Mondo

Ancora guai per Strauss-Kahn. Indagato per truffa in Francia

Al centro dell'inchiesta il crac di una società di cui era presidente. Il suo legale: "Dominique è una delle vittime"

Ancora guai per Strauss-Kahn. Indagato per truffa in Francia

C'è il fallimento di una società questa, al centro di nuovi problemi giudiziari per Dominique Strauss-Kahn. L'ex direttore del Fondo monetario internazionale è tornato a far parlare di sé per il crack della Lsk, con sede a Lussemburgo, di cui era presidente.

La procura di Parigi al momento ha aperto un'inchiesta preliminare sui fatti, per venire a capo del cento milioni di buco lasciati dal fallimento della società, dopo che una denuncia è arrivata da Jean François Ott, uomo d'affari francesi che nel crack ha perso 500 mila euro in investimenti.

La Lsk non era una creazione di Strauss-Kahn, ma di Thierry Leyne, uomo d'affari morto suicida lo scorso anno. Nel solo Lussemburgo gestive più di 500 clienti, grazie a una rete di filiali e sono 156 i creditori internazionaliu che a oggi hanno chiesto spiegazioni su 100 milioni di euro di fondi svaniti.

L'avvocato che cura la difesa dell'ex numero uno del Fmi ha fatto sapere che il ruolo di Strauss-Kahn andrebbe ridimensionato, spiegando che non aveva un ruolo operativo in Lsk e aggiungendo che andrebbe considerato una vittima, perché la firma di Dsk sarebbe stata falsificata.

Strauss-Kahn avrebbe preso il controllo del gruppo Lsk a fine estate del 2013, quando le perdite già ammontavano a 13 milioni di euro. Da maggio dell'anno successivo avrebbe iniziato a partecipare anche alle riunioni del cda e a organizzare riunioni focalizzate sulla creazione di un fondo investimento e raccogliere 2 miliardi di dollari.

Commenti