Cronaca locale

Camorra, squadra di calcio costretta a pagare il pizzo per giocare: 4 arresti

Sono 4 le persone arrestate a Torre Annunziata (Napoli) nel corso di un blitz contro la camorra condotto dai carabinieri

Camorra, squadra di calcio costretta a pagare il pizzo per giocare: 4 arresti

Anche lo sport nel mirino della criminalità organizzata. Accade a Torre Annunziata, popoloso comune della provincia di Napoli, dove la locale squadra del "Savoia Calcio" figura tra i soggetti vittime di vari tentativi di estorsione. La scorsa notte, però, a entrare in azione sono stati i carabinieri del Gruppo locale che hanno compiuto un blitz anticamorra. I militari hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare a carico di 4 persone, ritenute legate al clan Gionta.

Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Napoli e arriva al termine di indagini sulla malavita organizzata locale compiute dai carabinieri sotto il coordinamento della Dda, la Direzione Distrettuale Antimafia.

Le 4 persone destinatarie della misura della custodia cautelare in carcere sono indiziati a vario titolo di associazione a delinquere di tipo mafioso ed estorsioni, aggravate dalla modalità mafiosa e dall'agevolazione dell'organizzazione camorristica che è attiva non solo nel comune di Torre Annunziata ma anche nelle aree limitrofe. In particolare, evidenziano gli inquirenti, tra gli episodi contestati c'è una estorsione alla società calcistica "Savoia Calcio" e un’altra all'amministratore di una rivendita ittica. In più sarebbe stato anche chiesto, senza esito positivo, il pizzo ad un elettricista.

Come spiegato dalla Dia nell’ultima relazione, quella relativa al secondo semestre 2021, proprio a Torre Annunziata è ancora forte la presenza dello storico clan Gionta, che si contrappone ai Gallo-Cavalieri. Ma vi è un elemento da non sottovalutare: la nascita di un nuovo gruppo della camorra.

Negli ultimi anni, infatti, si è registrata una terza formazione, chiamata "Quarto Sistema". Il gruppo ha base nel Parco Penniniello ed è composto da giovani affiliati legati da vincoli di parentela con esponenti dei Gallo-Cavalieri e di quello dei Gionta uccisi in epurazioni interne. Con il passare del tempo questa formazione criminale avrebbe aumentato il proprio potere, estendendo la propria influenza anche nel rione popolare chiamato "Piano Napoli" di Boscoreale.

Commenti