Napoli, ancora sangue: 15enne accoltellato al torace. Caccia al branco

Il nuovo atto di violenza si è consumato a Miano, periferia nord del capoluogo campano. Il ragazzo non è in pericolo di vita. I poliziotti lo hanno ascoltato per ricostruire la dinamica dei fatti

Napoli, ancora sangue: 15enne accoltellato al torace. Caccia al branco

Non si contano più gli episodi di violenza che stanno insanguinando le strade di Napoli, dal centro alla periferie. L’ultima aggressione in ordine di tempo è quella avvenuta in via Caprera, zona Miano, nella notte tra mercoledì e giovedì. A farne le spese un 15enne pestato a sangue e pugnalato all'altezza del cuore da alcuni sconosciuti, forse quattro, che si trovavano in sella a due scooter.

Della nuova sconcertante azione di violenza si sta occupando la polizia che sta cercando di ricostruire la dinamica dei fatti, partendo dal racconto della vittima. Secondo i primi elementi raccolti sembra che l’aggressione sia avvenuta all’improvviso. L’adolescente si trovava in strada quando sarebbe stato avvicinato da due scooter con a bordo quattro uomini.

Due di questi, scesi dal mezzo, si sono avventati contro il ragazzino picchiandolo. Il minore è crollato al suolo ma questo non è bastato agli aggressori: uno di loro, in un tripudio di follia, ha accoltellato il giovanissimo al torace, sul lato sinistro. Compiuto ciò, gli sconosciuti si sono allontanati.

Il ragazzo, che da controlli è risultato incensurato, è stato soccorso e trasportato d'urgenza all'ospedale Cardarelli dove è stato ricoverato in prognosi riservata. Per fortuna il minore non sarebbe in pericolo di vita.

Nel nosocomio sono giunti anche i poliziotti. Gli agenti hanno ascoltato il racconto del 15enne e sono ora al lavoro per ricostruire quanto successo. Le forze dell’ordine stanno verificando se il minore abbia avuto una discussione con qualcuno poco prima dell'aggressione.

Il grave episodio segue di pochi giorni la violenza contro un altro 15enne consumatasi nel centro storico di Napoli. Era lo scorso 24 luglio quando un adolescente, residente nel Comune di Marano, fu aggredito e pugnalato mentre era in compagnia di amici in vicoletto San Giovanni Maggiore, non lontano dall'Università Orientale, zona molto frequentata da giovani che qui si ritrovano per la movida.

Il ragazzino, risultato incensurato, era stato ferito da "un uomo di colore", almeno questa è stata la descrizione fornita da alcuni dei presenti. Tale affermazione è ancora tutta da accertare: al momento, infatti, non c'è stata la tanto attesa svolta nelle indagini.

Subito dopo l’aggressione il ragazzo era stato soccorso e trasportato all’ospedale Pellegrini dove ha subito un primo intervento chirurgico. Il minore era, poi, stato trasferito all’Ospedale del mare dove è stato nuovamente sottoposto ad una operazione. Nelle prime ore le condizioni del minore sembravano disperate: per fortuna il quadro clinico è migliorato lentamente con il passare dei giorni.

Commenti