addio alla Regina

"Vecchio malato": le urla contro il principe Andrea scatenano il caos

I fatti durante il corteo funebre per la regina Elisabetta: il 22enne ha urlato all'indirizzo del principe Andrea ed è stato arrestato per disturbo della quiete

"Vecchio malato": le urla contro il principe Andrea scatenano il caos

Questo è un periodo di particolari tensioni nel Regno Unito. Con la morte della regina Elisabetta II, il rischio di attentati e di problemi all'ordine pubblico nel regno è molto elevato e lo dimostra anche il fatto che la salma della Regina è stata fatta viaggiare in aereo e non in treno, per evitare gli attentati. Il clima è bollente, si temono attacchi durante l'esibizione pubblica della salma, che nelle prossime ore inizierà il corteo verso Westminster. In questa situazione di tensione si inserisce l'arresto un giovane scozzese di 22 anni, che ha urlato "sick old man" al passaggio del principe Andrea, oltre ad altri epiteti. Le persone intorno che hanno urlato "God save the King" in direzione di re Carlo III hanno coperto la voce del ragazzo, che è stato comunque portato via.

Una traduzione di "sick old man" sarebbe "vecchio malato" e, anche se il giovane non l'ha detto esplicitamente, il riferimento potrebbe essere stato ai trascorsi giudiziari del principe Andrea, che negli ultimi tempi la Corona ha cercato di risolvere con un accordo extra-giudiziale. Ovviamente, l'opinione pubblica non si è comunque taciuta ed è probabile che la reazione dell'uomo nasca in virtù delle polemiche sul suo coinvolgimento nello scandalo Epstein. Tuttavia, in tanti si chiedono quale sia il reato compiuto dal giovane, identificato come Rory e quale sia l'imputazione che ha portato al suo arresto. Numerose persone stanno accusando la Corona e la polizia di aver voluto censurare il giovane scozzese.

Si è sollevato un polverone davanti alle immagini dell'arresto del 22enne, per il quale le forze dell'ordine hanno spiegato che l'arresto è stato compiuto per violazione della quiete. Una spiegazione che a tanti non ha convinto ma che comunque ha trovato il parere favorevole di molte altre persone, che hanno trovato opportuno il fermo del giovane, soprattutto perché il tutto è avvenuto al passaggio del feretro della Regina. E ha colpito il fatto che davanti alle intemperanze del giovane, che non sono nemmeno state le uniche di una giornata così complicata, la maggior parte dei presenti abbiano civilmente reagito per coprire la sua voce, facendo però sentire al re Carlo III e a tutta la sua famiglia la vicinanza dell'intero popolo inglese, al netto di qualche caso isolato.

Commenti