Dal borsone nascosto in cantina spuntano quattro pistole

La scoperta dei cani poliziotto. Arrestato un 30enne nel quartiere Marianella a Napoli, denunciata la moglie

Nella cantina di casa aveva un borsone con quattro pistole, arrestato un 30enne a Napoli. La scoperta porta la firma degli agenti della Squadra Mobile della questura del capoluogo campano ed è avvenuta nella mattinata di martedì nel quartiere di Marianella.

Insieme ai poliziotti c’erano anche i “colleghi” a quattro zampe dell’unità cinofila, il cui fiuto è stato decisivo per scoprire il nascondiglio e ritrovare le armi. Gli agenti con i cani poliziotto si sono presentati alla porta dell’appartamento in cui vivono un uomo, un 30enne e la moglie di 27 anni. Dai controlli è emersa la presenza di una chiave che ha portato i poliziotti direttamente in una cantinola a cui l'uomo aveva accesso. Aperta a porta, gli agenti hanno rinvenuto un borsone sospetto. Il cane Luke, addestrato a fiutare le tracce di esplosivi e polvere da sparo, ha puntato quella sacca facendo capire ai poliziotti che lì dentro poteva nascondersi qualcosa. Il fiuto dell’agente a quattro zampe non s’era ingannato. Nel borsone, infatti, i poliziotti hanno ritrovato quattro pistole e nove cartucce. Una delle armi si è presentata, all’esame degli agenti, con la matricola abrasa.

Le pistole sono state tutte sequestrate e saranno sottoposte agli esami balistici e dattiloscopici del caso. Obiettivo degli investigatori sarà quello di capire se, ed eventualmente da chi, siano state utilizzate per commettere reati. Intanto, il 30enne è stato arrestato. L’uomo risponderà delle ipotesi di reato di ricettazione e detenzione abusiva di armi da fuoco. Delle stesse accuse dovrà rispondere la moglie che non è stata arrestata ma denunciata.

Proseguono, dunque, i controlli delle forze dell’ordine su tutto il territorio per la sicurezza e a contrasto del proliferare delle armi clandestine sull'intero territorio di Napoli. Solo qualche giorno fa, in un’operazione a largo raggio che i poliziotti hanno portato a termine nel territorio del Rione Luzzatti a Poggioreale, era stata sequestrata una pistola replica in metallo, priva del tappo rosso, che era stata nascosta in una scatola all’interno degli spazi condominiali di un edificio residenziale. Un’altra pistola, invece, è stata sequestrata dai carabinieri della compagnia di Bagnoli durante alcuni controlli al Rione Traiano. L’arma era stata nascosta all’interno di una cassetta elettrica di un condominio. Nel vano, oltre alla pistola, c’era anche un passamontagna e poco più di duecento grammi di marijuana.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.