Cinitalia

L'Italia sotto la luce

"Durante il primo lockdown ho realizzato una serie di acquerelli di paesaggi italiani, facendo leva sulla pressione come fonte di ispirazione e servendomi del pennello come di un’arma"

L'Italia sotto la luce

Mi trovavo a Milano durante il primo lockdown. In quei giorni stavo anche per laurearmi. È stato un periodo molto impegnativo per me: sotto pressione per la laurea, ma anche preoccupata per la minaccia dell’epidemia. Tuttavia, ho realizzato una serie di acquerelli di paesaggi italiani, facendo leva sulla pressione come fonte di ispirazione e servendomi del pennello come di un’arma. Lo scopo di questa serie di dipinti è ricordare alla gente di guardare sempre la bellezza e la luce, anche nei periodi più cupi, come quello dell’epidemia. Così su ogni edificio o paesaggio raffigurato è sempre presente un forte riflesso di luce del sole.

Ho donato questa serie di sei acquerelli alla Wenzhou Charity Association, che in precedenza aveva comprato maschere da donare all’amministrazione di Venezia. Ho anche creato un cartone animato in cui sono raffigurati un marinaio cinese in abiti tradizionali e un gondoliere veneziano, entrambi in piedi sulla stessa barca, mentre gridano coraggiosamente e avanzano temerari. Il disegno della barca si ispira sia alla barca drago che alla gondola, fondendo i loro elementi distintivi. I due marinai affrontano il vento e le onde circondati dal coronavirus, che è però spaventato a morte dalla loro determinazione.

Commenti