Polizia tedesca contro Merkel: "Con i migranti è un inferno"

Il capo dei sindacati di polizia di tutta la Germania contro il cancelliere: "I centri sono inadeguati: ci sono stupri di donne e bambini, episodi di schiavitù, gente che rispetta solo la sharia e non la giustizia tedesca"

Polizia tedesca contro Merkel: "Con i migranti è un inferno"

In Germania è "scoppiato l'inferno". I centri di accoglienza sono allo sbando e il sistema giudiziario tedesco non ha alcuna autorità per i richiedenti asilo. A dipingere questo quadro drammatico non sono gli attivisti di Pegida né gli euroscettici di Alternative Für Deutschland ma il presidente del sindacato federale della polizia tedesca, Rainer Wendt.

In un'intervista al canale televisivo N24, Wendt ha usato parole di fuoco per descrivere la situazione interna della Germania, portando implicitamente un formidabile attacco alla politica del cancelliere Angela Merkel. "Oltre al problema degli attacchi ai centri d'asilo da parte di frange estremiste - attacca il poliziotto - Il tasso di criminalità è in forte crescita all'interno degli stessi centri d'accoglienza, tra i richiedenti asilo. Donne e bambini vengono stuprati, ci sono episodi di schiavitù e delinquenza comune. Questi problemi sono dovuti al fatto che ci sono troppe persone in poco spazio. Nei campi inoltre vanno protette le minoranze: donne, bimbi, cristiani..."

Inoltre, prosegue Wendt, ci sono gravi problemi per quello che riguarda la giustizia: "I migranti rispettano noi poliziotti ma non la giustizia tedesca: hanno la sensazione di trovarsi di fronte a un sistema debole. Sanno che il loro comportamento non influisce sul buon esito o meno della domanda d'asilo."

"Invece - puntualizza - sia la politica che il sistema giudiziario dovrebbero far capire loro che qui in Germania non vige la legge della sharia: chi commette dei reati, va in prigione e lì attende l'esito della domanda d'asilo".

La Merkel messa all'angolo sull'emergenza migranti

Quello di Wendt è solo l'ultimo è solo l'ultimo di una lunga serie di attacchi alla politica di Angela Merkel in materia di immigrazione: da mesi i movimenti di estrema destra criticano l'accoglienza senza confini e nelle scorse settimane la Bild ha svelato una raccolta di firme segreta tra i parlamentari della stessa maggioranza di governo. In 188 hanno chiesto addirittura la costruzione di un muro ai confini del Paese, nel tentativo di arginare la marea montante dei migranti che vogliono stabilirsi in Germania.

Anche lo scenario internazionale contribuisce a mettere sotto pressione il cancelliere: in Polonia - Paese toccato solo marginalmente dall'emergenza migranti - alle elezioni ha vinto la destra di Beata Szydlo, nazionalista ed antieuropeista. La vicina Austria, che raramente discosta la propria linea da quella di Berlino, ha annunciato la costruzione di un muro anti migranti al confine sloveno, suscitando le ire tedesche.

Altri naufragi al largo di Spagna e Grecia

Nel frattempo l'emergenza migranti alle porte dell'Europa non accenna a placarsi: stanotte ventidue persone sono morte nell'Egeo davanti alle isole di Kalymnos e Rodi. Quattro persone sono morte e trentacinque disperse in un altro naufragio avvenuto stanotte al largo di Malaga, in Spagna. Al confine austriaco, infine, migliaia di persone attendono di abbandonare la Slovenia e proseguire proprio verso la Germania. In Slovenia si sono registrati ben 102mila arrivi in dodici giorni: nonostante l'avanzare della stagione fredda, la media dei migranti non accenna ad allontanarsi dall'incredibile cifra di diecimila al giorno.

@giovannimasini

Commenti