La mostra Quando il Tevere bagnava Hollywood

Un Frank Sinatra sorridente e rilassato che si gode il sole sdraiato in costume sulla spiaggia di Fregene nell’estate del ’56, John Wayne e Sofia Loren all’aeroporto di Ciampino in rientro da un viaggio in Africa, Anita Ekberg e Federico Fellini sul set del film Boccaccio 70. Tre momenti, o meglio tre scatti, che risalgono al periodo della «dolce vita». Anni in cui l’influenza e il fascino del cinema, del costume e del mito americano sono molto forti nel nostro Paese. «L’Italia scopre l’America»: questo il titolo della mostra fotografica in programma alla Casa del Cinema da domani al 21 marzo. Oltre 50 scatti, provenienti dall’archivio Cicconi che rappresentano il legame forte che ha sempre unito gli Stati Uniti e l’Italia. Non solo dal punto di vista storico, ma anche da quello artistico, culturale, cinematografico. Le fotografie in mostra si riferiscono in particolare al periodo che va dal dopoguerra fino alla fine degli anni Settanta. Tra le tante foto in mostra e inserite nel catalogo spicca anche l’immagine di Jaqueline Kennedy che passeggia con la figlia Caroline in una località della costiera amalfitana nel ’62, appena un anno prima dell’attentato di Dallas. Oppure quella che ritrae il grande attore James Stewart, con i figli già grandi a via Veneto nel ’60. Gli altri scatti ci ricordano come questi siano anche gli anni dello sviluppo della rete dei trasporti, con l'apertura della prima linea della metropolitana nella Capitale. Tutte fotografie in grado, più di molte parole o libri scritti sul tema, di raccontare a chi non li ha vissuti o di ricordare a chi allora era giovane, gli aspetti più nascosti della vita sociale italiana dell’epoca. Proprio questo sarà uno dei temi che verranno affrontati nella cerimonia inaugurale della mostra che si terrà domani alle 17 alla Casa del Cinema e a cui prenderanno parte il sottosegretario ai Beni culturali Francesco Maria Giro, l’assessore alle Politiche culturali del Campidoglio Umberto Croppi, lo scrittore Giancarlo Governi, Tony Renis, il giornalista Roberto D’Agostino e lo stesso curatore della mostra Umberto Cicconi.
L’ingresso è gratuito. Orario di apertura al pubblico: martedì-domenica 15 - 19.

Commenti

Grazie per il tuo commento