"La mutazione del Covid può mettere a rischio l'efficacia del vaccino"

Una delle ultime varianti è stata riscontrata in Inghilterra, da oggi in lockdown. L'immunologo Cossarizza: "È normale che muti, l'importante è che non lo faccia troppo spesso"

Arriva la serrata anche in Inghilterra, dove si starebbe diffondendo una nuova versione del Coronavirus, più contagiosa rispetto all'originale, ed ora c'è anche chi teme per l'efficacia del vaccino. Proprio nei giorni scorsi, infatti, il Regno Unito ha informato l'Oms di una variante del Covid isolata nel sudest dell'Inghilterra, e anche se ad oggi non si hanno notizie circa l'effettiva pericolosità di questo ceppo, tanto è bastato per far scattare l'allarme.

Il primo ministro Boris Johnson ha preso la decisione di imporre il lockdown per almeno 2 settimane su un terzo della popolazione del suo Paese, così da rallentare la diffusione del contagio. L'annuncio è stato dato nel corso di una conferenza stampa. Il suo provvedimento ha di fatto paralizzato 18 milioni di cittadini.

Tutto questo perché il "nuovo" virus avrebbe una trasmissione del 70%, poco importa che non sia stata ancora dimostrata una sua maggiore letalità o una particolare resistenza al vaccino. A partire da oggi, dunque, il sudest dell'Inghilterra e la stessa Londra saranno in lockdown."Con il cuore pesante devo annunciare che non possiamo avere il Natale che avevamo programmato", ha dichiarato il primo ministro in conferenza stampa, come riportato da "Ansa"."Sembra che il virus circoli più velocemente a causa di una nuova variante, non ci sono prove di una maggiore letalità ma sembra che si propaghi più velocemente. È tutto quello che sappiamo, ma dobbiamo agire adesso", ha aggiunto. "Se i fatti cambiano, bisogna cambiare l'approccio. Quando il virus cambia il suo metodo di attacco, noi dobbiamo cambiare il nostro metodo di difesa".

Immediata la reazione della stampa inglese, letteralmente insorta contro il premier, che pochi giorni prima aveva affermato non voler cambiare le misure proprio a Natale, in quanto si sarebbe trattato di una scelta "disumana". Una giravolta che tanto ricorda quella del presidente del Consiglio italiano, che in autunno chiedeva agli italiani di accettare certi sacrifici per "salvare il Natale". Un salvataggio mai avvenuto.

Adesso non resta che vedere in che modo questa variante del virus influirà sull'andamento della pandemia. In molti temono infatti che questo ceppo non stia circolando solo in Inghilterra, ma anche altrove. Oltre alla variante inglese, fra l'altro, è arrivata notizia di altre varianti del virus riscontrate nel mondo, come il ceppo scoperto in alcuni visoni in Danimarca, o la variabile isolata in Sudafrica. Lo stesso Covid attualmente circolante in Italia e nel resto d'Europa è la variazione del virus originario, denominata D614G. Sulla questione è intervenuto Andrea Cossarizza, immunologo dell'università di Modena e Reggio Emilia, che ha spiegato come una mutazione del virus sia inevitabile, dal momento che questo infetta così tante persone. Più volte il patogeno replica, e più occasioni ha per mutare.

"L'importante è che non lo faccia troppo spesso, come Hiv. E che a variare non siano le regioni contro cui un vaccino induce anticorpi", ha spiegato il medico a "Repubblica". Nel caso dell'Inghilterra, tuttavia, una delle varianti del virus ha delle modificazioni proprio a livello della proteina spike, bersaglio del vaccino. Questo comporterà delle complicanze? "Non possiamo ancora saperlo", ha ammesso Cossarizza. "Immaginiamo di avere una mano aperta ornata da molti anelli, che rappresenta il virus. Gli anticorpi potrebbero legare la base delle dita. In questo caso, se un anello cambia, l'anticorpo non riesce a legare più. Ma se l'anticorpo lega la punta delle dita e uno degli anelli cambia alla base, non abbiamo problemi". Per quanto minimo, c'è il rischio che il vaccino possa risultate meno efficace su una nuova variante del virus. In ogni caso, i vaccini anti-Covid prodotti sono tanti, perciò l'esperto si è mostrato tranquillo:"Mi sembra improbabile che una sola mutazione impedisca a tutti gli anticorpi indotti da un vaccino di funzionare".

Una cosa è certa, il virus continuerà a mutare, è il suo modo di sopravvivere. "È un aspetto quasi evoluzionistico, legato alla pressione selettiva", ha spiegato Cossarizza."Credo che il problema possa essere risolto con vaccini con abbiano un ampio spettro d'azione, eventualmente non solo diretti contro la spike e che facciano intervenire più tipi di risposta immunitaria".

Anche il virologo Fabrizio Pergliasco ha fornito la propria opinione sulla vicenda, dichiarandosi per nulla sorpreso dalla notizia di una nuova variante. Intervistato da "Agi", ha spiegato che di mutazioni "ne sono state individuate già una dozzina". "Le differenze? È come l'altro ma più aggressivo", ha aggiunto. "Le varianti fanno parte dell'adattamento del virus all'ospite. Questo ceppo ci è riuscito, è molto furbo, diciamo così. Ha trovato un meccanismo di aggressione più efficace. Non si diffonde più velocemente quindi, ma è più aggressivo, ha una contagiosità maggiore e quindi una capacità diffusiva maggiore ed è questo quello che preoccupa, ma non stupisce. La capacità infettante è la stessa".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

MonikaHefti

Dom, 20/12/2020 - 12:04

Ad ogni nuovo vaccino, questo virus muterà, e cesserà di essere distruttivo solo quando noi esseri umani daremo un segno di cambiamento smettendola di essere distruttivi nei confronti del pianeta Terra e dei suoi abitanti, altri esseri umani inclusi.

