Nucleare, riprendono i colloqui tra Corea del Nord e Usa

Il prossimo sabato 4 ottobre inizieranno una serie di negoziati tra Corea del Nord e Stati Uniti per riprendere in mano la questione nucleare, lasciata in sospeso tra le due parti dopo il fallito vertice di Hanoi (Vietnam) lo scorso febbraio

Sembra essere tornato un buon clima tra Corea del Nord e Stati Uniti d’America.

Ed è proprio su quest’ondata di maggiore e ritrovata serenità che il vice ministro degli esteri di Kim Jong-un, Choe Son Hui, ha dichiarato che Pyongyang e Washington si incontreranno sabato 4 ottobre (in una location top secret) per riprendere i colloqui interrotti sulla questione nucleare.

Le due parti avevano, infatti, sospeso i rapporti di dialogo ab rupto lo scorso febbraio, in occasione del vertice di Hanoi in Vietnam, dove il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong-un, dopo una serie di strette di mano e complimenti, avevano deciso di sospendere i colloqui in corso senza lasciare alcune dichiarazioni e alzandosi ognuno dalla propria sedia. Una scena che aveva sbalordito tutti quanti e che solo successivamente motivata da The Donald che aveva accusato l’omonimo nordcoreano di non essere in sintonia sulla questione delle sanzioni internazionali imposte a Pyongyang.

Una matassa che sembra raggomitolarsi ancora di più, lasciando ben poche speranze rosee per il futuro. Invece, la portavoce nordcoreana ha parlato inaspettatamente di un "contatto preliminare" tra Corea del Nord e Stati Uniti che getterà le basi per proseguire e avviare una serie di trattative nei giorni a venire, dichiarando di aspettarsi che “i negoziati a livello di lavoro accelerino lo sviluppo positivo delle relazioni Nord Corea-USA”. Conferma di questi colloqui è giunta poche ore fa anche dal Dipartimento di Stato americano.

Lo scorso giugno, in realtà, le due superpotenze avevano provato a ristabilire un dialogo per riprendere i negoziati sulla denuclearizzazione della penisola nordcoreana. Ma, il diniego dell’amministrazione Trump di annullare una serie di accordi militare presi con la rivale Corea del Sud, aveva indispettito Pyongyang che a sua volta ha deciso di tornare a una sorta di clima da guerra fredda.

Solo il licenziamento da parte di Trump dell’ex Consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, John Bolton, lo scorso 10 settembre, è riuscito a far riavvicinare Kim al tavolo delle discussioni. Pyongyang ha sempre osteggiato l’operato di Bolton, in particolare dopo la sua proposta di adottare la stessa politica utilizzata per la Libia di Gheddafi nel 2011 (in riferimento all’accordo di denuclearizzazione instillato con il defunto leader libico) con la Corea del Nord.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.