Tensione nel Mediterraneo, i russi intercettano un sottomarino spia della Nato

Intercettato nel Mediterraneo anche un sottomarino statunitense classe Virginia. Mosca:“Goffi tentativi e manovre pericolose avrebbero potuto causare incidenti dalle gravi conseguenze”.

“Tali episodi potrebbero avere delle gravi conseguenze”. È quanto si legge in un comunicato del Ministero della Difesa russo in merito all’incidente, avvenuto poche ore fa nel Mediterraneo, che ha coinvolto un sottomarino olandese ed il gruppo da battaglia della Admiral Kuznetsov.

“Alle 6,50 di ieri mattina, le cacciatorpediniere classe Udaloy I, Vice-Admiral Kulakov e Severomorsk, a protezione del gruppo da battaglia della portaerei Admiral Kuznetsov nel Mediterraneo, hanno intercettato un sottomarino diesel della Marina olandese classe Walrus, mentre cercava di avvicinarsi alle nostre unità. Il sottomarino olandese, identificato facilmente dagli equipaggi delle unità antisom, è stato intercettato a 20 chilometri di distanza con i sistemi idro-acustici”.

Il Ministero della Difesa russo conferma l’impiego di due elicotteri antisommergibile Ka-27 PL, ognuno dei quali armato con una coppia di siluri.

“Nonostante il sottomarino olandese abbia tentato più volte di eludere la sorveglianza, il contatto acustico è rimasto stabile per circa sessanta minuti. L’unità olandese è stata costretta ad abbandonare l’area”.

Il Ministero della Difesa non rileva le procedure che hanno costretto l’unità della Nato a cambiare rotta. Secondo il Cremlino, le manovre del sottomarino olandese nel Mediterraneo sono state pericolose ed avrebbero potuto innescare gravi conseguenze.

“Quei goffi tentativi di effettuare manovre pericolose in prossimità di un gruppo da battaglia russo, avrebbero potuto causare incidenti di navigazione. Identifichiamo regolarmente i vettori della Nato come quando, la settimana scorsa, abbiamo intercettato un sottomarino statunitense classe Virginia”. Il Ministero della Difesa olandese non ha rilasciato alcun commento

Il reale valore del comunicato russo

Comunicando al mondo di essere riusciti ad identificare “facilmente” un sottomarino, i russi esaltano la propria tecnologia e lanciano un chiaro messaggio alla Nato: anche le unità più moderne dell’Occidente non sarebbero in grado di spiare quelle russe. I quattro battelli oceanici diesel-elettrici classe Walrus, sono entrati in servizio negli anni ’90 con la marina olandese. In grado di operare a profondità maggiori rispetto alla controparte convenzionale, la classe Walrus è un punto di riferimento tra le marine del mondo per capacità, tecnologia, automazione ed efficacia. E’ l’ultimo rigo del comunicato del Ministero della Difesa russo, però, ad essere interessante. Mosca conferma di intercettare regolarmente anche i sottomarini d'attacco a propulsione nucleare classe Virginia, progettati per cercare e distruggere sia i sommergibili nemici che le navi di superficie. Il Pentagono ha sempre presentato i Virginia come i sottomarini d’attacco più moderni ed avanzati del mondo. Affermando di riuscire ad intercettare un sottomarino advanced stealth come un classe Virginia, Mosca intende comunicare al mondo il livello raggiunto dalla tecnologia militare russa, alla stregua di quella statunitense. Non si conoscono i dettagli dell’intercettazione che ha coinvolto le unità russe ed il sottomarino statunitense.

I Virginia sono stati progettati come principale classe d’attacco della Marina statunitense, dopo i costi insostenibili richiesti dal programma Seawolf. I tre esemplari realizzati sui 29 previsti, sono costati ai contribuenti americani poco meno di undici miliardi di dollari. I Seawolf, ad oggi, non sono mai stati intercettati.

