Parigi, quattro persone accoltellate vicino all'ex sede di Charlie Hebdo

Blindata la zona vicina alla Bastiglia. Fermati i due aggressori. La polizia: "Non uscite di casa". Creata un'unità di crisi

Nuova allerta Parigi. Secondo quanto riportato da Le Parisien, due individui avrebbero accoltellato e ferito quattro persone vicino all'ex sede della redazione di Charlie Hebdo. La polizia ha confermato che due delle quattro persone ferite sono in condizioni critiche. Tra di loro ci sono due giornalisti della società di produzione Premiere Lines, che si trova vicino alla redazione del giornale satirico e una donna della società Bocode. Sono stati trasferiti all'ospedale Salpetriere. Lo ha confermato il direttore, Paul Moreira, precisando che uno dei feriti è "grave". "È qualcuno che stava in strada con una specie di machete, che li ha attaccati davanti all'edificio", ha raccontato a BfmTv. "È agghiacciante", ha aggiunto, precisando che l'agenzia - che produce inchieste su svariati temi, compreso il jihadismo - "non ha ricevuto minacce". Mentre un dipendente dell'agenzia di stampa ha raccontato che questa mattina i due colleghi stavano fumando una sigaretta fuori dall'edificio, in strada. "Poi ho sentito delle urla, mi sono avvicinato alla finestra e ho visto uno dei miei colleghi, insanguinato, che veniva inseguito per strada da un uomo con una mannaia", ha aggiunto. Un testimone che ha dato l'allarme ha riferito che la prima ad essere colpita sarebbe stata la donna, aggredita con una specie di macete, davanti al murales in omaggio ai fumettisti del settimanale uccisi nell'attentato terroristico del 2015 dopo la pubblicazione di controverse caricature del profeta Maometto. Nei giorni scorsi Charlie Hebdo aveva ripubblicato le caricature in coincidenza dell'inizio del processo e al Qaeda aveva minacciato nuovi attacchi tramite i canali di propaganda del gruppo jihadista.

Dopo aver blindato la zona circostante di boulevard Richard Lenoir, le forze dell'ordine hanno allargato la zona di isolamento a causa del ritrovamento di un pacco sospetto che poi si è dimostrato essere un falso allarme in quanto non contenente esplosivi. Lo ha riferito la prefettura, aggiungendo che le Bri (Brigate di ricerca e intervento) sono state mobilitate. Al ministero dell'Interno è stata allestita una unità di crisi, dove si sono recati il ministro Gerald Darmanin e il primo ministro Jean Castex, che ha interrotto una visita in una banlieue. La polizia ha anche confermato che sta dando la caccia a due persone. Uno dei due ricercati sarebbe scappato in metropolitana: indossava una giubbotto senza maniche e pantaloni da jogging neri e un paio di scarpe rosse.

Un tweet della polizia invita gli abitanti a tenersi lontani dalla zona di boulevard Richard Lenoir, non lontano dalla ex sede del giornale satirico Charlie Hebdo. La questura parigina ha specificato che si tratterebbe di un solo aggressore. Un uomo è stato arrestato verso le 12.45 nei pressi di Place de la Bastille a Parigi con tracce di sangue sui vestiti. Secondo Le Figarò, potrebbe essere uno dei due sospetti ricercati per l'accoltellamento di quattro persone avvenuto poco prima vicino all'ex sede del magazine satirico già nel mirino di attacchi terroristici nel gennaio 2015.

Come riportato da Le Parisien, il gruppo terroristico Al Qaeda ha recentemente lanciato nuovi appelli per attaccare il giornale satirico che aveva ripubblicato le vignette su Maometto. Il presidente francese, Emmanuel Macron, sta "seguendo da vicino dall'Eliseo" gli sviluppi dell'attacco vicino alla ex sede del magazine satirico. Lo ha riferito la presidenza francese citata da Bfmtv .

Intanto il premier Jean Castex ha dichiarato su Twitter che si recherà "subito in Piazza Beauvau per fare il punto della situazione con il ministro dell'Interno". Il Comune di Parigi ha dato ordine di confinare "per precauzione" migliaia di studenti nelle scuole nei pressi del luogo dell'accoltellamento. Lo ha riferito la stampa francese, precisando che il provvedimento riguarderebbe cinque scuole dell'11esimo arrondissement e tutte le scuole del terzo e del quarto. La procura di Parigi, riportano i media francesi, ha annunciato l'apertura di un'inchiesta per "tentato omicidio" sull'attacco avvenuto questa mattina nell'Undicesimo arrondissement lungo boulevard Richard, dove al numero 132 abitava, nella finzione, il celbere commisario Maigret. Secondo una fonte della polizia citata dall'emittente radiofonica France info, l'uomo fermato dopo l'attacco a piazza della Bastiglia aveva tracce di sangue sui vestiti ma il suo profilo non corrisponderebbe alla descrizione fatta dai testimoni oculari presenti sulla scena dell'attacco. La procura anti-terrorismo di Parigi ha aperto un'inchiesta per "tentato omicidio in relazione a un'azione terroristica, associazione terroristica criminale". La polizia francese ha fermato un secondo sospetto nei pressi della metro Richard Lenoir. Secondo Le Figaro si tratterebbe di un uomo di bassa statura dai tratti asiatici.

L'uomo fermato poco dopo l'attacco a Parigi, vicino Place de la Bastille è "l'autore principale dei fatti". Ad annunciarlo è stato il capo della procura antiterrorismo francese (Pnat), Jean-François Ricard, incaricato dell'inchiesta. In base alle prime informazioni rilasciate dagli investigatori dell'antiterrorismo, il sospettato sarebbe un 18enne pakistano e, secondo Le Figaro, finora non era noto ai servizi specializzati in radicalizzazioni islamiche. Il pakistano, riporta Bfmtv, "avrebbe riconosciuto i fatti". Un secondo uomo, di 33 anni, è stato successivamente messo in stato di fermo per "procedere ad un certo numero di verifiche" sulle sue "relazioni con l'autore principale" ha precisato Ricard. L'arma utilizzata per l'attentato sarebbe una mannaia da cucina, ritrovata accanto alla fermata della metropolitana di Richard Lenoir, a pochi metri da dove è avvenuto il fermo di uno dei sospetti.

La conferma sulla matrice dell'attentato è poi arrivata in serata da parte del ministro dell'Interno, Gérald Darmanin: "C'è un'inchiesta aperta, non sta a me commentarla. Chiaramente si tratta di un atto di terrorismo islamista. È un nuovo, sanguinoso attacco contro il nostro paese, contro dei giornalisti".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Giorgio5819

Ven, 25/09/2020 - 13:24

La solita brutta gente... quelli che qualcuno si sta adoperando per importare in massa...

Sofia57

Ven, 25/09/2020 - 13:27

Con così tanti emigranti, purtroppo, questo è il futuro dell'Europa.

ValdoValdese

Ven, 25/09/2020 - 13:28

Dopo la guerra d'Algeria la Francia cominciò a rimpinzarsi scervellatamente di milioni di africani mussulmani e adesso ne paga le conseguenze soprattutto con gli attentati e le banlieues… in poche generazioni il popolo francese rischia seriamente di non sopravvivere a questo enorme errore storico…

honhil

Ven, 25/09/2020 - 14:14

“Un uomo ha aggredito quattro persone a Parigi con un coltello o un machete: due sono in gravi condizioni”. Certamente dalle sembianze un umano. Una bestia nell’animo. Ma quanta ipocrisia nel termine ‘uomo’ che della bestia conserva l’anonimato!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 25/09/2020 - 14:20

Noi continuiamo ad aprire i porti.

RolfSteiner

Ven, 25/09/2020 - 14:23

Saranno i soliti poverini "con problemi di salute mentale". Come tutti quelli che qui da noi aggrediscono impunemente.

27Adriano

Ven, 25/09/2020 - 14:27

Quale è il problema?? L'italia ne importa felicemente parecchi ed è contenta di mantenerli!!

Ritratto di ErmeteTrismegisto

ErmeteTrismegisto

Ven, 25/09/2020 - 14:47

Mi raccomando Processate Salvini ! perché è cattivo Non come i buoni che ci preparano un bel futuro inclusivo

Cheyenne

Ven, 25/09/2020 - 14:58

Continuiamo a costruire moschee e a fare finta di niente; ci ritroveremo islamici e sottomessi

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 25/09/2020 - 14:59

La cosa tragica è constatare che nemmeno il ripetersi di questi episodi,riconducibili per modus operandi,sempre ad una identica etnia,serve a fare aprire gli occhi all'Europa: infatti l'Europa DORME profondamente,fino al risveglio,che sarà,parimenti, tragico e tardivo.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 25/09/2020 - 15:20

@Cheyenne L'invasione di africani cristiani invece le va bene?

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 25/09/2020 - 15:22

@mbferno Non mi risulta che africani subsahariani e maghrebini siano "una identica etnia".

maxmado

Ven, 25/09/2020 - 15:23

Poi ci stupiamo se i Francesi impediscono alle ong di portare i clandestini da loro? Inrealtà ci dovremmo stupire ogni volta che noi consentiamo ai clandestini di sbarcare in Italia, cosa aspettiamo a schierare la Marina per difendere i nostri confini? A cosa la teniamo a fare una Marina Militare se poi altro che esercitazioni non facciamo fare loro? Chi è il responsabile del non mantenimento della salvaguardia dei nostri confini? Mattarella? Ovvero il Capo supremo delle Forze Armate? Se sì, cosa aspetta a far rispettare i confini anche imponendosi nei riguardi del Parlamento?

maxfan74

Ven, 25/09/2020 - 15:27

Riproporre ancora le stesse vignette che già avevano provocato morte e terrore non è stata una grande idea, questi sono i risultati e non c'è niente da ridere...

