Mondo

"Dormiva in platea senza mascherina": bufera su BoJo

Lo staff del premier Johnson ha replicato alle polemiche negando che l'esponente tory stesse allora dormendo, ma le ironie sul web impazzano

"Dormiva in platea senza mascherina": bufera su Boris Johnson

Il primo ministro britannico Boris Johnson è finito nella bufera per una foto che apparentemente lo immortala mentre "dorme in platea" durante il vertice internazionale sul clima Cop26, di Glasgow. Il premier appare infatti senza mascherina e con gli occhi chiusi, come se fosse proprio in preda a un colpo di sonno.

Nello scatto, Johnson è seduto a volto scoperto tra il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Gutesses, posizionato alla destra dell'esponente tory, e il il 95enne sir David Attenborough, noto divulgatore e naturalista scientificio britannico. La foto incriminata ha subito fatto il giro del web, diventando virale e scatenando caustiche ironie e meme canzonatori, ma anche dure critiche nei confronti del primo ministro. L'inquilino di Downing Street è stato infatti biasimato sui social per essersi tolto la mascherina anti-Covid in uno spazio chiuso prima di cadere vittima della stanchezza. Anche l'opposizione laburista ha attaccato il primo ministro per via di quella foto, con la deputata Anna McMorrin che ha rinfacciato al primo ministro il fatto di essersi seduto senza mascherina accanto al 95enne Attenborough: "Una cosa è mostrare quanto poco ci tieni, ma un'altra è sedersi accanto al 95enne David Attenborough e non indossare una maschera".

Lo staff di Johnson ha subito provato a smorzare le polemiche e a difendere il premier negando che quest'ultimo si fosse allora appisolato e dichiarando: "Quella che circola è una foto, in cui si vede il primo ministro con gli occhi chiusi. Nelle altre immagini ha sempre gli occhi aperti". La verità su quello scatto non si saprà a breve, poiché, al momento, non esistono video in cui si possa certificare se il poltico conservatore stesse realmente sonnecchiando. Le critiche e le prese in giro nei riguardi del premier di Sua Maestà continuano comunque a inondare la rete.

Commenti