Sparatoria nel supermercato: paura e sangue a El Paso

Il killer è Patrick Crusius, un 21enne di Dallas: ha imbracciato un AK-47 e ha sparato all'impazzata. Adesso è in arresto

Una maglietta con le maniche corte, i pantaloni lunghi dal colorre chiaro, gli occhiali calcati sul naso e cuffie ficcate nelle orecchie. Patrick Crusius, 21enne di Dallas, è entrato così, imbracciado un fucile automatico, nel supermercato della catena "Walmart", che si trova nel centro commerciale "Cielo Vista" di El Paso, in Texas. Poi, dal niente, ha iniziato a sparare all'impazzata sulle persone che si trovavano nel negozio (guarda il video). Secondo le prime informazioni della polizia locale almeno in venti sono stati uccisi da questa pioggia di piombo, mentre altri ventisei sono rimasti feriti (guarda il video). Tra le vittime ci sono anche quattro bambini.

La sparatoria con il kalashnikov

America a mano armata. Di nuovo. Si tratta del decimo episodio di mass shooting dall'inizio dell'anno. A El Paso Patrick Crusius sceglie di entrare in azione durante l'ora di punta. Lo ha fatto imbracciando un AK-47 kalashnikov. Le forze dell'ordine, allertate dopo i primi colpi, sono entrate in azione intorno alle 11 di questa mattina (le 21 in Italia) e hanno immediatamente circondato e isolato l'area per neutralizzare l'attentatore. L'operazione, a cui ha partecipato anche l'Fbi e le forze speciali Swat (guarda la gallery), ha portato all'arresto del killer nel giro di poco tempo. "La sparatoria è opera di una sola persona", ha spiegato la polizia escludendo l'esistenza di complici. Per il governatore del Texas, Greg Abbott, è "uno dei giorni più sanguinosi" nella storia dello Stato del Texas.

Il manifesto suprematista

L'Fbi sta valutando l'autenticità di un manifesto suprematista intitolato The Inconvenient Truth che sulla bacheca di 8Chan, un forum che raccoglie posizioni estremiste, è stato attribuito a Patrick Crusius. Lungo quattro pagine, lo scritto è stato postato appena 20 minuti prima della prima telefonata di allarme alla polizia di El Paso e fa riferimento al massacro di Christchurch e alla "teoria della grande sostituzione". L'attacco di oggi sarebbe una risposta all'invasione ispanica del Texas e si ispirerebbe al suprematista bianco, Brenton Tarrant, autore della strage nelle moschee di Christchurch. "Loro sono quelli che istigano, non io - si legge - io sto semplicemente difendendo il mio Paese dalla sostituzione etnica e culturale portata da un'invasione". L'autore del manifesto si scaglia, poi, sia contro i Democratici sia contro i Repubblicani. "Le mie opinioni sull'automazione e sull'immigrazione e su tutto il resto anticipano Trump e la sua campagna elettorale".

Gli attacchi di massa

Con la sparatoria a El Paso torna negli Stati Uniti l'incubo per i mass shooter, folli che aprono il fuoco sui passanti. "È terribile", ha commentato su Twitter il presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Che poi ha aggiunto: "Dio sia con tutti voi". Solo alcuni giorni fa due impiegati della stessa Walmart erano stati ammazzati a colpi d'arma da fuoco a Southaven in Mississippi. Sabato scorso, invece, un 19enne di origini italo-iraniane, con simpatie suprematiste, ha aperto il fuoco sulla folla al Gillroy Garlic Festival in California e ha ucciso tre persone, tutti giovanissimi: un bimbo di sei anni, un'adolescente di tredici e un ragazzo di venticinque. "Quanti ancora devono morire prima che si faccia qualcosa", ha commentato Pete Buttigieg, il sindaco di South Bend, in Indiana, che è anche in corsa per la nomination democratica alla Casa Bianca.

Commenti

cgf

Sab, 03/08/2019 - 22:16

Pete Buttigieg vallo a dire a quelli più a sud di te, sempre nell'Indiana, a French Lick, che sono stati attaccati da DUE grizzly bear. Poi ci sono in lungo e largo degli USA luoghi dove non è igienico viaggiare disarmati, c'è il lupo, l'orso bruno, il puma...

Rixga

Sab, 03/08/2019 - 22:27

A parte questa vicenda terribile, di cui ancora si sa troppo poco per commentare, sarebbe ora di fare comprendere agli americani che se uno possiede un'arma prima o poi la usa e quasi mai per difesa. Basta un attimo di irresponsabilità, di perdita del controllo o anche un silenzioso invisibile percorso verso la follia, giustificata da una matrice religiosa o politica. Se c'è una cosa buona che in Italia non abbiamo è la facilità di reperire le armi. Imparate americani, nemmeno il coltello serve... soprattutto se venite in Italia in vacanza.