Marcolux

Ven, 25/09/2020 - 15:38

Di questo passo, fra qualche lustro invocheremo anche noi l'Islam, perchè alla fine non potrà mai essere peggiore dei comunisti, che invece pensano di condividere pensieri e idee con gente che è ferma culturalmente al Medio Evo!

Brutio63

Ven, 25/09/2020 - 16:09

Grandi Risorse per l’Europa. basta immigrazione incontrollata. Bisogna difendere la nostra storia, cultura, identità e soprattutto le nostre libertà! chi non apprezza e condivide il nostro stile di vita può tranquillamente andare o tornare dove vuole e sta meglio, ma non può e non deve permettersi di pensare di attentare alle nostre libertà conquistate in decenni di lotte per il progresso civile delle nazioni europee!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 25/09/2020 - 16:13

Grazie sinistra europea.

rudyger

Ven, 25/09/2020 - 16:17

Non si arretra l'Islam con le vignette di Charlie Hebdo ma con leggi adeguate e arrestano l'immigrazione.

Brutio63

Ven, 25/09/2020 - 16:18

@maxfan74 il tuo commento mostra perché siamo caduti così in basso. Non devo pubblicare in Europa qualcosa per paura della reazione di terroristi islamici sanguinari? Capisci il concetto di libertà di espressione? Di libertà di pensiero? Di monopolio dell’uso della forza da parte dello stato? Si può non condividere le vignette ma si deve difendere sempre e con ogni mezzo, compresa la forza, il diritto di pubblicarle! Non siamo Iran o Arabia e se non piace vadano via, senza se e senza ma!

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 25/09/2020 - 16:26

@Quintus Sertorius...per quanto mi riguarda,magrebini e subsahariani,sempre africani sono,questo ho voluto dire. Quelli che devono sempre distinguersi,nell'occidente che li ospita...

Ritratto di malatesta

malatesta

Ven, 25/09/2020 - 16:45

Continuano a fare vignette che "sfottono" i musulmani...se per la religione cristiana la miglior vendetta e' il perdono, per l'islam la miglior vendetta e' la decapitazione..se non di peggio...ma loro duri e imperterriti proseguono in nome della liberta' d'informazione!

Ritratto di Iam2018

Iam2018

Ven, 25/09/2020 - 17:15

Su su, non vi lamentate, questi sono gli usi e costumi che ci insegnano i nuovi e vecchi "migranti". Viva il multiculturalismo, viva il nuovo che avanza, accettiamo (in tutti i sensi) questo nuovo modo di vivere e immergiamoci nelle altre culture lasciando da parte il nostro vecchio modo di essere.

andy15

Ven, 25/09/2020 - 17:20

@maxfan 74, un altro infettato dalla sindrome di Stoccolma.

Ritratto di giangol

giangol

Ven, 25/09/2020 - 17:26

No a muri e frontiere siamo tutti frateli

Ritratto di malatesta

malatesta

Ven, 25/09/2020 - 17:28

Basti ricordare le vignette di pessimo gusto che fecero contro l'italia in occasione del terremoto..insomma, secondo Charlie Hebdo eravamo tutti italiani mafiosi...naturalmente in nome della liberta' d'informazione!

cir

Ven, 25/09/2020 - 17:53

malatesta Ven, 25/09/2020 - 16:45 : ma tu, sai per chi lavora e per quale scopo esiste Charlie Hebdo ?

diegom13

Ven, 25/09/2020 - 18:28

@mbferno: a parte il fatto che mettere tutti insieme in "una identica etnia" tutti gli abitanti di un continente immenso come l'Africa è un po' voler vincere facile, ché è più o meno un sesto del mondo e qualche probabilità di azzeccarci ci sarà pure. Ma non ci azzecca nemmeno così: il Pakistan sta da tutt'altra parte...

Ritratto di Opera13

Opera13

Ven, 25/09/2020 - 18:34

Per la Francia, magrebini sono tutti cittadini Francesi del colonialismo, zitti e teneteveli stretti.

mepiabene

Ven, 25/09/2020 - 18:44

Acciderbolina, le risorse arabo-musulmane non finiscono mai di sorprenderci.

Alessio2012

Ven, 25/09/2020 - 18:51

A LORO STA BENE COSI' E DOVREI DIFENDERLI O PREOCCUPARMI?

Ritratto di saggezza

saggezza

Ven, 25/09/2020 - 18:52

@Quintus Sertorius la differenza fra immigrati di cultura e religione diversa fa eccome!!!. Basta riflettere su tutti i fatti di cronaca in nome della loro credenza religiosa. E non mi dilungo credo che lei li sappia.

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Ven, 25/09/2020 - 19:38

@saggezza Religione e cultura non esistono senza il substrato biologico. Un africano cristiano che parla francese è forse europeo?