poveretti in fuga dalla guerra, e cercano solo un po' di pace qui da noi.

ulio1974

Mar, 26/11/2019 - 16:05

ecco perchè vogliono andare tutti in germania, francia, svezia! là ci sono ancora molte possibilità per ampliare il proprio losco business, da noi tutto è monopolizzato dalla mala indigena, cosa nostra, 'ndrangheta e camorra in primis.

ilrompiballe

Mar, 26/11/2019 - 16:07

Ci sono arrivati ! Benvenuti nel club dei vedenti.

martinsvensk

Mar, 26/11/2019 - 16:10

Walhall , parlare di degrado in Svezia mi sembra troppo, ma certo che l'immigrazione spropositata di culture opposte a quella scandinava ha stravolto i paesi nordici. Essendoci qui molto spazio si sono creati sobborghi che gli svedesi hanno abbandonato come Rinkeby o Tensta dove gli islamici la fanno da padroni. Inoltre si è abusato della generosità svedese a livelli intollerabili. È di questi giorni la notizia che ha sconvolto la Svezia del Ministro della difesa iracheno, che era emigrato in Svezia e prendeva ancora da ministro il sussidio svedese che si dà ai nullatenenti (socialbidrog). E... tutti zitti, altrimenti si rischia la tremenda accusa di razzismo. Questo è quanto.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mar, 26/11/2019 - 16:17

È da tempo che penso [e sostengo] che gli europei si sono bevuti il cervello. Il processo di tentata integrazione [iniziato dal 1990] con soggetti provenienti sempre più in alto numero da mondi e culture completamente diversi apporterà solo aspetti negativi e pericolosi per la tenuta sociale del continente, nella sua fase transitoria che è solo all'inizio. Chi può [come Norvegia e Svizzera] se ne terrà ben al di fuori, come gli Inglesi che hanno votato in maggioranza per la "brexit" soprattutto avendo in mente questo tema. A tutti gli altri tanti auguri...

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 26/11/2019 - 16:58

Ma come? Non li accoglievate con i cartelli "Welcome Refuges"? Cambiato idea?

istituto

Mar, 26/11/2019 - 17:01

C'è un'altra notizia che nessuno dà. Alle uscite/entrate delle Chiese , dei supermercati , cimiteri ecc , gli extracomunitari hanno soppiantato con la forza , le minacce e violenza , gli italiani poveri che non fanno clan perché non sono una forza criminale e quindi sono letteralmente spariti. Me lo diceva un mio vecchio amico povero che frequentava le mense Caritas ed infatti il fenomeno è sotto gli occhi di tutti. Perché il Giornale non fa un servizio giornalistico in merito? Grazie.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mar, 26/11/2019 - 17:02

Sta cosa chi gliela dice alla Boldrini? Le verrà un colpo quando saprà che le sue risorse anziché pagarci la pensione saranno destinate come manovalanza della criminalità...tempi bui!

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 26/11/2019 - 17:08

ulio1974, fuggono dalla guerra anche i maschi di 1.80 per 90 kg.? Allora non sono profughi ma DISERTORI!

zen39

Mar, 26/11/2019 - 17:11

Succederà che in Italia saranno le nostre mafie a liberarci di quelle straniere visto che chi governa ignora il fenomeno o fa finta che non esista. Per loro stessa ammissione alcuni mafiosi nigeriani hanno asserito di essere arrivati qui con i barconi. Mi chiedo, quanti delinquenti sono arrivati tramite le Ong ? Chi mi dice che non scappino dal loro paese per sfuggire al carcere ? Quanti assassini stiamo accogliendo ? Ma per la sinistra sono tutti poveretti e indifesi nonostante paghino migliaia di euro per il viaggio e non vede di buon occhio nemmeno un controllo su di loro.

ilrompiballe

Mar, 26/11/2019 - 17:11

aorlansky60: con un sindaco di Londra islamico e con il riconoscimento alle corti islamiche giudicanti, non mi pare che gli inglesi siano poi messi tanto bene. Francamente, se ne vadano e si tengano sindaco e corti, sperando che comunque il contagio non si diffonda.

andy15

Mar, 26/11/2019 - 17:15

@agosvac: prima di parlare a sproposito col solo obiettivo di rimanere allineati al pensiero unico, varrebbe la pena di leggere il testo. Il quale dice chiaramente che “in almeno un terzo dei procedimenti penali sono risultati implicati soggetti di origini straniere”. Cioe' un terzo, non tutti.