A Teheran gli studenti non calpestano le bandiere di Usa e Israele

In un video circolato sui social media, la cui vericidità è però da confermare, gli studenti dell'Università Shahid Beheshti evitano di calpestare le bandiere di Israele e Stati Uniti: un gesto di sfida agli Ayatollah

Gli studenti dell'università di Teheran sfidano gli Ayatollah. In un video girato presso il campus dell'Università Shahid Beheshti della capitale della Repubblica Islamica, diverse decine di studenti hanno apertamente evitato di camminare sulle bandiere disegnate per terra delle due nazioni nemiche e rivali dell'Iran, Israele e Stati Uniti d'America, in un gesto simbolico di aperta sfida verso il governo degli Ayatollah. Nel video diffuso su Twitter si vede come molti studenti camminino attorno, e non calpestando le due bandiere dei nemici giurati della Repubblica Islamica. I manifestanti intonano slogan anti-governativi, tra cui: "Stanno mentendo sul fatto che il nostro nemico è l'America, il nostro nemico è proprio qui". Il filmato, sottolinea l'Agi, la cui veridicità non è confermata finora ufficialmente, è stato twittato e ritwittato da attivisti iraniani ma anche da analisti.

In generale, è stata una giornata di alta tensione nella Repubblica Islamica dopo l'abbattimento dell'aereo ucraino, dove migliaia di giovani hanno sfilato per le strade del Paese, soprattutto a Teheran. Altre manifestazioni si sono tenute all'Università di Damghan, nel nord dell'Iran e all'Università di Isfahan, nel centro del Paese, con slogan contro il leader supremo iraniano, Ali Khamenei: "Le Guardie della rivoluzione uccidono e la Guida suprema li appoggia". Manifestazioni si segnalano anche in altre città iraniane, come Mashhad, Rasht, Kashan, Sanandaj e Amol. Nel corso della giornata la protesta ha invaso il cuore della capitale al grido di "Morte al dittatore" e "non vogliamo il regime dei Guardiani della Rivoluzione". La tensione con la polizia in assetto antisommossa è altissima. Le forze di sicurezza, secondo quanto emerge da alcuni filmati, hanno chiuso la metro Azadi bloccando dentro diversi manifestanti. Secondo altri filmati, sarebbero stato sparati gas lacrimogeni.

"Non uccidete i vostri manifestanti" ha twittato Donald Trump (anche in Farsi), schierandosi a fianco degli studenti iraniani in un messaggio indirizzato 'ai leader dell'Iran'. "Migliaia di persone sono già state uccise o incarcerate da voi e il mondo sta guardando. Ancora più importante, gli Stati Uniti stanno guardando. Ripristinate le connessioni Internet e lasciate che i giornalisti navighino gratis! Smettete di uccidere il vostro grande popolo iraniano!", scrive il presidente degli Stati Uniti. Le proteste di questi giorni, maturate dopo che Teheran ha ammesso di aver abbattuto per sbaglio un aereo di linea ucraino uccidendo 176 persone, sono anche un probabile sintomo dell'insoddisfazione di una parte della popolazione per via del peggioramento delle condizioni economiche di vita a causa delle sanzioni economiche e della strategia di "massima pressione" introdotta dall'amministrazione americana nei confronti della Repubblica Islamica. "Gli iraniani - scrive Asia Times - affrontano condizioni disperate, se non la fame effettiva, a causa dell'effetto delle sanzioni economiche. Aggiungete a ciò gli effetti a lungo termine della cattiva gestione delle scarse risorse idriche del Paese".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Reip

Lun, 13/01/2020 - 00:26

Non esiste dittatura peggiore della dittatura teocratica islamica!!!

Ritratto di iNick

iNick

Lun, 13/01/2020 - 03:31

Un gesto avanti!

Popi46

Lun, 13/01/2020 - 06:13

Forza,ragazzi,sarà dura,ma la libertà è l’aspirazione più potente contro qualsiasi oppressione

anna.53

Lun, 13/01/2020 - 06:33

Sembra che sia questa la vera Primavera, questa degli studenti persiani attaccati dal regime dittatoriale dei pasdaran. Una bella novità rispetto a quella araba su cui troppo presto alcuni settori politici credevano di far conto. Ma la repressione purtroppo è in agguato, violenta. Vedremo

acam

Lun, 13/01/2020 - 07:39

bisogna dare atto che chi vuole dare segni li da!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Lun, 13/01/2020 - 07:49

Non calpestano le bandiere...ma qualcuno le calpesta!

gpetricich

Lun, 13/01/2020 - 07:59

x Dordolio A conferma di quanto dicevo sull'Iran, riconfermo. Dovesse davvero iniziare una guerra con gli USA, l'Iran esploderebbe ed imploderebbe in 48 ore.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Lun, 13/01/2020 - 08:20

Inizio a pensare che l'abbattimento dell'aereo non sia stato un errore ma un atto volontario per liberarsi di persone scomode presenti a bordo.

Jon

Lun, 13/01/2020 - 08:44

Ma quali proteste..!! Se e' stato un errore , tale rimane..Tutti sanno il sistema usa con gli studenti..Si comprano, poi i cecchini sparano in piazza e si moltiplicano le Maidan.. Quando gli Usa abbatterono aerei Iraniani, nessune scuse; L' America non si scusa mai, disse Bush.Le condizioni economiche dell'Iran dipendono da sanzioni ingiuste che Washington emette contro chi non si allinea..Abusi perpetui..

cir

Lun, 13/01/2020 - 16:49

Jon Lun, 13/01/2020 - 08:44 Hanno mai chiesto scusa per le due atomiche, anzi un generale yankee disse : per salvarli abbiano dovuto distruggerli..

cir

Lun, 13/01/2020 - 16:53

fanno benissimo a non sporcarsi le scarpe.....

ossipossi

Lun, 13/01/2020 - 18:00

USA è libertà. Comunque più del maomettanesimo.

cir

Lun, 13/01/2020 - 18:23

ossipossi Lun, 13/01/2020 - 18:00 : infatti sono liberi di bombardare e massacrare senza chiedere mai !