Sirte in rivolta contro i jihadisti dell'Isis. Bombe sulla città libica

Gruppi islamisti locali provano a cacciare i jihadisti. Contesa l'area del porto, mentre l'artiglieria colpisce le aree residenziali

Sirte in rivolta contro i jihadisti dell'Isis. Bombe sulla città libica

Le brigate islamiste hanno rotto gli indugi. Due giorni fa l'annuncio di una nuova operazione contro il sedicente Stato islamico, per strappare ai jihadisti la città di Sirte.

Gli uomini della Brigata 166 di Misurata, che è schierata con il governo islamista arroccato a Tripoli, contro quello di Tobruk riconosciuto a livello internazionale, si sono mossi insieme ai giovani della città, vicini ai salafiti e sono riusciti ieri a sottrarre l'area del porto dal controllo dell'Isis.

Il momento di giubilo sarebbe durato poco. Oggi l'emittente Al Arabiya spiega che i jihadisti sarebbero tornati a controllare l'area della città vicina al mare e aggiunge che le bombe stanno cadendo su un quartiere residenziale di Sirte. Sarebbero già diciassette le vittime.

Non è la prima volta che Isis e brigate islamiste si scontrano per il controllo della città. L'Isis controlla la città da gennaio e da giugno ha assunto di fatto il comando dell'amministrazione locale. Una cosa simile era successa anche a Derna, dove a giugno gli scontri avevano portato gli uomini del sedicente Stato islamico ad abbandonare la città, considerata una delle loro roccaforti.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti