Etiopia, volo diretto a Nairobi precipita: a bordo 157 passeggeri

Il volo, della Ethiopian Airlines era decollato da Addis Abeba da 6 minuti, quando è scomparso dai radar

Etiopia, volo diretto a Nairobi precipita: a bordo 157 passeggeri

Era diretto a Nairobi. Ma il Boeing 737 della Ethiopian Airlines, decollato da Addis Abeba, è precipitato al suolo, prima di ragiungere la capitale del Kenya.

A riferirlo è stato l'ufficio del primo ministro etiope, che ha espresso "a nome del governo e del popolo etiope", le "più sentite condoglianze alle famiglie di coloro che hanno perso i loro cari", confermando così la presenza di vittime nell'incidente aereo. Sembra che a bordo del volo di linea della Ethiopian Airlines, ci fossero 157 passeggeri, tra cui 8 membri dell'equipaggio, secondo quanto riferito dal portavoce della compagnia aerea etiope.

I media di Addis Abeba riferiscono che l'aereo è scomparso dai radar appena 6 minuti dopo il decollo e sarebbe precipitato, alle 8.44 ora locale, vicino alla città di Bishoftu, 62 chilometri a sud-est della capitale. Sembra che, dopo il decollo da Addis Abeba, il Boeing 737 avesse una "velocità verticale instabile".

"Le operazioni di soccorso e salvataggio sono state avviate e non abbiamo informazioni sul numero delle vittime o su possibili superstiti", ha fatto sapere la Ethiopian Airlines. Sembrerebbe, però, che tutti i passeggeri sul volo siano morti nello schianto. Sull'aereo viaggiavano persone di 33 diverse nazionalità, tra le quali sembra ci fossero anche degli italiani. L'aereo precipitato, infatti, faceva parte di una linea usata spesso dagli italiani per raggiungere il Kenya.

La Farnesina, ha reso noto che "sono in corso verifiche da parte dell'Unità di crisi della Farnesina, attivata fin dai primi momenti, per accertare l'eventuale presenza di connazionali a bordo del volo". Secondo le ultime notizie, sarebbero otto gli italiani presenti a bordo, alcuni, forse bergamaschi, legati alle onlus: erano diretti a Nairobi per la quarta sessione dell'assemblea dell'Onu sull'ambiente, che dovrebbe aprirsi domani.

La compagnia ha confermato che non risultano sopravvissuti. Poco dopo le 13.00, la compagnia ha confermato anche la presenza di otto italiani tra le vittime dell'incidente. Tra loro, una coppia di Arezzo e un uomo di Bergamo. In più, nella lista passeggeri risulta anche il nome dell'assessore siciliano Tusa.

L'aereo risultava essere nuovissimo, operativo da appena quattro mesi. Ma quello di oggi non è il primo incidente per l'Ethiopian Airlines: l'ultimo risale al 25 gennaio 2010, quando un aereo era precipitato nel Mediterraneo poco dopo il decollo da Beirut. In quell'occasione, tutte le 90 persone a bordo erano morte.

Commenti