Mamma muore di overdose, le sue figlie chiuse in auto uccise dal caldo

Una mamma di 31 anni e le sue due figlie sono state ritrovate senza vita a bordo di un Suv. La donna sarebbe morte per overdose, le piccole per asfissia

È stata ritrovata senza vita all'intero della sua auto Natalie Chambers, una mamma texana di 31 anni, deceduta per overdose lo scorso giovedì. Le figlie, Isabel ed Elise, di 4 e 2 anni, sono morte per asfissia dopo essere rimaste chiuse nella vettura al caldo.

Una tragedia tanto inspiegabile quanto dolorosa. La vicenda si è consumata in un parcheggio non lontano dal Freed's Forniture Store, a Farmers Branch, poco distante dalla città di Dallas. Stando a quanto si apprende dal Daily Mail, la polizia locale avrebbe notato il veicolo, una Ford Escape 2008, attorno alle ore 10 del mattino a seguito di una segnalazione. Sarebbero stati i genitori della giovane donna ad allertare le autorità per la scomparsa sospetta della propria primogenita, della quale non avevano più notizie da qualche ora.

Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, la giovanne mamma si sarebbe allontanata da Forney, città in cui viveva, pressapoco alle ore 8 di giovedì. Avrebbe dovuto accompagnare le figliolette al parco giochi di Grapvine ma, in realtà, non vi ha mai fatto tappa. La donna è stata trovata senza vita, insieme alle due bimbe, ad un'ora di strada dalla sua abitazione. Le piccole, fa sapere la polizia di Farmers Branch, sono morte per asfissia.

Fonti a vario titolo riferiscono che Natalie avesse un passato piuttosto burrascoso, viziato da dipendenze di droga e alcol. Per un lungo periodo, avrebbe fatto uso compulsivo di stupefacenti nel tentativo di combattere uno stato di depressione che evidentemente non le ha mai dato tregua. La situazione sarebbe poi peggiorata, fino a precipitare, a seguito del lockdown per il Coronavirus. "Natalie aveva avuto delle difficoltà in passato - racconta un parente della 31enne - ma era stata aiutata ed era una mamma fantastica. Di recente, durante la pandemia, aveva avuto una ricaduta. Siamo tutti devastati dal fatto che le bambine abbiano dovuto assistere ad una tragedia del genere e soffrire loro stesse".

In attesa di chiarire la dinamica della vicenda, la polizia sta tentando di ricostruire le ultime ore di vita della giovane attraverso la presa visione delle immagini catturate dalle telecamere di sorveglianza cittadina. Tuttavia, saranno gli esami autoptici, il cui esisito è atteso nei prossimi giorni, a definire i contorni di questa amara e triste vicenda.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

dagoleo

Gio, 30/07/2020 - 10:14

poveri angeli il Signore abbia pietà di loro ed anche della loro....purtroppo madre.

sullarivadelfiume

Gio, 30/07/2020 - 10:41

Troveranno il modo di mettere le poverette nel conto dei femminicidi, la madre nel conto delle vittime delle ingiustizie del patriarcato.

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 30/07/2020 - 11:15

Chissà cosa ne pensano quelli della "droga libera".

Yossi0

Gio, 30/07/2020 - 11:36

che tristezza, che peccato

steacanessa

Gio, 30/07/2020 - 11:54

Droga maledetta e maledetti i propugnatori dello spaccio.