Il coronavirus non si ferma più: 4500 contagi e oltre 100 morti

Nell'ultimo bollettino diramato dalla Commissione sanitaria nazionale cinese si legge che ci sono 1.771 nuovi casi di contagio da coronavirus, per un totale di 4.515 casi accertati e 106 morti

Non servono allarmismi inutili sul nuovo coronavirus ma è importante capire che in Cina lo scenario è più grave del previsto. Nessuno si aspettava che la situazione potesse degenerare in questo modo, neppure le autorità locali, che adesso si ritrovano a fronteggiare una sfida socio-sanitaria senza eguali, dai tempi della Sars (2002-2003).

L'ultimo bollettino ufficiale diramato da Pechino parla di oltre 4500 casi di pazienti infetti dal virus 2019-n-CoV e 106 morti. La maggior parte dei decessi è avvenuta nella città di Wuhan, luogo da dove a metà dicembre è partita l'epidemia che si è presto diffusa in tutto il resto del Paese e anche all'estero. Oltre 45 casi sono stati confermati in altri luoghi, e quasi tutti hanno coinvolto turisti cinesi o persone che avevano visitato Wuhan di recente.

Nel comunicato a firma della Commissione sanitaria nazionale cinese si legge che ci sono 1.771 nuovi casi di contagio da coronavirus in 30 tra province, municipalità e regioni autonome della Cina “per un totale di 4.515 casi accertati”. Di questi, ben 2.714 sono localizzati nella sola provincia dello Hubei e 976 versano in gravi condizioni.

Rispetto all'ultimo aggiornamento troviamo 26 morti in più: 24 nello Hubei, 1 a Pechino, 1 nella provincia insulare di Hainan. I casi sospetti salgono a 6.973 mentre le persone dimesse sono 60. Massima allerta per i 47.833 individui entrati in stretto contatto con persone precedentemente contagiate; per 914 di loro è stata sciolta la prognosi, ma 44.132 soggetti restano “sotto osservazione”.

Le misure straordinarie prese da Pechino

L'agenzia Xinhua riferisce che il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghenreyesus, ha espresso “piena fiducia” nei confronti delle misure intraprese dalla Cina per contenere l'epidemia di polmonite da coronavirus. Ghenreyesus si è inoltre detto contrario alle operazioni di evacuazione dei cittadini stranieri presenti nel territorio cinese: "Al momento, bisognerebbe rimanere calmi e non reagire in modo sproporzionato". Il direttore dell'Oms si trova proprio in queste ore a Pechino per incontrare i funzionari cinesi, tra cui il ministro degli Esteri, Wang Yi.

A proposito di misure prese da Pechino, il governo ha inviato nello Hubei seimila tra medici, infermieri ed altro personale sanitario per combattere l'epidemia. Lo ha detto in una conferenza stampa a Pechino un funzionario della stessa Commissione sanitaria nazionale, Jiao Yahui, secondo cui 4.130 operatori sanitari, suddivisi in 30 squadre, hanno già cominciato a lavorare, mentre altri 1.800 arriveranno nelle prossime ore.

Sul fronte estero, al di fuori della Cina, Sri Lanka, Cambogia e Germania hanno confermato i loro primi casi di coronavirus. Questi Paesi sono uniti a Canada, Malesia, Francia, Nepal, Australia, Thailandia, Corea del Sud, Giappone, Singapore, Vietnam e Stati Uniti. Hong Kong, Macao e Taiwan hanno invece confermato ciascuna tra i cinque e gli otto casi.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

roberto67

Mar, 28/01/2020 - 10:20

A Wuhan i trasporti pubblici sono stati fermati, i distributori di benzina sono chiusi. Chiamare un'ambulanza per qualsiasi ragione è inutile, non arriva. Gli ospedali traboccano. In questa situazione è ben difficile poter conteggiare malati e deceduti.

Ritratto di filospinato

filospinato

Mar, 28/01/2020 - 10:34

ploblema globale

Davide10

Mar, 28/01/2020 - 10:50

Sono molti molti di più......la questione è seria.Chiudere i confini a tutti.

Ritratto di VittorioDettoToi

VittorioDettoToi

Mar, 28/01/2020 - 11:01

ma perche' Terrorizzare la Gente ???? Ogni anno muoiono migliaia di persone perche' Influenzate, ma non e' l'Influenza a farli morire bensiì altri gravi malanni che hanno. Idem per questo Virus, una persona sana, se lo prende, dopo 10 giorni sta bene, Quanto terrorismomediatico per "Il Nulla", non lo dico io lo dicono i Luminari di queste malattie............. Vittorio In Lucca

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 28/01/2020 - 11:34

E va beh! Siamo 7miliardi. Come avere 7miliardi di euro e perderne 100 euro, ma anche mille. Come avere 7milioni di euro e perderne 10cent. Solo di semplice influenza in Itaia ne sono morti di più.

Tommaso_ve

Mar, 28/01/2020 - 11:41

Facciamo due conti: in Italia l'influenza "miete" 7000 morti ogni anno (decessi legati anche alle complicanze), su una popolazione di 65 milioni. Fatte le debite proporzioni in Cina si arriva a 140.000, senza considerare le condizioni igienico sanitarie, quindi... di quali numeri stiamo parlando? Aggiungiamo che fermare la Cina per 3 giorni significa perdere 1% di Pil, ovvero 122 miliardi di USD. Il nostro debito pubblico signori!

Jon

Mar, 28/01/2020 - 11:55

Ne nuoiono di piu' con l'influenza, e tanti sono 80enni..!! E' certo un business miliardario, una pandemia come questa, ma prove da dove e' partita..NESSUNA..!!

Cicaladorata

Mar, 28/01/2020 - 12:13

In conseguenza della BREXIT Gran Bretagna e USA hanno in funzione un piano di sgombro americani ed inglesi dalla CINA, questo si leggeva sul Mail.UK di ieri. Oggi leggo i lamenti degli italiani bloccati in Cina senza nessun effettivo piano di evacuazione dalle aree infette. Gli inglesi Brexit hanno scelto bene di uscire da un sistema burocratico ed indolente!!!

jaguar

Mar, 28/01/2020 - 12:54

Da un paese come la Cina non sapremo mai la verità. Ieri addirittura è stata diffusa una notizia che parla di almeno 400mila contagiati e sembra che il picco dei contagiati si avrà a fine aprile, quindi figuriamoci a cosa stiamo andando incontro.

Ritratto di Ninco Nanco

Ninco Nanco

Mar, 28/01/2020 - 13:10

Le cifre divulgate non sarebbero preoccupanti: più o meno simili a quelle di una normale influenza. Quello che preoccupa davvero sono le misure messe in atto dal governo cinese, che ha praticamente messo in quarantena l'intera Cina, bloccando anche fabbriche, scuole, università ecc. Il costo astronomico di queste misure fa ritenere che la situazione abbia una gravità estrema, e non corrisponda per niente alle cifre ufficiali.

ondalunga

Mar, 28/01/2020 - 13:47

@Tommaso_ve: non discuto i suoi numeri, non cerco conferme a ciò che dice forse perchè non sa neanche a quanto ammonti i nostro debito pubblico....fossero 122 miliardi di dollari potremmo festeggiare, cerchi un pò e vedrà che è 20 volte tanto...

nerinaneri

Mar, 28/01/2020 - 15:23

...fermate i barconi cinesi!...

Tommaso_ve

Mar, 28/01/2020 - 15:58

@ondalunga qualche volta anche i più bravi sbagliano... figuriamoci le persone normali come me. ;)