Ritratto di hernando45

hernando45

Sab, 03/08/2019 - 22:55

E l'eterno DILEMMA degli AMERICANI, che non sono ancora riusciti a distinguere, tra armi di DIFESA e armi di OFFESA!!! AUGH.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Sab, 03/08/2019 - 22:56

Lo spieghi anche a Matteo Salvini?

killkoms

Sab, 03/08/2019 - 22:56

terroristi o pazzi?

edo1969

Sab, 03/08/2019 - 23:06

In America tutto come sempre

gcf48

Sab, 03/08/2019 - 23:39

omar cosa c'entra salvini? per cortesia è lei che incita all'odio

Michele Calò

Dom, 04/08/2019 - 00:33

La societa' USA crea una impressionante massa di disagiati con enormi problemi di fragilita' emotiva unitamente ad una bassa formazione culturale.- E' un sistema massificato che non favorisce la maturazione della Persona. Non è facile spiegarlo a chi non c'è mai stato ma è il motivo per cui molti anni fa, dopo 18 mesi, rifiutai di rimanere e me ne tornai in Italia tanto era il divario culturale che mi separava da loro. E non me ne sono mai pentito. Purtroppo è in corso una americanizzazione culturale e letale per i popoli europei di cui Soros è

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 04/08/2019 - 01:41

@Rixga, dici che in Italia non è facile reperire le armi? E secondo te quelli che rapinano i portavalori che sono, armi di cioccolato? Certo non tutti,ma in casa quante famiglie chehanno almeno un'arma. Basta iscriversi ad un poligono e la cosa è fatta. Sono andato a fare il passaporto, 10 persone a chiedere il porto d'armi solo io per il passaporto.

ginobernard

Dom, 04/08/2019 - 06:44

certe armi hanno una potenza devastante questa ha persino un caricatore da 75 colpi

Dordolio

Dom, 04/08/2019 - 07:48

E' vero. Negli USA le armi sono diffusissime. Forse in ogni casa ce ne è almeno una. E capita che il pazzo, il gasato, il frustrato ecc si metta a sparare con le conseguenze che vediamo. Ma tra le varie statistiche una non la vedo mai. Non pervenuta. Quanti sono i casi in cui con un'arma un padrone di casa, un padre, una madre sono riusciti a proteggere da malintenzionati i propri cari e i propri beni? Ecco, questo vorrei proprio saperlo, per farmi un giudizio sereno e svincolato dai pregiudizi correnti.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Dom, 04/08/2019 - 07:58

Una normale strage determinata da motivazioni razziste alla quale il buon Trump ha fornito tutto il carburante necessario. Quando si spendono parole d'odio ci sarà sempre qualcuno che vi troverá la giustificazione per tradurle in pratica ...

Fjr

Dom, 04/08/2019 - 09:31

L’assurdita di un paese che vede nei russi il nemico pubblico numero uno e poi lascia pascolare liberamente un matto armato fino ai denti e che fa strage con un arma russa prodotta in America ,se non è un paradosso questo

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Dom, 04/08/2019 - 10:08

Il razzismo nei suoi fondamenti ideologici (?!?) è risibile e ridicolo, nella sua realizzazione pratica è mostruoso.

cir

Dom, 04/08/2019 - 10:50

Michele Calò PAROLE SANTISSIME !!

gioet

Dom, 04/08/2019 - 11:00

Omar el mukhtar che glielo spieghi a fare tanto col quoziente intellettivo che possiede non capirebbe

gioet

Dom, 04/08/2019 - 11:01

Solo 15 commenti se era un " nero" ce ne sarebbero a centinaia

cir

Dom, 04/08/2019 - 11:04

trovo molto strano, indagate bene, possibile che nessuno abbia sentito gridare ALLAH HABKAR ? qui in europa lo si sente ogni volta che c'e' un tamponamento..

Ritratto di LaFenice

LaFenice

Dom, 04/08/2019 - 11:07

Certo, viene subito da pensare alle armi (pistole, fucili, kalashnikov) e ragionare se è meglio o peggio averne facilità di accesso. Ma può essere fuorviante. La vera arma pericolosa molto diffusa negli USA è l'abuso di psicofarmaci. Cominciano a dare psicofarmaci pesanti (e dai dubbi risultati sul lungo periodo) già ai bambini di 7 - 8 anni! Lessi tempo fa una statistica a proposito dei casi di stragi in scuole, supermercati, cinema, ma anche le madri che in preda a qualche crollo psichico uccidono i loro bambini, etc... La statistica riportava che nel 90% dei casi il pazzo (scusate, la persona con fragilità emotive) aveva alle spalle anni di psicofarmaci, i peggiori sono gli SSRI.

rawlivic

Dom, 04/08/2019 - 11:11

@Michele Calo ... hai preso in pieno la situazione. diventare come gli americani sarebbe la peggiore sciagura. Popolo senza storia ne cultura

Ritratto di BoycottPoliticalCorrectness

BoycottPolitica...