Ilsabbatico

Dom, 20/12/2020 - 12:16

Tranquilli, il virus muterà solo dopo che i governi avranno pagato le multinazionali farmaceutiche per la prima fornitura di questo "vaccino"....

Jon

Dom, 20/12/2020 - 12:27

La VARIANTE di un Virus MAI ISOLATO..!! Vien da ridere..Si e' decodificato solo una piccola parte della stringa genetica, e le varianti possono essere migliaia..!! Il Vaccino e' una operazione Finanziaria, chiamata "Grande Reset". Significa : ammazziamone quanti e' possibile..lo dice nei video Bill Gates, senza Vergogna Alcuna.!! E non si dica : non lo sapevamo! !!

Calmapiatta

Dom, 20/12/2020 - 12:29

Ma davvero? Cioè avete scoperto che i virus influenzali mutano? Caspita, geniacci. Ecco perché il vaccino non serve a nulla. Serve solo per le categorie fragili e, eventualmente, medici e infermieri. Il vaccino di massa è solo un regalo alle industrie farmaceutiche e una panacea per la incapacità dei governi di gestire la situazione emergenziale.

ruggerobarretti

Dom, 20/12/2020 - 12:33

coronavirus=raffreddore. Esiste un vaccino per il raffreddore. Influenza stagionale: fai il vaccino, poi di ammali di altro ceppo influenzale. Poi finche' fosse l'inoculazione di virus attenuato?? Tutt'al piu' ti regalano una falsa illusione. Ma con quelli a RNA, come la mettiamo???

Junger

Dom, 20/12/2020 - 12:50

Intanto quello Pfizer non è un vaccino ma una terapia genica, cosa completamente diversa. Dati statistici sulla risposta anticorpale a questo farmaco non ce ne sono: continuano a ripetere il mantra dell'efficacia al 95% che si riferisce a 100 contagiati in fase 3 con il placebo contro 8 contagiati covid con il "vaccino". Considerato che la fase 3 è stata fatta in piena estate (virus respiratorio inesistente) l'evidenza scientifica pare molto labile. Quando il popolo bue potrà visionare dati statistici riguardo la risposta anticorpale su 1000 /10000 vaccinati ? Non è uno studio difficile da produrre considerati gli investimenti pubblici in campo.

Calmapiatta

Dom, 20/12/2020 - 13:06

L'evidenza scientifica è molto labile, ma i soldoni che entreranno nei forzieri delle casa farmaceutiche sono reali. I governi europei, soprattutto, sono nel panico. Nessuno è stato in grado di comprendere che col virus ci si DEVE convivere, perché oggi c'è il SARS cov2, domani non si sa.

Ritratto di Smax

Smax

Dom, 20/12/2020 - 13:18

Perfetto. Stato di emergenza perenne e un vaccino nuovo all’anno. Che volete di più?

cgf

Dom, 20/12/2020 - 13:29

La mutazione inglese avviene (o meglio pare avvenuta) dopo la conclamata mutazione spagnola, quella che ha provocato la seconda ondata così contagiosa, seppur meno letale, in tutta Europa, GB compresa. NB i vaccini già in fase avanzata, eppure queste domande.. Vogliono attaccare per indebolire la brexit

agosvac

Dom, 20/12/2020 - 13:30

Che questo virus poteva anzi stava mutando, lo si sapeva eppure si è continuato a cercare un vaccino che non avrebbe potuto funzionare sulle nuove mutazioni. Ma perché vaccinarsi se poi questo vaccino non funzionerà??? semplice: i vari Governi lo hanno già acquistato , quindi lo useranno anche se non servirà.

Sempreverde

Dom, 20/12/2020 - 13:44

La campagna del terrore continua con la fase mutazioni. Poi verranno zombie, licantropi e vampiri.

detto-fra-noi

Dom, 20/12/2020 - 14:07

Un'altra capriola, un altro aggiustamento: evvai! Quando la coerenza viene meno dietro c'è sempre un inganno.

Cassandrea

Lun, 21/12/2020 - 11:20

Questo capolavoro di idiozia applicata rende esplicita in maniera oscena e disgustosa quanto le "eccellenze" della "nova sce(me)za" post covid 2020 siano in realtà né virologi né niente, ma "'na maniata 'e sciem'", come si dice a Napoli: In due frasi sostiene che la variante covid del Regno Unito è più aggressiva ed ha una capacità diffusiva maggiore, nelle altre due, che non si diffonde più velocemente e la capacità infettante è la stessa. Un record di contraddizioni in real time! Questi campioni ormai non si limitano a contraddirsi l'un l'altro; né a contraddirsi da soli da un giorno all'altro, ma contraddicono sé stessi in tempo reale, all'istante. Siete della stessa pasta e si vede lontano un miglio. Ritiratevi!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 21/12/2020 - 13:09

Pandemia stagionale, generata e non creata della stessa sostanza... dell'influenza stagionale.