Raid in Siria imminenti

Il Ministero della Difesa russo, poche ore fa, ha completato la lista dei bersagli, identificando circa cento target Isis nel distretto orientale di Aleppo. Si attende soltanto l’ordine diretto di Putin, ma un massiccio attacco russo in Siria è ritenuto imminente. Secondo il Cremlino, ad essere colpiti saranno le posizioni fortificate, i campi di addestramento ed i depositi di approvvigionamento dello Stato islamico. Saranno coinvolti tutti gli asset russi schierati nel Mediterraneo orientale, compresi i tre sottomarini posizionati tra Cipro e la costa siriana, equipaggiati con i missili da crociera Kalibr. Allertata, infine, anche la flottiglia del Mar Caspio. Possibile l'impiego dei bombardieri strategici Tu-95 e Tu-160. L’unica incognita riguarda il ruolo della portaerei Admiral Kuznetsov. Qualora dovesse entrare in battaglia, sarà il primo attacco nella storia della Russia portato da un vettore.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

giampiroma

Gio, 10/11/2016 - 12:03

avviso ai naviganti!! forse tra pochi mesi con Trump questi rompipalle della NATO si daranno una calmata.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 10/11/2016 - 13:32

Poi danno la colpa ai russi. Boh.

gattogrigio

Gio, 10/11/2016 - 14:29

Penso siano i soliti war games. Oggi segni un punto tu, domani segno un punto io. Altrimenti le giornate diventerebbero noiose.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 10/11/2016 - 14:43

Forza Russia

orso bruno

Gio, 10/11/2016 - 15:16

Possibile che la Nato non abbia altro da fare che rompere gli zibidei ai russi ?

steacanessa

Gio, 10/11/2016 - 16:14

La nato? Meglio perderla che trovarla.

Raoul Pontalti

Gio, 10/11/2016 - 18:14

Cari tovarishchi non fate come gli yankees che sparano anche ai pescherecci indiani perché si avvicinano troppo alle loro navi: il mare è di tutti e chiunque, rispettando le norme internazionali di navigazione, può navigare sopra, sotto e sulla superficie del mare senza che sceriffi improvvisati possano sognarsi di porre limitazioni non previste dalle norme. L'olandese volante (sott'acqua) sarà stato impertinente ma comunque non pericoloso (tra l'altro in caso di collisione avrebbe comunque avuto la peggio lui) e pertanto le lamentele russe sono ingiustificate, anche se costituiscono la replica ad altrettanto ingiustificate lamentele NATO per analoghi episodi con protagonisti i russi.

nunavut

Gio, 10/11/2016 - 20:40

@ ecco arrivato il sellino librandino vendolino Pontalti a difesa della sua europa che incomincia a meticciarsi e a divenire come lui la desidera.Come la mettiamo se mi sento minacciato aspetto come dice il tuo carissimo gouru librandi di chiedere le loro intenzioni? dai!! mi vergogno di essere trentino quando ti leggo.

alfa2000

Gio, 10/11/2016 - 23:37

non si capisce se qualcuno è scemo, oppure no, cosa voleva spiare andando sotto? oppure fa funzione era proprio questa? cioè testare le loro apparecchiature? fatto sta che tutti sti scemi la comnado giocano con la nostra pelle, e poi quando ci sono problemi, li definiscono, "danni collaterali"

Raoul Pontalti

Ven, 11/11/2016 - 00:55

@nunavut l'Europa qui c'entra poco trattandosi della NATO (che non amo) a guida USA, semplicemente non bevo la propaganda russa come non bevo quella NATO. Nel caso non vi era alcun rischio, per paradosso a motivo della troppo scarsa distanza tra il sottomarino olandese (valido nella sua categoria ancor oggi a oltre 40 anni dalla sua impostazione, ma progettato precipuamente per la lotta antisommergibile) e le navi russe, ciò che non avrebbe consentito né l'uso di missili né quello di siluri a causa delle distanze minime previste per l'impiego efficace tutte superiori alle 3mn. Doveva solo saggiare le capacità reattive dei russi il sottomarino olandese e l'esito è stato positivo: i russi hanno reagito e la NATO ne ha potuto così misurare prontezza e intensità.

gattogrigio

Sab, 12/11/2016 - 12:30

@RaoulPontalti. Analisi perfettamente corretta. Sono giochi che vanno avanti da decenni e continueranno anche in seguito. In definitiva sono un servizio comune che ci si scambia l'un l'altro. Giustamente non credi alla propaganda da qualunque parte provenga (nemmeno io). Il problema è che molti ci cascano e, ancora peggio, a volte credono alla loro stessa propaganda. Saluti