Dom, 04/08/2019 - 11:35

Quanto tempo pensate passerà prima che qualche psicopatico come questo faccia lo stesso in Europa? Non c’è come ignorare i problemi o peggio ancora favorirli per dare “scuse” alla gente instabile per “agire”. In quanto alle armi in USA informatevi. I numeri relativi di omicidi per singola arma e per persona sono inferiori a quelli della Svizzera. Inoltre nei conteggi anti-guns politicamente corretti sono inclusi anche i suicidi ovvero oltre il 50% dei morti da armi da fuoco, e il 75% degli omicidi con armi da fuoco (illegali) sono riconducibili al 25% della popolazione (neri e ispanici) totale. Cercate i dati fuori dal circuito dei media che sulla questione ci speculano, è tutto verificabile.

Fjr

Dom, 04/08/2019 - 11:44

La Fenice avevo letto che negli Usa addirittura su bambini che noi normalmente chiamiamo iperattivi ,ma che forse negli Usa ritengono difficilmente plasmabili dal sistema

Sa-Pietro

Dom, 04/08/2019 - 11:49

riprovo- @Rixga - Lo spieghi a salvini e lo convinca che chi ha armi prima o poi le usa anche a sproposito. Ma a lui non interessa la sicurezza degli italiani. lui ha fatto l'accordo con i venditori di morte prima delle elezioni per avere i loro voti. Beota incallito

cir

Dom, 04/08/2019 - 12:26

rawlivic Dom, 04/08/2019 - 11:11 non a caso gli strizzacervelli in america fanno affari enormi. Gia' da piccoli hanno seri problemi , crescono e non sanno chi sono , camminano e non sanno ne dove vanno ne da dove vengono , mangiano schifezze da mattina a sera ..

Ritratto di stamicchia

stamicchia

Dom, 04/08/2019 - 12:30

@BoycottPolitica... è già avvenuto, il 22 luglio 2011 in Norvegia, l'autore si chiamava Anders Breivik. Qualcuno parla di questo sporco e lurido assassino di bambini come di un eroe. Lombroso dalla sua fisionomia ne avrebbe dedotto che trattavasi di tipico caso di cogli@ne di razza ariana.

pasquinomaicontento

Dom, 04/08/2019 - 12:49

L'ammerecani sò' previdenti,hanno penzato bene de nun portasse appresso armi ammerecane che avrebbero potuto fà cilecca...sò iti sur sicuro,un ber Ak-47-Kalashnikov arma Russa che nun ha fatto mai cilecca,tutta 'n'artra cosa dai Colt-M4...e vai cor tango...quanno se tratta d'ammazzà nun se guarda in faccia nessuno...e poi costano pure de meno...e sparano pure mejo.A la prossima lectio magistralis nella lingua de mi' zio Cesare.

Ritratto di LaFenice

LaFenice

Dom, 04/08/2019 - 13:12

Secondo me, purtroppo a monte di tutto (anche dell'abuso di psicofarmaci) c'è una malattia sociale, un grave disagio psichico e dell'anima che troviamo in tutta la società occidendale: l'assenza o la carenza di empatia, ed il considerare l'emotività disdicevole, quindi imparare a controllarla fino a reprimerla completamente. Gli americani (USA) sono molto più avanti di noi eurepei in questa malattia dei nostri tempi. Per cui, se a noi europei, a noi italiani sono rimaste un pò di empatia e di emotività, teniamocele strette!

cir

Dom, 04/08/2019 - 13:31

LaFenice :il problema e' che sono yankees, incrocio fra pop corn e uma medusa dentro il corpo di un iguana.

gcf48

Dom, 04/08/2019 - 14:36

Sa-Pietro (sardo?) le rammento che la svizzera è forse la nazione con più armi personali. Poiché il militare lo si fa sino a 45 anni è logico portarsi a casa l'arma. Finito il militare puoi tenerti l'arma con l' unica avvertenza di andare una volta al mese al poligono. E la svizzera ha un bassissimo uso delle armi. Sono beoti gli svizzeri? o non è lei semina odio?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Dom, 04/08/2019 - 15:20

In America, facciamo che solo il 50% possiede un'arma, ma secondo voi c'è un 50% che ogni giorno si mette a sparare a destra ed a manca? Qui non è libera la vendita eppure ogni giorno qualcuno sul giornale ce lo trovi che ha ammazzato.

cgf

Dom, 04/08/2019 - 21:15

Nella vicina Svizzera ci sono molte più armi tra la popolazione che negli US

cgf

Lun, 05/08/2019 - 08:23

in Sfizera vi sono oltre 2 milioni di armi su 8 milioni di abitanti compresi vecchi e bambini. una delle armi più diffuse nella Confederazione è il fucile d'assalto in dotazione anche all'esercito Elvetico. I furti sono relativamente scarsi ed il 70% di essi sono commessi da stranieri che ignorano il fatto che gli svizzeri difficilmente si fanno trovare 'impreparati'