Chiedevano fino al 500% di interessi: fermati coniugi usurai a Castellammare di Stabia

Le indagini degli inquirenti sono cominciate poco più di due anni fa, in seguito alla denuncia di un docente, minacciato dalla coppia perché non riusciva a pagare il debito

Chiedevano fino al 500% di interessi: fermati coniugi usurai a Castellammare di Stabia

Una coppia di Castellammare di Stabia, in provincia di Napoli, è stata raggiunta da una misura cautelare per usura e tentata estorsione. La donna è finita in manette, mentre per il marito è stato disposto il divieto di dimora. A denunciare i coniugi napoletani una vittima, che aveva chiesto un prestito di 1.500 euro e dopo sei mesi, per i tassi di interessi illegali applicati dagli strozzini, che arrivavano fino al 500%, doveva riconsegnare più di 8mila euro. L'uomo era disperato e impaurito, perché era tartassato dagli usurai, i quali lo perseguitavano chiedendogli sempre più soldi.

Le indagini degli inquirenti sono cominciate poco più di due anni fa, in seguito alla denuncia di un docente, minacciato dalla coppia perché non riusciva a pagare il debito. L’uomo in 19 mesi aveva versato rate mensili da 450 euro, per un importo di 8.550 euro, ma gli usurai di Castellammare di Stabia chiedevano altro contante, dopo il prestito iniziale di 1.500 euro. L’insegnante è stato minacciato di morte dalla donna, che nella coppia era quella più aggressiva nei confronti delle persone a cui illecitamente aveva prestato dei soldi, e ha deciso di rivolgersi alle forze dell’ordine. L'incubo è finito quando i carabinieri hanno fermato gli strozzini.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Commenti