La catena di supermercati Walmart non venderà più i fucili d'assalto

Il portavoce sostiene che si tratti solo di una scelta commerciale, ma in passato erano stati molto criticati

La catena di supermercati Walmart non venderà più i fucili d'assalto

Se si sta a sentire la comunicazione ufficiale della catena di supermercati, il tempismo è solo una coincidenza. Da oggi Walmart smetterà di vendere negli Stati Uniti una serie di armi tra le quali anche il fucile d'assalto AR-15.

Una scelta che sarebbe stata presa per motivi puramente commerciali - vendono poco e Walmart non ha intenzione di smettere di vendere altre armi da fuoco, come quelle da caccia - ma che arriva comunque il giorno dopo la morte di due giornalisti statunitensi, uccisi da un ex collega di lavoro in Virginia.

"Questa scelta è stata presa basandoci solo su quella che è la domanda dei clienti", ha detto il portavoce di Walmart, Kory Lundberg. Della decisione della catena aveva già parlato anche il sito online Quartz.

Resta comunque vero che la facilità con cui sono acquistabili armi semi-automatiche negli Stati Uniti è stata spesso criticata in passata. L'AR-15, fucile d'assalto che Walmart non venderà più, è la stessa arma utilizzata in diverse strage sul suolo americano, compresa quella alla scuola di Newtown, ormai quasi tre anni fa. Appena dopo i fatti, la catena aveva fatto sapere che avrebbe continuato a vendere armi.

Se l'AR-15 sparirà dagli scaffali dei supermercati, non così sarà per le munizioni, che potranno essere trovate anche in futuro.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti