L'Olanda chiude per il Covid-19: parte la corsa per la cannabis

L'Olanda scende in campo contro il coronavirus, ma i giovani si riversano nelle strade per acquistare cannabis nei coffee shop

L'Olanda non sembra disposta a rinunciare ad alcuni dei suoi costumi: la nazione dei Paesi Bassi si appresta ad approvare le contromisure che servono per combattere la diffusione del coronavirus, mente i coffee shop sono stati interessati da una vera e propria ressa.

Molte persone, in specie tra le giovani generazioni, non vogliono rimanere senza determinate sostanze durante l'isolamento, la quarantena o la semi-quarantena cui saranno costretti. Possibile, anzi più che probabile, che anche quella tipologia di negozi rientri nell'insieme delle attività che dovranno chiudere per un po' di tempo. I provvedimenti dovrebbero essere simili a quelli approvati dall'esecutivo italiano. Pare normale, dunque, assistere al fenomeno che in queste ore è stato riportato tanto dai media nazionali quanto da quelli internazionali: assembramenti consistenti dinanzi ai negozi che hanno la facoltà di alienare un certo quantum di droghe leggere.

Stando a quanto riportato da Leggo, in un articolo che è stato ripreso pure da Dagospia, pure le misure olandesi dovrebbero presentare più o meno la stessa durata delle nostre. Forse il tutto si protrarrà qualche giorno in più rispetto al 3 di aprile. Poi, ovviamente, tutto dipenderà dalla curva che riguarda i contagi. Gli esperti hanno spiegato più volte come l'inversione del flusso sia l'obiettivo dichiarato da tenere a mente. Come del resto è avvenuto in Cina negli ultimi giorni, dove sembra si stia registrando qualche miglioramento.

Il bollettino della nazione ex Benelux è stato aggiornato poco fa, secondo il quadro che è approfondibile pure sull'Adnkronos: le persone contagiate risultano essere 1.413, mentre i deceduti sono 278. Questa è la casistica attuale inerente all'Olanda. Ma le agenzie rimarcano pure le scelte fatte dai consumatori olandesi in queste ore: l'Agi ha sottolineato come, tra i prodotti che vanno "a ruba" ci sia la Space Cake, la più classica delle torte alla cannabis o simili.

Di certo c'è di come Mark Rutte, il primo ministro che è espressione del Partito popolare, si stia per adeguare a quello che è già accaduto in altre parti d'Europa: gli istituti scolastici, i bar ed i ristoranti dovrebbero essere i primi a chiudere. Poi, magari, sarà la volta di altre disposizioni.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

killkoms

Mar, 17/03/2020 - 11:23

i soliti!