Louisiana, 15enne uccisa da adolescenti. Il delitto ripreso "in diretta social"

Grazie ai video e alle foto dell’assassinio pubblicati in diretta sul web, la polizia è riuscita a raccogliere importanti prove sulla dinamica del delitto

Negli Usa è andato ultimamente in scena un “omicidio in diretta”, in cui è rimasta uccisa una ragazza adolescente e in cui risultano implicate, quali presunte responsabili, altre minorenni. L’assassinio in questione, ripreso in diretta social, si è verificato sabato scorso, intorno alle 19:30, in un grande magazzino Walmart nella città di Lake Charles, in Lousiana. La giovane vittima è una 15enne, colpita a morte da dei coltelli impugnati da delle ragazze più piccole di lei, che hanno ripreso in diretta l’aggressione incriminata pubblicando in diretta sul web video, foto e post relativi all’omicidio che queste ultime stavano perpetrando. Proprio grazie alle medesime riprese, però, la polizia è venuta a conoscenza di importanti dettagli sulla dinamica del fatto di sangue e sull’identità delle assassine. La 15enne, dopo l'accoltellamento, è stata portata in gravi condizioni in un ospedale cittadino, dove è deceduta.

L’adolescente uccisa sabato scorso nel centro Walmart resta, per il momento, coperta da anonimato, così come le quattro ragazze (una di 14 anni, due di 13 e una di appena 12 anni) arrestate quali responsabili del delitto. Le quattro indiziate sono attualmente detenute presso un locale carcere minorile, incriminate per avere pugnalato a morte la malcapitata, all’interno del grande magazzino, utilizzando coltelli rubati nello stesso Walmart. Le minorenni, mentre si avventavano contro la vittima, riprendevano con i loro cellulari la scena del crimine, pubblicando in diretta su Facebook e Instagram foto e video di quella follia. Grazie ai filmati in questione, gli investigatori hanno potuto successivamente raccogliere prove decisive sull’omicidio di Lake Charles: Tony Mancuso, sceriffo del distretto di Calcasieu, ha a tale proposito dichiarato: “Tutto il caso si è svolto in diretta davanti a noi attraverso Facebook e Instagram. Abbiamo filmati di tutto ciò che è accaduto ed è molto inquietante”. Non sarebbe ancora chiaro il movente dell’episodio di cronaca, ma, secondo le forze dell'ordine, tutto potrebbe essere nato da uno scontro tra la vittima e le sue carnefici maturato in precedenza all’interno di un cinema.

Lo stesso Mancuso, durante un incontro con la stampa locale relativo agli ultimi aggiornamenti sul delitto avvenuto in quel Walmart, ha innanzitutto ribadito: “L'intero omicidio è stato pubblicato sui social, non sembra esserci rimorso. È raccapricciante vedere ragazze di 12, 13, 14 e 15 anni comportarsi in questo modo. Noi come società non possiamo tollerarlo. Non possiamo lasciare che questa piaga si impadronisca della nostra comunità”. L’ufficiale ha poi sottolineato che le autrici dell'aggressione "vengono da tutti gli ambienti e sono di tutte le razze”. Lo sceriffo ha quindi evidenziato che il recente delitto di Lake Charles sarebbe il terzo omicidio in sei mesi che coinvolge giovani di età compresa tra gli 11 e i 16 anni. Mancuso ha inoltre delineato la sua personale ricetta contro il rischio che possano esserci in futuro altri reati analoghi: “Abbiamo un problema nella nostra comunità che dovremo affrontare, ed è l'accesso alle armi per i bambini”. Il funzionario ha infine esortato le famiglie del posto a imporre ai rispettivi figli limiti all’uso di cellulari e di altri dispositivi elettronici, nonché a monitorare attentamente ciò che gli stessi pubblicano sui social media. Mancuso ha di conseguenza tuonato: “Questo non è un argomento che riguarda la polizia, ma è una questione familiare. I genitori devono sapere in ogni momento dove sono i loro figli. Devono sapere cosa sta accadendo nelle vite dei loro giovani”. Lo sceriffo ha anche lasciato intendere che potrebbero esserci a breve arresti di altri soggetti coinvolti nell’omicidio.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

rudyger

Mer, 27/01/2021 - 10:54

Non so se in Luisiana ci sia la pena di morte. Se si, queste quattro aspetteranno la maggiore età in galera e poi saranno messe a morte. In Italia saranno premiate con un buffettino e rimandate a casa perchè minorenni. Grande America !

Klotz1960

Mer, 27/01/2021 - 12:07

Questi video non vanno diramati perche' degradano a merce spettacolare la morte di un essere umano.

Mefisto

Mer, 27/01/2021 - 13:10

C'è qualcosa di sbagliato, di anomalo nella gioventù odierna. Penso a quelle bande di giovani che si ritrovano nelle piazze, dopo essersi dati appuntamento via social, per darsele di santa ragione. Quei ragazzi che si tuffano nelle piscine degli alberghi dal 4° piano, quelli che saltano dal tetto di un edificio all'altro. Tempo fa "andava di moda" lanciare massi dai cavalcavia dell'autostrada... La causa è a monte, e secondo me è l'influenza nefasta della rete, dei social media. L'ansia spasmodica di ottenere dei like, quale unica gratificazione ; l'unico mezzo per sentirsi "veri", accettati. Bisogna porre un freno, in qualche modo, a questo tarlo del web, che fa marcire la gioventù. Forse un'educazione precoce, a scuola, sui pericoli della rete, e qui ci vogliono anche degli psicologi/psichiatri, e anche bravi...

Ritratto di moshe

moshe

Mer, 27/01/2021 - 13:14

PENA DI MORTE !!! LA SOLUZIONE PIU' GIUSTA ED UMANA !!!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 27/01/2021 - 14:05

Da noi contano di più i diritti umani, anche degli assassini. Sono quelli con la mentalità, "Nessuno tocchi caino".

Ritratto di Loudness

Loudness

Mer, 27/01/2021 - 14:59

Il problema sarebbe l'accesso alle armi oppure l'accesso a feisbuck?

cecco61

Mer, 27/01/2021 - 18:12

Il reiterare il presunto facile accesso alle armi è la solita scusa per evitare di affrontare il problema. Anche in questo caso hanno usato semplici coltelli disponibili negli scaffali del supermercato. I mass media cavalcano i social e sono i primi a far diventare "vip" chi più ha like e followers e a idolatrare e giustificare in tutto i presunti vip: a questo punto ragazzini immaturi si muovono e si comportano di conseguenza.

Andrea.B

Mer, 27/01/2021 - 19:15

Queste ragazzine hanno rubato i coltelli in quel supermercato.. E il Mancuso si preoccupa della facilità di accesso alle armi dei ragazzini ?? Un'altro sinistrorso che vuole eliminare il secondo emendamento.