L'appoggio inaspettato: Trump ora ha un alleato contro l'impeachment

Il ritorno di fiamma con l’ex presidente del leader Repubblicano alla Camera McCarthy sembra un via libera alla ricandidatura del miliardario newyorkese fra quattro anni. La ricerca di unità tra i Repubblicani lascia intravedere un massiccio impegno di Trump per le elezioni di Midterm e per la riconquista della maggioranza sia alla Camera che al Senato

L'appoggio inaspettato: Trump ora ha un alleato contro l'impeachment

Trump ha incassato nelle ultime ore un appoggio inaspettato in vista del suo secondo - storico - processo di impeachment.

Il leader repubblicano della Camera, il californiano Kevin McCarthy, dopo un incontro avvenuto il 28 gennaio presso il resort che l’ex Presidente possiede a Mar-a-Lago, ha postato una foto dell’incontro con Trump ed ha scritto: "Grande incontro con il presidente Trump oggi! I repubblicani della Camera e l'amministrazione Trump hanno raggiunto risultati storici per tutti gli americani. Abbiamo potuto farlo perché abbiamo ascoltato e compreso le preoccupazioni dei nostri concittadini ignorate da tempo. Di conseguenza, i repubblicani della Camera hanno sfidato gli esperti e i media, ampliando la nostra crescente coalizione in tutto il paese. Per il bene del nostro paese, l'agenda radicale democratica va fermata. Un movimento conservatore unito rafforzerà i legami dei nostri cittadini e difenderà le libertà su cui il nostro paese è stato fondato".

Solo due settimane fa, parlando durante una conferenza stampa a Capitol Hill (Washington) McCarthy aveva definito Donald Trump colpevole dell'attacco mortale al Campidoglio degli Stati Uniti. E le parole del leader repubblicano della Camera aveva avuto una vasta eco negli Stati Uniti, visto che era sempre stato un fedele alleato di Trump.

Adesso il repentino cambio d’opinione di McCarthy, il ritorno di fiamma con l’ex presidente, fa pensare che i leader del Partito Repubblicano (al Senato il leader repubblicano è Mitch McConnell) stiano lavorando per ricandidare il miliardario newyorkese fra quattro anni e per riconquistare la maggioranza sia alla Camera che al Senato nel 2022, durante le Midterm Elections, le elezioni di metà mandato (che riguarderanno i 435 membri della Camera dei rappresentanti e un terzo dei 100 membri del Senato).

Nei giorni scorsi molti repubblicani del Senato hanno ampiamente chiarito che non hanno intenzione di voler condannare Trump, ancor di più perché ritengono incostituzionale processare un Presidente che ha già lasciato la Casa Bianca e, dopo la mossa di McCarthy, in molti pensano che l’impeachment sarà utilizzato come un'opportunità per i Repubblicani per riunire il partito contro i Democratici.

Ronna Romney McDaniel, la presidente del comitato nazionale del Partito Repubblicano Statunitense, attraverso una dichiarazione riportata dall’Associated Press ha rifiutato di criticare i cinque senatori repubblicani che si sono espressi favorevolmente all'impeachment ma ha subito sottolineato che "è più importante guardare ai 45 che hanno detto che questo processo è ridicolo".

"Penso che sia abbastanza chiaro che gli elettori repubblicani sono fermamente contrari all'impeachment e i repubblicani che votano per l'impeachment lo fanno a proprio rischio e pericolo", ha detto Jason Miller, un consigliere di Trump.

Nonostante la rivolta del Campidoglio, i sondaggi mostrano che Trump rimane profondamente popolare tra gli elettori repubblicani, molti dei quali ora si considerano più strettamente allineati con lui rispetto al partito.

"Penso che la partenza di Trump abbia lasciato un enorme vuoto. Era l'unica cosa che univa i repubblicani più di ogni altra cosa. Voglio dire, il Partito Repubblicano è diventato il Partito Trump per quattro anni. E senza di lui a guidarlo, c'è un evidente vuoto di potere, e penso che lo si possa vedere ora al Congresso", ha aggiunto Alex Conant, uno stratega repubblicano.

Intanto, dopo l'incontro con Trump il leader repubblicano della Camera McCarthy è tornato alla carica di Joe Biden. Con due post su Facebook, a distanza di poche ore uno dall'altro, ha ricordato che "milioni di studenti nelle scuole pubbliche hanno trascorso quasi un anno intero senza mettere piede in una classe. Portatori di interessi particolari si sono battuti per tenere le scuole chiuse, nonostante la scienza. I genitori ne hanno abbastanza. È ora di far tornare i bambini in sicurezza a scuola". Ed ancora ha attaccato la coppia Biden-Harris sulle ampie riaperture all'aborto. "Con la nuova amministrazione che già ha dimostrato la sua disponibilità a non rispettare l'unità e a promuovere l'aborto in patria e all'estero, ora è il momento di far sentire la nostra voce per proteggere i più innocenti tra di noi", ha scritto McCarthy. "La vita è preziosa. Vale la pena di proteggere la vita. La vita unisce".

Commenti

Grazie per il tuo commento