Pakistan, aereo civile si schianta in zona residenziale

Un aereo della compagnia nazionale, con oltre 100 persone, è caduto in una zona residenziale a Karachi. Possibile guasto tecnico: ci sono almeno cento vittime

Un aereo civile della Pakistani International Airlines è precipitato vicino alla città portuale di Karachi, in Pakistan. A bordo del velivolo, al momento dello schianto, c'erano 99 passeggeri e otto membri dell'equipaggio. In un primo momento il sindaco della città aveva detto che nessuna delle persone a bordo era soprvvissuta all'impatto; in seguito funzionari dell'aviazione civile pakistana hanno affermato che almeno due persone sono sopravvissute

Lo schianto e poi il disastro

L'aereo era decollato da Lahore, nel nord del paese, ed era pronto ad atterrare a Karachi attorno alle 2.30 ora locale quando è sparito dai radar. La conferma dell'accaduto è arrivata alla Cnn direttamente da un portavoce della compagnia aerea, Abdullah Khan, il quale ha poi spiegato che le autorità hanno attivato immediatamente i protocolli di risposta d'emergenza.

Le immagini circolate in questi minuti sui social media mostrano fiamme e colonne di fumo provenire da un'area abitata. Numerose abitazioni sono state distrutte nell'impatto. "Nella zona in cui mi trovo sono stati recuperati finora 8 cadaveri", ha riferito il soprintendente di polizia di Karachi, Sohail Akhtar. Fonti ufficiali hanno però già avvertito che il bilancio sarà più pesante.

Testimoni hanno riferito che l'Airbus A320 ha tentato di atterrare due o tre volte prima di schiantarsi nella citata zona residenziale, vicino all'aeroporto internazionale di Jinnah. Le televisioni locali hanno mostrato fumo proveniente dall'aeroporto. Sul posto sono accorse diverse ambulanze.

Possibile guasto tecnico

Le cause del disastro aereo sono ancora sconosciute, anche se, dalle prime indiscrezioni, si sospetta un problema tecnico. Come riferisce l'agenzia Adnkronos, l'ad della compagnia aerea, Arshad Malik, ha raccontato che le ultime parole dette dal pilota alla torre di controllo poco prima dello schianto sarebbero state proprio ''guasto tecnico''.

"Al pilota è stato detto che entrambe le piste erano pronte per l'atterraggio. Tuttavia, il pilota ha deciso di fare un go-around. Perché lo ha fatto e per quale ragione tecnica, lo scopriremo", ha quindi affermato Malik, parlando con la stampa prima di imbarcarsi su un volo per Karachi.

Il governo ha aperto un'inchiesta

Nel frattempo, secondo quanto riferito dall'emittente Dawn, il ministro pakistano dell'Aviazione, Ghulam Sarwar Khan, ha ordinato alla Commissione di indagine sugli incidenti aerei di aprire un' "inchiesta immediata" per accertare le cause che hanno causato l'incidente.

Abdullah Hafeez, il portavoce della Pakistan International Airlines, ha dichiarato che "dire qualsiasi cosa in questo momento sarebbe prematuro. Il nostro equipaggio è addestrato a gestire gli atterraggi di emergenza. Tutte le mie preghiere sono con le famiglie. Continueremo a fornire informazioni in modo trasparente".

Il primo ministro pakistano, Imran Khan, ha così commentato su Twitter quanto accaduto: "Scioccato e rattristato. Sono in contatto con il ceo della Pakistan International Airlines, Arshad Malik, partito per Karachi, e con le squadre di soccorritori sul terreno poiché questa è ora la priorità. Sarà aperta un'indagine immediata".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.