"L'Occidente è in crisi valoriale": l'accusa del cardinale ungherese

L'Occidente in crisi per via del relativismo. Così il cardinale ungherese Peter Erdö, in un discorso alla Columbia. Ecco le parole del porporato

"L'Occidente è in crisi valoriale": l'accusa del cardinale ungherese

"Dimenticando la fede, radicata nella legge naturale, l’Occidente ha cominciato a percepire la verità come qualcosa di relativo, evolutivo, in continua evoluzione". A parlare è il cardinale Peter Erdö, Arcivescovo di Budapest e Primate d’Ungheria, che durante un convegno alla Columbia University di New York ha sottolineato come, secondo il suo punto di vista, "l’idea del relativismo e dell’incertezza della legge naturale hanno guadagnato terreno, così come la separazione della legge dalla cosiddetta moralità naturale". Dopo le critiche e gli avvertimenti di Joseph Ratzinger sul secolarismo e sulla relativizzazione dei valori, insomma, qualcuno in Vaticano sembra deciso a tornare sul tema.

"Secondo il tradizionale discorso democratico occidentale - ha dichiarato il cardinale secondo quanto riportato da La Fede Quotidiana - politici e partiti presentano e difendono i loro programmi in modo razionale e maturo, i cittadini responsabili fanno le loro scelte usando argomentazioni razionali". "Sembra essere un circolo vizioso - ha però evidenziato il cardinale ungherese - dobbiamo riporre la nostra fiducia in qualcuno in anticipo, nelle premesse fondamentali di un programma politico, per consentire che la decisione di cui ci fidiamo possa essere presa". E ancora: "Nonostante la debolezza della nostra comprensione di Dio", dovremmmo far sì di "non abbandonare la nostra ricerca della verità", ha chiosato.

Il cardinale ungherese, ancora, ha ricordato come i totalitarismi abbiano rappresentato il vertice della discesa morale e valoriale dell'Occidente:"I processi di Norimberga hanno dimostrato a quanto possa condurci la separazione tra legge e moralità”, ha specificato. "Non è stato facile condannare le persone le cui azioni erano basate su leggi attuali ma immorali”. Il comunismo, invece, per Peter Erdö ha la responsabilità di aver lasciato un "vuoto morale" in seguito alla caduta dell'ideologia in questione e di aver sostitutio alla "moralità tradizionale" quella marxista.

Peter Erdö è stato il cardinale più giovane sino al novembre del 2010. Ex presidente della Conferenza episcopale ungherese, è stato presidente del Consiglio delle conferenze dei vescovi d'Europa.

Commenti