Un microchip sottopelle che "prevede" il Covid

Un medico specializzato in malattie infettive che lavorava nell'esercito americano ha svelato il nuovo progetto del Pentagono. "Sfidiamo la comunità di ricerca a trovare soluzioni che possano suonare come fantascienza"

Un microchip che "prevede" il Covid: ecco cosa studiano al Pentagono

La fantascienza entrerà sempre di più nella realtà quotidiana: potrebbe sorprenderci sapere che molte delle innovazioni per contrastare il Coronavirus erano, una volta, oscuri progetti finanziati dal Pentagono per difendere i soldati da malattie contagiose e armi biologiche. Adesso, però, il loro uso verrà esteso anche alla comunità: in questo caso parliamo di un microchip da inserire sotto la pelle per rilevare la presenza, o meno, del Covid-19.

Di cosa si tratta

La tecnologia rivoluzionaria è stata sviluppata dalla Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), che opera sotto l'attento controllo del Pentagono: a dare la notizia è stata la trasmissione televisiva '60 Minutes' della CBS americana. L'unità top-secret è stata lanciata durante la Guerra Fredda per studiare le tecnologie emergenti per uso militare, tra cui le innovazioni per difendere i soldati dalle armi biologiche. Il dottor Matt Hepburn, medico di malattie infettive e colonnello dell'esercito in pensione, è stato reclutato otto anni fa con la "missione di eliminare le pandemie". È stato lui a svelare che il microchip, ancora non utilizzato al di fuori del Dipartimento della Difesa, potrebbe rilevare la presenza del Covid-19 in un individuo ben prima che un paziente zero generi un'epidemia. "Sfidiamo la comunità di ricerca a trovare soluzioni che possano suonare come fantascienza", ha detto il Dott. Hepburn il cui ruolo in DARPA, ha aggiunto, è quello di "eliminare le pandemie dal tavolo. Se vogliamo dire che non possiamo mai permettere che ciò accada di nuovo, la prossima volta dovremo andare ancora più veloci", ha affermato durante un'intervista esclusiva dell'emittente televisiva.

"È un sensore tipo spia del motore"

Hepburn ha paragonato il proprio microchip diagnostico alla "spia del motore" di un'auto. "È un sensore", ha detto Hepburn al corrispondente della CBS Bill Whitaker. "Quella piccola cosa verde lì dentro, la metti sotto la pelle e quello che ti dice è che ci sono reazioni chimiche in corso all'interno del corpo e quel segnale significa che domani avrai sintomi". Il microchip, incorporato in un gel simile ad un tessuto, è progettato per testare continuamente il sangue del destinatario del chip per verificare la presenza del virus. Una volta rilevato Covid-19, il chip avvisa il paziente di eseguire un rapido esame del sangue che può essere auto-somministrato, per confermare il risultato positivo. "Possiamo avere queste informazioni in tre o cinque minuti", ha detto Hepburn. "Mentre troncate quel tempo, mentre diagnosticate e trattate, quello che fate è fermare l'infezione nelle sue tracce". Il segmento ha anche rivelato una tecnologia che consentirebbe ad una macchina standard per dialisi di rimuovere Covid-19 dal sangue utilizzando un filtro personalizzato: il sangue viene fatto passare attraverso la macchina, dove viene disintossicato, quindi pompato nuovamente nel corpo in un flusso continuo fino a quando il corpo non si libera del virus.

"Può sembrare fantascienza, ma se funziona cambia tutto..."

Come riportato dal New York Post, la moglie di un militare soprannominata "Paziente 16" è sopravvissuta ad un grave attacco della malattia, tra cui insufficienza d'organo e shock settico, grazie alla nuova macchina per dialisi. Il trattamento è durato quattro giorni, dopodiché il paziente 16 ha recuperato completamente. Finora, i medici hanno utilizzato il macchinario per curare quasi 300 pazienti in condizioni critiche. Il Coronavirus ha infettato più di 250mila membri del personale del Dipartimento della Difesa e dei loro dipendenti in tutto il mondo. Con l'aumento del bilancio delle vittime, il Pentagono ha avviato programmi che potrebbero salvare vite umane. "Siamo molto disposti a correre rischi con investimenti ad alto rischio che potrebbero non funzionare. Ma se lo fanno, possiamo trasformare completamente il paesaggio", conclude Hepburn.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento