Rapito un vice-ministro a Baghdad

Abdulkarim Fares sequestrato da un gruppo armato che ha preso di mira la sua auto. Nessuna rivendicazione

Il vice-ministro iracheno della Giustizia in pectore vittima di un sequestro. È successo oggi a Binuk, distretto finanziario di Baghdad a maggioranza sciita, dove l'auto su cui viaggiava l'uomo politico è stata fermata da un gruppo armato, che lo ha poi sequestrato.

Abdulkarim Fares è stato preso in ostaggio da un gruppo di miliziani armati e con il volto coperto da un passamontagna, a bordo di diversi veicoli. Non è chiaro al momento chi lo abbia preso, ma con lui è stato portato via anche il responsabile delle Indagini del ministero, Ahmed al-Husseini.

I fatti di oggi non sono un avvenimento isolato. Quattro giorni fa diciotto dipendenti turchi di una società di costruzioni sono stati rapiti a Sadr City. Anche in questo caso non è ancora chiaro chi ci sia dietro al sequestro, ma c'è chi sospetta le milizie sciite, che già in passato hanno compiuto gesti simili. Non è neppure escluso che si tratta di semplici criminali che approfittano del clima di caos generale in Iraq.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di pensionesoavis

pensionesoavis

Mer, 09/09/2015 - 10:37

Lo hanno già fatto fuori.