Fisioterapista napoletano pedofilo, chiesti 12 anni di reclusione

Il medico fu arrestato lo scorso mese di agosto, dopo la denuncia presentata dalla madre di una delle bambine, la quale aveva incolpato l’uomo che a suo dire aveva abusato sessualmente della figlia minorenne diversamente abile

La condanna richiesta al giudice per le udienze preliminari di Napoli, Rossella Marro, è di 12 anni di reclusione. Il sostituto procuratore Cristina Ribera non ha dubbi: il fisioterapista napoletano di 54 anni, accusato di abusi sessuali ai danni di tre bimbe affette da autismo, perpetrati in un noto centro di riabilitazione di Posillipo, deve scontare oltre un decennio in carcere.

Il medico fu arrestato lo scorso mese di agosto dalla squadra mobile di Napoli, dopo la denuncia presentata dalla madre di una delle bambine, la quale aveva incolpato l’uomo che a suo dire aveva abusato sessualmente della figlia minorenne diversamente abile.

Nel corso delle indagini, gli inquirenti hanno scoperto che il fisioterapista aveva avuto un comportamento equivoco anche con altre pazienti, tutte non ancora maggiorenni che frequentavano il centro di riabilitazione, alle quali aveva scattato anche delle foto.

In particolare, a tradire il medico le immagini di alcune microcamere disposte dalle forze dell’ordine, dalle quali emergeva la condotta deplorevole dell’uomo nei confronti soprattutto di tre bambine. Il prossimo 21 marzo è stata fissata la nuova udienza, ma le cose per il fisioterapista 54enne, dopo la richiesta del sostituto procuratore, si mettono davvero male

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.