Fa finta di essere una prostituta e rapina i clienti insieme a un complice

Una coppia di romeni è stata arrestata dalla polizia. I due mettevano a segno i loro colpi tra Castellammare di Stabia, Torre Annunziata e Pompei

Per la sua avvenenza erano tanti i clienti che l’adescavano per un rapporto sessuale a pagamento, ma nessuno immaginava che Octavia Mustafa, 29 anni, originaria della Romania, non fosse una prostituta, ma una ladra. Una volta appartata con la persona che l’aveva assoldata la rapinava, aiutata da un complice, l’amico 27enne Petre Curt, anch’egli di origini romene.

La stessa dinamica era stata utilizzata dalla coppia di rapinatori per derubare clienti tra Castellammare di Stabia, Torre Annunziata e Pompei, in provincia di Napoli, ma l’ultimo colpo è stato fatale per i malviventi. Già seguiti da tempo dalla polizia i due romeni sono stati arrestati a Castellammare, dove gli agenti hanno trovato in macchina un portafoglio contenente 300 euro appena rapinati ad un cliente.

I due ladri sono stati condotti nel carcere di Poggioreale e nella casa di reclusione femminile di Pozzuoli. Pochi mesi fa, a Roma, alcune prostitute hanno rapinato e pestato un cliente. Dopo essersi appartato con una delle tre donne, l’uomo è stato colto alle spalle da un complice delle straniere, che gli ha portato via il portafoglio. Lanciatosi all’inseguimento del ladro, è stato immobilizzato e picchiato.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.