Il politically correct si abbatte anche su Sky. Bollino su film e cartoni

Il colosso della televisione ha inserito delle spiegazioni per molti film e cartoni animati sul fatto che rappresentano "valori obosleti"

"Valori obsoleti". Così Sky "marchia" alcuni film presenti nel suo catalogo che non rispecchiano più i valori più progressisti e politically correct imperanti nella cultura liberal. Pellicole certamente figlie del loro tempo, che hanno però la colpa di non rappresentare abbastanza gli afroamericani o la comunità Lgbt, o che possono essere in qualche modo risultare "offensive" verso una minoranza in particolare. È la degenerazione ideologica del politicamente corretto, che da anni sta imperversando nel mondo dell'intrattenimento e dello spettacolo. Come riporta il Daily Mail, dopo le polemiche che hanno investito Via col Vento, ora nel mirino dei nuovi censori sono finite altre 16 pellicole tra cui classici intramontabili come Aladdin, il Libro della Giungla, Colazione da Tiffany, Aliens di James Cameron e persino Una poltrona per due con Dan Aykroyd ed Eddie Murphy. Ci sono poi Dumbo e L'Ultimo Samurai con Tom Cruise.

Sky Cinema, il servizio cinematografico del colosso televisivo, ha diffuso una dichiarazione rivolta ai suoi abbonati spiegato che le pellicole sopracitate contengono "rappresentazioni culturali che oggi potrebbero risultare offensive". Un portavoce di Sky, citato da Dagospia, ha dichiarato: "Sky si impegna a sostenere l’inclusione sia dentro che fuori dallo schermo. Esaminiamo costantemente tutti i contenuti sui canali di proprietà di Sky e agiremo laddove necessario includendo ulteriori informazioni per i nostri clienti per consentire loro di prendere una scelta consapevole al momento di decidere quali film e programmi TV guardare". Sky segue in realtà quanto già fatto da altre emittenti televisive come la Bbc o il servizio streaming Netflix.

La scure su Aladdin e Dumbo

Aladdin, film d'animazione del 1992 prodotto dalla Walt Disney Animation Studios, è da tempo nel mirino dei censori del politicamente corretto. Innanzitutto la storia è ambientata ad Agrabah, un luogo che secondo i critici fornisce una rappresentazione stereotipata e negativa del Medio Oriente: una storia di fantasia "bianca" accusa il media liberal Bitchmedia, dal "ricco retaggio razzista", dove non c'è "nemmeno un doppiatore arabo". Addirittura, secondo BitchMedia, anche se "la società cristiana superiore non è menzionata direttamente" emerge "in contrapposizione alle brutali raffigurazioni di una cultura ibrida arabo-sudasiatica e alla messaggistica anti-islamica del film". Inoltre in Aladdin " si pronunciano in modo errato le parole arabe tra cui Allah", si "raffigurano scarabocchi senza senso invece della vera scrittura araba" e si codificano "i suoi personaggi per rafforzare gli stereotipi razzisti e islamofobi". L'autore dell'articolo sembra dimenticarsi del fatto che Aladdin non abbia alcuna reale velleità di essere storicamente accurato: è un film per bambini. Sono corrette le forzate e assurde rappresentazioni che il politicamente corretto impone attraverso la presenza di attori afroamericani in pellicole ambientate nell'estremo nord, per esempio?

Un altro classico Disney, "Dumbo", ricorda Dagospia, è stato accusato di contenere stereotipi razzisti sugli afroamericani a quel tempo rappresentati sotto forma di corvi neri. L'uccello principale si chiama Jim Crow, un cenno al segregazionista razzista Jim Crow. Il punto è che parliamo di una pellicola del 1941, pertanto figlia legittima del suo tempo. Come spiega il professor Alessandro Campi, il politicamente è "un movimento di idee nato nei campus americani con l’obiettivo di combattere le discriminazioni contro le minoranze e divenuto una gabbia linguistico-culturale che ormai rischia di soffocare il dibattito pubblico e la stessa ricerca accademica". E che ora rischia di abbattersi contro i grandi classici per ragazzi, imponendo una nuova neo-lingua.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Adespota

Adespota

Sab, 20/06/2020 - 10:57

Ho disdetto sky anche per la faziosità dei loro tg.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 20/06/2020 - 11:00

Ridicoli.

steorru

Sab, 20/06/2020 - 11:08

Un motivo in più per non pentirmi di aver disdetto dopo tantissimi anni Sky, la prossima sarà Netflix troppo orientata al mondo LGBT e questo mi disgusta.

Malacappa

Sab, 20/06/2020 - 13:07

Se vogliono perdere clienti questa e'la strada giusta

Ritratto di Risorgeremo

Risorgeremo

Sab, 20/06/2020 - 13:41

Non saper relativizzare e contestualizzare è ignoranza pura e violenza ideologica. Adesso metteranno in galera i vecchietti che ballano l'Alligalli, vieteranno i film di 007 perché sessisti, le messe perché i preti sono solo uomini, le immagini di Gesù Cristo biondo con gli occhi azzurri, i premi nobel perché vanno solo a maschi bianchi, e così via. Hanno persino cominciato a mettere gli afroamericani a impersonificare gli antichi romani. Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da piangere.

GPTalamo

Sab, 20/06/2020 - 13:53

In effetti e' fastidioso vedere che ogni film o serie TV deve ritrarre omosessuali contenti o con virtu' eroiche, in opposizione a famiglie normali che sono obsolete e magari dipinte in negativo. Un vero o proprio lavaggio di cervello orchestrato dall'alto.

Savoiardo

Sab, 20/06/2020 - 13:56

Chi di spada ferisce di spada perisce.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 20/06/2020 - 14:15

Semplicemente razzisti e ridicoli nelle loro ideologia "politically correct"come la vogliono definire.Io avrei un'altra definizione:Epurazione delle masse con azzeramento delle culture.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 20/06/2020 - 14:25

Signori direttori"politically correct"nessuna scusante in merito,ogni vostra iniziativa risulta miope alla moltitudine e rappresenta un lavaggio di cervello continuo e pericoloso che cercate di diffondere come l'etere nella nostra società grazie ai media.Chi vi sovvenziona (SOROS?)ha i suoi scopi.Portare avanti simili propagande vuol dire azzerare i sogni,le culture universali e la propria identità ereditaria improntata sulle proprie origini.Nessuno deve arrogarsi il diritto di affermare quali valori da adottare in una società siano migliori a danno di altri. Hitler ci aveva provato e fu fermato in tempo;voi sinistri state perseguendo la stessa strada e sembra che ci state riuscendo ma......

ROUTE66

Sab, 20/06/2020 - 15:06

Gente,si pensava che il coronavirus aveva colpito persone di una certa età,ORA SI SCOPRE CHE HA FATTO DANNI MAGGIORI NEL CERVELLO DEI NOVELLI CENSORI. Pensate negli anni 70 si URLAVA NELLE PIAZZE PROIBITO PROIBIRE, ORA I NOVELLI CENSORI RISCRIVONO NON SOLO LA STORIA,ma mettono alla berlina anche i FILM. Presto si bruceranno i libri nelle piazze(tristi ricordi) e tutto nel nome di un revisionismo da OPERETTA

ROUTE66

Sab, 20/06/2020 - 15:13

Presto ai turisti che visiteranno ROMA verrà fornito loro ,un martello o un piccone così potranno radere al suolo il COLOSSEO,simbolo di sangue e dolore. E NATURALMENTE dopo si passerà al resto (ci mettiamo pure San Pietro) avete presente la CHIESA della Santa Inquisizione

Divoll

Sab, 20/06/2020 - 15:31

Bene, quindi piu' "valori obsoleti" contengono, piu' sono adatti ai nostri bambini. Occhio ai bollini!

Cheyenne

Sab, 20/06/2020 - 16:10

SONO GLI STESSI CHE SI LAMENTAVANO E BOLLAVANO L'INDICE DEI LIBRI NELLA CHIESA CATTOLICA

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Sab, 20/06/2020 - 16:11

ROUTE66 Sab, 20/06/2020 - 15:13 Concordo,andiamo tutti a Roma coi picconi ed abbattiamo il Colosseo così riscriviamo la storia,oppure andiamo a Buckingham palace al cospetto di sua maestà la regina Elisabetta per protestare solennemente contro sua madre l'imperialista Vittoria che nel corso dei secoli il casato dei Windsor ha colonizzato le indie e mezzo mondo.

sbrigati

Sab, 20/06/2020 - 16:35

Sky sopravvive , perlomeno in Italia, solo grazie allo sport.

caren

Sab, 20/06/2020 - 16:46

C'è da inorridire e nient'altro. Semplicemente disgustoso ed inaccettabile.

rudyger

Sab, 20/06/2020 - 17:26

GPT Talamo, lei non ha notato che, tranne che nei telegiornali, nella RAI in tante trasmissioni c'è sempre un gay ? non ho capito perché ? c'è forse qualche direttiva ? e in mediaset tanti deretani ? le dice qualcosa ? sono un messaggio di cambiamento che deve abituare questa sozza società come dice la canzone cantata da Petrolini ?

GPTalamo

Dom, 21/06/2020 - 12:35

@rudyger. La capacita' di poche persone a cambiare in poco tempo gli usi e costumi di un intero popolo e' stata gia' notata da Antonio Gramsci e Mussolini gia' 100 anni fa. Si chiama propaganda, ed e' per questo che Mussolini aveva deciso di instaurare la dittatura e chiudere i giornali di opposizione. Faccio un esempio semplice: l'immigrazione. Sono cambiati gli italiani spontaneamente a volere la fusione etnica con l"Africa, oppure e' propaganda? Chi e' chi finanzia le navi ONG non sono popoli interi, ma un gruppo di poche persone che hanno deciso di cambiare il destino del popolo italiano.