Musica, Peppe Servillo si mette il frac in onore di Domenico Modugno

Il 5 aprile a Perugia concerto-tributo per
ricordare il grande cantante pugliese. Insieme
col leader degli Avion Travel anche
Furio De Castri e altri jazzisti come
Javier Girotto, MarcoTamburini,
Fausto Mesolella e Mimmo Epifani

Omaggio a Domenico Modugno, il prossimo 5 aprile, all'Auditorium del Hotel Giò Jazz Area di Perugia.
Il progetto musicale dedicato al grande cantante pugliese scomparso nel 1994 a 66 anni, è di Peppe Servillo, voce degli Avion Travel e Furio De Castri, contrabbassista dalla lunga esperienza, che ne ha curato anche la direzione musicale. Sul palco saliranno insieme a loro: Javier Girotto al sax e clarinetto, Marco Tamburini alla tromba, Fausto Mesolella alla chitarra, Mimmo Epifani alla voce, mandola e mandolino e, infine, un monumento del pianojazz italiano, Rita Marcotulli.
«Uomini in frac per scoprire, brano dopo brano - si legge nella nota di presentazione dell'evento - la modernità di Modugno, monumento della canzone italiana e l'affinità giocosa del suo repertorio con altri giganti come Duke Ellington, Leonard Coen, Art Ensemble of Chicago. Non un approccio filologico, ma la poesia vitale dell'interpretazione jazz grazie a una strepitosa formazione. A cominciare dalla voce di Peppe Servillo, quanto di più magicamente teatrale ci sia nel panorama vocale italiano, inconfondibile timbro degli Avion Travel». Servillo interpreterà in prevalenza la parte napoletana del repertorio.
Furio Di Castri ha suonato con i più apprezzati jazzisti dell'ultimo trentennio: da Petrucciani a Rava, da Lacy a Motian, da Joe Henderson a Art Farmer. Del progetto ebbe a dichiarare qualche tempo fa: «Devo dire che ho trovato alcune difficoltà a trovare una chiave con cui leggere la musica di Modugno. Ho sempre considerato il mondo della canzone estraneo alla mia vita di musicista. E di Modugno, in particolare, non ho mai amato quella retorica tipica di una certa Italia da canzonetta. Ho preferito andare a cercare il paradosso nei twist, nel tango, nelle atmosfere orientali, insomma in quei colori da cartolina che venivano suggeriti dagli arrangiamenti dell'epoca».
Il concerto per Mondugno - Uomini in frac - è il sesto della terza stagione del risorto Jazz Club Perugia. L'appuntamento, riferisce una nota degli organizzatori, è fissato per le 20,30 per l'assaggio dei prodotti enogastronomici e alle 21,30 per il concerto.

Commenti

Grazie per il tuo commento